Educazione

Sessualità in sicurtà

Adv

Incorporare il piacere sessuale nei programmi educativi di salute sessuale può migliorare i comportamenti sessuali sicuri

La meta-analisi rileva che gli interventi mirati alla riduzione del rischio di STI/HIV possono trarre vantaggio dalla considerazione del piacere sessuale e del desiderio sessuale

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista ad accesso aperto PLOS ONE , i programmi di salute sessuale che includono il desiderio e il piacere sessuale possono migliorare la conoscenza e gli atteggiamenti nei confronti del sesso, così come l’uso del preservativo rispetto a quelli che non lo fanno . La meta-analisi della letteratura di ricerca dal 2005 al 2020 rileva che incorporare il piacere in tali programmi può avere effetti positivi sugli atteggiamenti e sui comportamenti sessuali più sicuri e raccomanda di rivisitare l’educazione sessuale e gli approcci di intervento sanitario che non riconoscono che le esperienze sessuali possono essere piacevoli.

Adv

Un’illustrazione sui benefici del piacere sessuale e sul suo legame con il sesso sicuro
CREDITO: Ipsita Divedi (The Pleasure Project), CC-BY 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/)

Miliardi di dollari vengono spesi in tutto il mondo ogni anno per servizi e programmi per la salute sessuale e riproduttiva e per i diritti. Tuttavia, con meno di dieci anni per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, che riguardano la salute sessuale e riproduttiva e i diritti riproduttivi, c’è ancora un enorme carico globale di malattie sessualmente trasmissibili e HIV. I ricercatori del The Pleasure Project, del Dipartimento per la salute e la ricerca sessuale e riproduttiva dell’OMS e colleghi esaminano 33 interventi unici mirati alla riduzione del rischio di STI/HIV che incorporano il piacere e ne analizzano otto. Trovano prove che includere il piacere può avere effetti positivi significativi attraverso atteggiamenti basati sull’informazione e sulla conoscenza, inclusa la fiducia in se stessi dei partecipanti nel cambiamento del comportamento e la motivazione all’uso del preservativo, nonché nel comportamento e nell’uso del preservativo.

Mentre gli autori hanno cercato interventi in uno spettro di interventi sulla salute sessuale (inclusi contraccezione e interventi di pianificazione familiare), la revisione alla fine includeva solo programmi relativi a malattie sessualmente trasmissibili/HIV rivolti a popolazioni tradizionalmente considerate “vulnerabili”. Gli autori osservano che è necessario un lavoro futuro per incorporare e valutare gli interventi inclusivi del piacere nello spazio della salute riproduttiva e per le popolazioni in generale.

Il team sostiene che continuare a evitare il piacere nella salute sessuale e nell’istruzione rischia di indirizzare in modo errato o utilizzare in modo inefficace le risorse. I ricercatori chiedono un ripensamento fondamentale di come sono orientati i programmi.

Gli autori aggiungono: “Il piacere è stato trascurato e stigmatizzato nella promozione della salute e nell’educazione sessuale, nonostante la sua ovvia connessione con la salute e il benessere sessuale. La nostra revisione sistematica e meta-analisi, la prima del suo genere, mostra che l’inclusione di considerazioni sul piacere sessuale nei servizi di salute sessuale e riproduttiva migliora l’uso del preservativo e quindi può anche migliorare i risultati della salute sessuale e riproduttiva.

I responsabili politici e i responsabili dei programmi dovrebbero riconoscere più prontamente che il piacere è un fattore chiave del comportamento sessuale e che incorporarlo nei servizi di salute sessuale e riproduttiva può ridurre gli esiti negativi. A otto anni dalla scadenza dell’obiettivo di sviluppo sostenibile, sono urgentemente necessarie strategie innovative che possano accelerare il progresso verso gli obiettivi SRHR, anche per la prevenzione delle IST e dell’HIV. I programmi che adottano un approccio positivo per il sesso e inclusivo del piacere sono una di queste innovazioni che dovrebbero essere prese in considerazione con urgenza”.

Categorie:Educazione, Sessualità

Con tag:,