Assistenza sociosanitaria

Il supporto alle decisioni cliniche può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari

Adv

L’uso dei sistemi di supporto alle decisioni cliniche (CDSS) è associato a miglioramenti del rischio reversibile di malattie cardiovascolari (CVD) tra i pazienti con i livelli più alti di rischio basale, secondo uno studio pubblicato online il 4 febbraio su JAMA Network Open .

Rachel Gold, Ph.D., della Kaiser Permanente Northwest a Portland, Oregon, e colleghi hanno valutato l’impatto di un CDSS mirato al rischio CVD in 70 centri sanitari comunitari (CHC; 42 assegnati in modo casuale a CDSS). La popolazione target includeva  (di età compresa tra 40 e 75 anni) con (1) diabete o CVD aterosclerotica e almeno un fattore di rischio maggiore non controllato per CVD o (2) un rischio CVD totale reversibile ?10%.

Adv

I ricercatori hanno scoperto che il CDSS è stato utilizzato nel 19,8 percento di 91.988 incontri clinici idonei per l’intervento. Non è stata osservata una riduzione a livello di popolazione del rischio CVD tra i pazienti nelle cliniche di controllo o di intervento, ma il rischio reversibile medio è migliorato significativamente di più tra i pazienti nelle cliniche di controllo rispetto a quelle di intervento. Quando è stato utilizzato il CDSS, si sono verificate maggiori riduzioni in entrambe le misure di rischio tra i pazienti con un rischio basale elevato  rispetto alle cliniche di controllo: rischio reversibile medio di -4,4 contro 2,7%.

“L’uso di un CDSS nei COC ha il potenziale per migliorare il rischio reversibile di  tra i pazienti ad alto rischio socioeconomicamente vulnerabili; sono necessarie strategie per aumentare l’adozione di CDSS in questo contesto”, scrivono gli autori.


Maggiori informazioni: Abstract/Testo completo

Editoriale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: