Donne e diabete

Il danno da preeclampsia può essere visto decenni dopo negli occhi

Adv

Preeclampsia - Medical Concept on Red Background with Blurred Text and Composition of Pills, Syringe and Stethoscope. 3D Render.

Le donne che sviluppano un tipo di pressione alta durante la gravidanza mostrano segni di danni ai piccoli vasi sanguigni negli occhi entro la mezza età, secondo una nuova ricerca. I risultati suggeriscono che le malattie dei piccoli vasi o microvascolari possono spiegare il loro aumentato rischio di malattie cardiache più avanti nella vita.

Adv

La preeclampsia, la pressione alta accompagnata da un eccesso di proteine ??nelle urine, si verifica fino all’8% delle donne in gravidanza . Senza un’adeguata gestione, può portare a gravi complicazioni per la madre e il bambino.

“C’è un crescente riconoscimento del fatto che le  sono una forte componente alla base delle malattie cardiovascolari per le persone nella mezza età e in età avanzata”, ha affermato l’autore principale dello studio, il dottor Michael Honigberg, cardiologo del Massachusetts General Hospital di Boston. “E quindi si potrebbe ragionevolmente chiedere, se una donna ha avuto una sorta di complicazione microvascolare all’inizio della vita durante la gravidanza, c’è qualcosa di anormale in quella donna in termini di funzione microvascolare e salute più avanti nella vita?”

I ricercatori hanno utilizzato i dati di oltre 19.000  che avevano in media 54 anni. Avevano partorito per la prima volta in media 28 anni prima. Hanno avuto diverse scansioni e test tra il 2006 e il 2010, comprese le immagini delle loro retine e gli esami delle urine. Tra loro, le 281 donne che avevano l’ipertensione in gravidanza sono state confrontate con donne che non l’avevano. I risultati sono stati pubblicati lunedì sulla rivista Circulation dell’American Heart Association .

Le donne con una storia di preeclampsia avevano ancora un aumento delle proteine ??nelle urine, un segno di danno renale. Avevano anche una densità molto più bassa dei minuscoli vasi sanguigni negli occhi, che uno studio del 2021 in Circolazione ha collegato a condizioni come ipertensione,  , insufficienza renale, diabete di tipo 2 e apnea notturna.

Ciò suggerisce che le immagini della retina, che possono essere scattate in modo non invasivo, possono essere uno strumento utile per prevedere il rischio di numerose condizioni.

“È difficile esaminare direttamente le malattie microvascolari nel cuore perché sarebbe necessario eseguire test cardiaci più coinvolti”, ha affermato l’autore senior dello studio, il dott. Pradeep Natarajan, direttore della cardiologia preventiva presso il Massachusetts General Hospital. “Quindi qui abbiamo la capacità di esaminare i cambiamenti microvascolari a basso costo attraverso un altro organo vascolarizzato. Un’ulteriore comprensione può aiutare a sviluppare nuove terapie per affrontare questo processo”.

Per ora, ha affermato Honigberg, i risultati possono aiutare le donne e i loro medici a riconoscere l’eccesso di rischio a lungo termine in coloro che hanno avuto la preeclampsia e ad intraprendere azioni che sono note per ridurre il rischio di malattie cardiache in generale, come cambiamenti nello stile di vita e farmaci per trattare i fattori di rischio.

Le donne nello studio che avevano ipertensione gestazionale –  in gravidanza senza altri segni – non hanno mostrato cambiamenti nella densità dei loro vasi oculari dopo che i ricercatori hanno aggiustato la pressione sanguigna attuale e altri fattori.

“Hanno dimostrato che la diminuzione della densità vascolare retinica è specifica per la preeclampsia”, ha affermato la dott.ssa Vesna Garovic, presidente della divisione di nefrologia e ipertensione presso la Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, che non è stata coinvolta nello studio. “Pertanto, questa ricerca può essere molto importante in termini di stratificazione di diversi disturbi ipertensivi della gravidanza e del loro effetto specifico sulle malattie cardiovascolari”.

Poiché lo studio includeva principalmente donne bianche, i ricercatori hanno affermato che non è chiaro quanto i risultati si applichino ad altre razze ed etnie. Le  di colore , secondo ricerche precedenti , hanno maggiori probabilità di sviluppare la preeclampsia.

Sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio la tempistica dei cambiamenti microvascolari rispetto alla preeclampsia e alle successive malattie cardiache e per confermare la validità dell’utilizzo delle immagini retiniche per predire il rischio cardiovascolare, ha affermato Garovic, che ha guidato la stesura di una dichiarazione scientifica dell’AHA sull’ipertensione . in gravidanza pubblicato a dicembre.

Potrebbe risultare, ha detto Garovic, che proprio come gli occhi sono stati chiamati la finestra sull’anima, anche gli occhi “sono le finestre sulla salute cardiovascolare”.

Categorie:Donne e diabete

Con tag: