Sport e movimento

Vuoi campare a lungo? Tutta questione di esercizi

Adv

20 minuti di esercizio quotidiano a 70 anni possono prevenire le principali malattie cardiache in tarda età

” Per ottenere i massimi benefici cardiovascolari dovrebbero essere raccomandati almeno 20 minuti di attività fisica da moderata a vigorosa al giorno”.

Venti minuti di esercizio quotidiano da moderato a vigoroso nella prima età (70-75 anni) possono allontanare meglio le principali malattie cardiache, inclusa l’insufficienza cardiaca, nella tarda età (80+), suggerisce una ricerca pubblicata online sulla rivista  Heart .

Adv

I risultati rafforzano la massima “meglio tardi che mai”, quando si tratta di esercizio, ma prima in età avanzata è ancora meglio, conclude un editoriale collegato.

Non è un segreto che l’ attività fisica sia associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari e a una vita più lunga , indipendentemente dal sesso e dall’etnia, con i benefici che maturano di pari passo con lo sforzo impiegato.

Ma relativamente pochi studi hanno esaminato esclusivamente se l’esercizio in età avanzata può aiutare a scongiurare malattie cardiache e ictus in età avanzata.

Per colmare questa lacuna di conoscenza, i ricercatori hanno attinto ai dati del Progetto Veneto Anziani (ProVA), uno studio su 3099 italiani più anziani (65 anni e oltre). 

Tra il 1995 e il 1997 sono state effettuate valutazioni iniziali, tra cui una dettagliata anamnesi, esame fisico , scansioni e una serie di esami del sangue, con due ulteriori valutazioni 4 e 7 anni dopo.

All’inizio dello studio, le donne avevano più probabilità degli uomini di avere 4+ condizioni coesistenti, con una maggiore prevalenza di osteoartrite, osteoporosi e malattia renale cronica ; la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e il diabete erano più comuni tra gli uomini.

I partecipanti hanno compilato questionari sui loro livelli di attività fisica in ciascuno dei punti temporali. L’attività fisica moderata includeva passeggiate, bocce e pesca, mentre un’attività fisica vigorosa includeva giardinaggio, allenamenti in palestra, ciclismo, ballo e nuoto. 

Sono stati definiti attivi coloro la cui attività fisica ammontava a 20 o più minuti al giorno; quelli che hanno accumulato meno di questo sono stati definiti inattivi. Gli uomini avevano maggiori probabilità di essere fisicamente attivi rispetto alle donne.

I cambiamenti nei modelli di attività fisica sono stati definiti come: stabile-basso (inattivo-inattivo); alto decrescente (attivo-inattivo); a basso aumento (inattivo-attivo); e stabile-alto (attivo-attivo). 

Sono state raccolte anche altre informazioni di base potenzialmente chiave sul reddito familiare, sul livello di istruzione, sul numero di componenti della famiglia e sul fumo e sul bere.

La salute di tutti i partecipanti è stata quindi monitorata attraverso il collegamento ai registri delle dimissioni ospedaliere e alla certificazione di morte fino alla fine di dicembre 2018. L’analisi finale includeva 2754 partecipanti con dati completi, di cui 1398 donne (60%).

Durante il periodo di monitoraggio sono state effettuate 1037 nuove diagnosi di malattie cardiache, insufficienza cardiaca e ictus.

L’aumento dei livelli di attività fisica e il mantenimento di uno stile di vita attivo nel tempo sono stati associati a minori rischi di malattie cardiovascolari e morte sia negli uomini che nelle donne.

La più grande riduzione del rischio è stata osservata per i nuovi casi di malattia coronarica e insufficienza cardiaca in tarda età. Non è stata osservata alcuna associazione significativa tra attività fisica e ictus.

La maggior parte dei partecipanti ha avuto modelli di attività fisica attiva stabili nel tempo. I modelli di attività fisica stabile alta erano associati a un rischio significativamente inferiore (52%) di malattie cardiovascolari tra gli uomini rispetto a quelli con modelli stabili bassi.

I maggiori benefici sembravano verificarsi all’età di 70 anni. Il rischio era solo marginalmente inferiore all’età di 75 anni e non era inferiore all’età di 80-85 anni, suggerendo che il miglioramento dell’attività fisica precocemente in età avanzata potrebbe avere l’impatto maggiore, ad esempio i ricercatori.

È stata anche osservata una curva a forma di J per la durata dell’esercizio, con la più netta riduzione di malattie cardiache e insufficienza cardiaca associata a un periodo compreso tra 20 e 40 minuti di attività fisica da moderata a vigorosa ogni giorno.

Mentre le associazioni osservate erano più forti tra gli uomini, i ricercatori sottolineano: “Le donne che fanno più attività fisica avevano tassi di incidenza costantemente più bassi di quasi tutti gli esiti cardiovascolari nonostante il fatto che la riduzione del rischio non raggiungesse la significatività statistica, ma quando si considera la mortalità complessiva, i rischi erano notevolmente ridotto».

Questo è uno studio osservazionale e, in quanto tale, non può stabilire la causa. I ricercatori riconoscono che lo studio si basava sul ricordo dei partecipanti, che i livelli di attività fisica erano valutati soggettivamente e che non erano disponibili dati sui livelli di attività fisica di mezza età, che potrebbero aver influenzato i profili di rischio cardiovascolare in tarda età.

Tuttavia, concludono: “Questi risultati suggeriscono che le politiche di salute pubblica dovrebbero essere mirate a promuovere o iniziare l’attività fisica nella metà e nella prima età avanzata, data una probabile maggiore efficacia nel ridurre i rischi cardiovascolari.

” Per ottenere i massimi benefici cardiovascolari dovrebbero essere raccomandati almeno 20 minuti di attività fisica da moderata a vigorosa al giorno”.

In un editoriale collegato, i dottori Enrico Fabris e Gianfranco Sinagra dell’Università di Trieste, Italia, spiegano che l’attività fisica aiuta a migliorare il flusso sanguigno arterioso e può ridurne la viscosità e quindi la formazione di coaguli di sangue.

“Tuttavia, i meccanismi dettagliati attraverso i quali [l’attività fisica] può ridurre il rischio futuro di [malattie cardiovascolari] non sono ancora del tutto chiari”, sottolineano. 

“L’effetto favorevole di [attività fisica] può essere semplicemente spiegato dalla sua capacità di rallentare il processo di aterosclerosi attraverso un migliore controllo della pressione sanguigna, del livello di glucosio nel sangue e del profilo lipidico”.

Ma i risultati mostrano: “che ‘il movimento è una medicina’ anche in tarda età. Anche una piccola quantità di [attività fisica] può conferire effetti benefici nelle persone anziane, ma se intrapresa presto piuttosto che tardi”, concludono.

Maggiori informazioni: Associazione delle traiettorie di attività fisica con le principali malattie cardiovascolari negli anziani, Heart (2022). heart.bmj.com/lookup/doi/10.11 … heartjnl-2021-320013