Educazione

Diabetici massicci: l’educazione intensiva migliora i risultati glicemici nel diabete di tipo 1 di nuova insorgenza

Adv

Secondo i dati dello studio, l’ educazione intensiva sul diabete con l’inizio precoce del monitoraggio continuo del glucosio è associata a miglioramenti dell’HbA1c per i bambini con diabete di tipo 1.

Fit woman crawling under the net during obstacle course while fit people cheering

I ricercatori della Stanford University hanno implementato il programma 4T – lavoro di squadra, obiettivi, tecnologia e controllo rigoroso – per concentrarsi più da vicino sulla gestione del diabete per i bambini con diabete di tipo 1 di nuova insorgenza. I partecipanti al programma 4T avevano una HbA1c media più bassa a 6, 9 e 12 mesi dopo la diagnosi rispetto a un gruppo di bambini con diabete di tipo 1 che ricevevano un’educazione standard sul diabete.

Adv

“L’inizio precoce della CGM subito dopo la diagnosi di diabete di tipo 1 è stato ben accolto dai pazienti e dalle famiglie e ha comportato una riduzione dell’HbA1c dello 0,5% rispetto ai controlli storici”, David M. Maahs, MD, capo divisione di endocrinologia pediatrica presso Stanford Children’s Health, ha affermato. “L’uso del monitoraggio remoto e di un dashboard sulla popolazione ha consentito agli educatori certificati per il diabete di monitorare in modo asincrono i valori glicemici e fornire educazione sul diabete e aggiustamenti della dose tra le visite cliniche”.

Maahs e colleghi hanno arruolato 135 bambini con nuova diagnosi di diabete di tipo 1 presso la Stanford Children’s Health tra luglio 2018 e giugno 2020 nel programma 4T (età mediana, 9,7 anni; 52,6% maschi; 37% bianchi). Coloro che hanno scelto di avviare CGM hanno avuto una visita di follow-up con uno specialista certificato nella cura del diabete e nell’educazione per avviare la tecnologia. Anche quelli diagnosticati a marzo 2019 o successivamente hanno potuto partecipare al monitoraggio remoto (n = 89). I dati CGM sono stati trasferiti a cartelle cliniche elettroniche e rivisti settimanalmente. Specialisti certificati della cura e dell’educazione del diabete hanno raccomandato aggiustamenti della dose di insulina, se necessario.

I risultati sono stati pubblicati su The Journal of Clinical Endocrinology Metabolism .

Il programma 4T migliora i risultati glicemici

Il gruppo del programma 4T aveva una HbA1c più alta al basale rispetto al gruppo storico (12,2% contro 10,7%), ma non c’erano altre differenze significative tra le coorti. Il gruppo storico ha avuto un aumento di HbA1c a 4 mesi, con HbA1c in costante aumento nel tempo, mentre il gruppo del programma 4T ha avuto un aumento più graduale di HbA1c. La coorte del programma 4T aveva una HbA1c media inferiore dello 0,54% a 6 mesi, dello 0,52% inferiore a 9 mesi e dello 0,58% inferiore a 12 mesi rispetto alla coorte storica. L’HbA1c media è aumentata tra 4 e 12 mesi dell’1,47% nel gruppo storico rispetto all’1,32% nel gruppo del programma 4T ( P <.001).

All’interno della coorte del programma 4T, i bambini che non hanno partecipato al monitoraggio remoto hanno avuto un aumento dell’HbA1c più precoce e più rapido rispetto a quelli che avevano il monitoraggio remoto, sebbene entrambi i gruppi avessero un HbA1c inferiore a 12 mesi rispetto alla coorte storica. Coloro che avevano il monitoraggio remoto avevano una HbA1c media inferiore dello 0,14% a 6 mesi, dello 0,18% inferiore a 9 mesi e dello 0,14% inferiore a 12 mesi rispetto ai partecipanti 4T senza monitoraggio remoto.

A 3 mesi, la coorte storica aveva una percentuale maggiore di bambini che raggiungevano un target di HbA1c inferiore al 7,5%. A 12 mesi, la coorte del programma 4T aveva una percentuale maggiore di bambini con HbA1c inferiore al 7,5% rispetto al gruppo storico (66% vs. 43%; P <.01).

“Non sono stato sorpreso, ma gratificato [da] l’impatto positivo dell’accesso precoce e dell’educazione alla CGM per i bambini e le famiglie”, ha detto Maahs. “Siamo stati anche molto lieti che tutti i pazienti, con assicurazione privata o pubblica, di lingua inglese o meno, abbiano potuto partecipare e beneficiare del programma”.

Superare le barriere

L’indicatore di gestione del glucosio è stato calcolato a intervalli di 2 settimane a causa della mancanza di dati sull’HbA1c ad alcuni partecipanti a causa della pandemia di COVID-19. I modelli degli indicatori di gestione del glucosio nel gruppo del programma 4T erano simili a quelli osservati con HbA1c, con il valore più basso che arrivava da 10 a 20 settimane dopo la diagnosi. Anche il tempo nell’intervallo era più alto tra 10 e 20 settimane ed è diminuito lentamente durante lo studio. Il tempo medio nell’intervallo per il gruppo del programma 4T è stato del 66% durante lo studio e del 63% a 12 mesi.

I risultati hanno mostrato che il programma 4T può portare a miglioramenti nei risultati glicemici, ma Maahs ha affermato che ci sono diversi ostacoli che devono essere affrontati per consentire l’attuazione del programma in altre cliniche.

“Il trasferimento dei dati per l’uso può essere una grande sfida e siamo fortunati ad avere un eccellente gruppo di ingegneri e data scientist a Stanford che sono essenziali per il programma”, ha affermato Maahs. “Miriamo a sviluppare e condividere questo sistema di dashboard, Interventi tempestivi per l’eccellenza del diabete, con altri programmi. Inoltre, molti programmi non hanno un supporto sufficiente da parte di specialisti certificati nella cura del diabete e nell’istruzione per fornire tutta l’istruzione che vorrebbero. Allo stesso modo, gli specialisti certificati della cura e dell’istruzione del diabete trascorrono troppo tempo in scartoffie assicurative, invece di educare e prendersi cura dei pazienti”.


Divulgazioni: Maahs riferisce di aver ricevuto supporto per la ricerca da Helmsley Charitable Trust, JDRF, National Science Foundation e NIH e consulenza per Abbott, Eli Lilly, Helmsley Charitable Trust, Insulet, Novo Nordisk e Sanofi. L’istituto di Maahs ha ricevuto il supporto della ricerca da Bigfoot Biomedical, Dexcom, Insulet, Medtronic, Roche e Tandem. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.