Ricerca

La composizione del microbioma intestinale predice l’insorgenza del diabete di tipo 2

Adv

Un nuovo studio ha identificato le firme microbiche che predicevano l’insorgenza del diabete di tipo 2 durante quasi 16 anni di follow-up in un’ampia coorte di popolazione finlandese. Questo studio è stato condotto da ricercatori dell’Università di Turku e dell’Istituto finlandese di salute e benessere (THL), insieme a partner internazionali.

Il gruppo di ricerca internazionale ha utilizzato tecniche di apprendimento automatico mirate per scoprire se segnali specifici nella composizione del microbioma intestinale fossero associati a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Hanno identificato sei gruppi batterici della famiglia Lachnospiraceae e dei suoi parenti stretti che erano associati a un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 durante il follow-up.

“Le persone della Finlandia orientale e occidentale sono note per avere differenze sia genetiche che di stile di vita, che si riflettono anche nella loro salute. Nonostante queste differenze, i microbi identificati nella ricerca erano fortemente associati a malattie incidenti in tutta la Finlandia”, spiega uno dei due autori principali dell’articolo di ricerca, il ricercatore post-dottorato Matti Ruuskanen dell’Università di Turku.

“Queste specie batteriche sono state anche precedentemente collegate al diabete di tipo 2 prevalente e a molte altre malattie metaboliche, come la steatosi epatica. Sembrano anche essere almeno in parte legate alla qualità della dieta”, afferma l’altro autore principale, ricercatore post-dottorato Pande Erawijantari.

I risultati di questo studio supportano nozioni precedenti sui legami tra diabete dell’età adulta, abitudini alimentari e malattie metaboliche, probabilmente modulate dal microbioma intestinale.

I fattori di rischio aiutano a prevedere l’insorgenza della malattia

La prevalenza del diabete di tipo 2 è ancora in aumento in tutto il mondo. La malattia ha un forte impatto sulla qualità della vita ed è riconosciuta come un problema serio e costoso per la salute pubblica. La prevenzione e il trattamento del diabete dell’età adulta sono quindi temi di ricerca molto importanti.

“Una strategia praticabile per prevenire lo sviluppo della malattia sarebbe identificare i primi segni del diabete di tipo 2 per intraprendere misure preventive, come la modifica dello stile di vita”, afferma Matti Ruuskanen.

Ricerche precedenti hanno identificato diversi fattori di rischio per il diabete di tipo 2, come fattori genetici, stile di vita e fattori ambientali. Inoltre, anche i cambiamenti nella composizione del microbioma intestinale sono stati associati al diabete di tipo 2, ma studi precedenti hanno riportato principalmente differenze tra i volontari sani e quelli a cui era già stata diagnosticata la malattia.

“I risultati di questo studio ci aiutano a comprendere meglio i fattori di rischio del diabete di tipo 2 e potrebbero aiutare nello sviluppo di trattamenti più efficaci in futuro”, afferma Pande Erawijantari.

L’analisi è stata condotta studiando campioni fecali raccolti da una coorte di popolazione finlandese ampia, rappresentativa e unica, FINRISK 2002. Durante il campionamento sono stati raccolti ampi dati sanitari da oltre 5.000 partecipanti e l’incidenza della malattia è stata monitorata per quasi 16 anni attraverso la salute elettronica record. Ciò ha consentito l’identificazione di biomarcatori microbici che predicevano l’incidenza del diabete di tipo 2 nei partecipanti sani all’esame di base.

“La composizione del microbioma intestinale è predittiva del diabete di tipo 2 incidente in una coorte di popolazione di 5.572 adulti finlandesi” è stato pubblicato sulla rivista Diabetes Care .

Ulteriori informazioni: Matti O. Ruuskanen et al, La composizione del microbioma intestinale è predittiva del diabete di tipo 2 incidente in una coorte di popolazione di 5.572 adulti finlandesi, Diabetes Care (2022). DOI: 10.2337/dc21-2358

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: