Terapie

L’intolleranza alle statine è “sopravvalutata e sovradiagnosticata”

Adv

Il più grande studio al mondo mostra che meno del 10% soffre di effetti collaterali causati dal farmaco

Fino a un paziente su due interrompe l’assunzione di statine, riduce la dose o le assume in modo irregolare perché ritiene che i farmaci per abbassare il colesterolo causino dolore muscolare e altri effetti collaterali. Ora, un nuovo studio su oltre quattro milioni di pazienti ha dimostrato che la vera prevalenza dell’intolleranza alle statine nel mondo è compresa tra il sei e il dieci percento.

Gli autori della ricerca, pubblicata sull’European Heart Journal[1], affermano che i loro risultati mostrano che l’intolleranza alle statine è sovrastimata e sovradiagnosticata, con il risultato che i pazienti sono maggiormente a rischio di problemi al cuore e ai vasi sanguigni, inclusi morte, causata da livelli elevati di colesterolo.

Adv

Ci sono prove forti e inequivocabili che il trattamento con statine fa una differenza significativa nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e nel morire a causa di esse. Le statine sono tra i farmaci più comunemente prescritti. Tuttavia, fino ad ora, non è stato chiaro quale percentuale di persone sia veramente intollerante al farmaco, con rapporti incoerenti da studi, studi randomizzati controllati e database che suggeriscono che potrebbe variare dal 5 al 50%.

I ricercatori guidati dal professor Maciej Banach, dell’Università di Medicina di Lodz e dell’Università di Zielona Góra, Polonia, per conto della Lipid and Blood Pressure Meta-Analysis Collaboration e dell’International Lipid Expert Panel (ILEP), hanno condotto una meta-analisi di 176 studi con 4.143.517 pazienti in tutto il mondo. Lo scopo era identificare la prevalenza complessiva dell’intolleranza alle statine e la prevalenza secondo diversi criteri diagnostici. Volevano anche identificare quali fattori potrebbero mettere le persone a maggior rischio di intolleranza alle statine.

Hanno scoperto che la prevalenza complessiva era del 9,1%. La prevalenza era ancora inferiore se valutata secondo i criteri diagnostici della National Lipid Association, dell’ILEP e della European Atherosclerosis Society: rispettivamente 7%, 6,7% e 5,9%.

Il Prof. Banach ha dichiarato: “Questi risultati non sono stati una sorpresa per me, ma lo sono stati per molti altri esperti. Essi mostrano che nella maggior parte dei casi l’intolleranza alle statine è sovrastimata e sovradiagnosticata, e significano che circa il 93% dei pazienti in terapia con statine può essere trattato efficacemente, con un’ottima tollerabilità e senza problemi di sicurezza.

“I nostri risultati significano che dovremmo valutare i sintomi dei pazienti con molta attenzione, in primo luogo per vedere se i sintomi sono effettivamente causati dalle statine e, in secondo luogo, per valutare se potrebbero essere le percezioni dei pazienti che le statine sono dannose – il cosiddetto effetto nocebo o drucebo – che potrebbe essere responsabile di oltre il 50% di tutti i sintomi, piuttosto che del farmaco stesso”.

I ricercatori hanno anche scoperto che le persone anziane, di sesso femminile, di razza nera o asiatica, obese o affette da diabete, ghiandole tiroidee ipoattive o insufficienza epatica o renale cronica avevano maggiori probabilità di essere intolleranti alle statine. Inoltre, i farmaci per controllare il battito cardiaco irregolare (aritmia), i calcio-antagonisti (spesso prescritti per il dolore toracico e l’ipertensione), l’uso di alcol e dosi più elevate di statine erano associati a un rischio maggiore di intolleranza alle statine. L’aumento del rischio di intolleranza alle statine variava dal 22% (alto consumo di alcol) al 48% (essendo donne) in questi gruppi.

“È di fondamentale importanza conoscere questi fattori di rischio in modo da poter prevedere efficacemente che un particolare paziente è a più alto rischio di intolleranza alle statine. Quindi possiamo considerare in anticipo altri modi per trattarli al fine di ridurre il rischio e migliorare l’aderenza al trattamento. Ciò potrebbe includere dosi di statine più basse, terapia combinata e uso di nuovi farmaci innovativi”, ha affermato il Prof. Banach.

I ricercatori riconoscono alcune limitazioni alla loro meta-analisi, come le differenze tra i pazienti inclusi in diversi studi e la mancanza di informazioni sulla quantità di consumo di alcol e sui tipi di esercizio. Tuttavia, hanno tentato di ridurre il rischio di bias da questi, e questo è aiutato dal gran numero di studi e pazienti inclusi nell’analisi.

“Credo che la dimensione del nostro studio, che è il più grande al mondo per indagare su questa domanda, significhi che siamo in grado di rispondere in modo definitivo ed efficace alla domanda sulla vera prevalenza dell’intolleranza alle statine”, ha affermato il prof. Banach. “Questi risultati mostrano chiaramente che i pazienti non devono aver paura della terapia con statine in quanto è molto ben tollerata fino al 93%, che è simile o addirittura migliore di altri farmaci cardiologici, compresi quelli per la riduzione della pressione sanguigna e la coagulazione o il blocco vasi sanguigni. Inoltre, i pazienti devono sapere che le statine possono prolungare la loro vita e, nei casi in cui compaiono effetti collaterali, abbiamo conoscenze sufficienti per gestirli in modo efficace. Il messaggio più importante per i pazienti a seguito di questo studio è che dovrebbero continuare a prendere le statine secondo la dose prescritta,

“Lo stesso chiaro messaggio può essere indirizzato ai medici che curano pazienti con livelli di colesterolo alti. La maggior parte dei casi di intolleranza alle statine osservati nella pratica clinica sono associati a effetti causati da idee sbagliate dei pazienti sugli effetti collaterali delle statine o possono essere dovuti ad altri motivi. Pertanto, dovremmo valutare attentamente i sintomi, valutando in dettaglio la storia medica dei pazienti, quando sono comparsi i sintomi, dettagli specifici del dolore, altri farmaci che i pazienti stanno assumendo e altre condizioni e fattori di rischio. Quindi vedremo che le statine possono essere utilizzate in sicurezza nella maggior parte dei pazienti, il che è di fondamentale importanza per ridurre i livelli di colesterolo e prevenire malattie e morte del cuore e dei vasi sanguigni”.

[1] “Prevalenza dell’intolleranza alle macchie: una meta-analisi”, di Ibadete Bytyci et al. Eurpean Heart Journal . doi:10.1093/eurheartj/ehac015

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: