Equilibrio

THE LANCET: azione unitaria per ridurre il peso globale della depressione

Adv
  • Si stima che il 5% degli adulti nel mondo soffra di depressione ogni anno, eppure rimane una crisi sanitaria globale trascurata, che ha il suo esordio più frequente nei giovani.
  • La scarsa comprensione di questa condizione e la mancanza di risorse psicosociali e finanziarie hanno un impatto sulla prevenzione, la diagnosi, il trattamento e la prosperità economica delle nazioni.
  • La Lancet-World Psychiatric Association Commission delinea raccomandazioni ambiziose per affrontare le disuguaglianze e l’abbandono diffuso nella diagnosi, nel trattamento e nella prevenzione, inclusa la definizione di un approccio innovativo graduale alla cura e all’intervento precoce e la fornitura di assistenza collaborativa in contesti con risorse limitate e in altri contesti
  • Gli esperti chiedono un approccio globale alla prevenzione della depressione per ottenere benefici simili a quelli in altri campi come le malattie cardiache e il cancro, garantendo un perseguimento olistico degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Il mondo non riesce ad affrontare la crisi globale persistente e sempre più grave della depressione che sta affrontando, secondo una Commissione sulla depressione di Lancet e della World Psychiatric Association, che chiede una risposta dell’intera società per ridurre il carico globale della depressione.

Nonostante le abbondanti prove che si può fare molto per prevenire la depressione e favorire il recupero anche in contesti con risorse limitate, si stima che il 5% della popolazione adulta in tutto il mondo in ogni anno conviva con la depressione [1]. Nei paesi ad alto reddito, circa la metà delle persone che soffrono di depressione non viene diagnosticata o curata, e questa percentuale sale all’80-90% nei paesi a basso e medio reddito. La pandemia di COVID-19 ha creato ulteriori sfide, con l’isolamento sociale, il lutto, l’incertezza, le difficoltà e l’accesso limitato all’assistenza sanitaria che hanno messo a dura prova la salute mentale di milioni di persone.

In questo contesto, il “Time for united action on depression” della Commissione chiede sforzi concertati e collaborativi da parte di governi, operatori sanitari, ricercatori, persone che vivono con la depressione e le loro famiglie per migliorare l’assistenza e la prevenzione, colmare le lacune nelle conoscenze e aumentare la consapevolezza affrontare una delle principali cause di sofferenza evitabile e di morte prematura in tutto il mondo. È scritto da 25 esperti di 11 paesi che abbracciano discipline dalle neuroscienze alla salute globale e consigliato da persone con esperienza di depressione.

“La depressione è una crisi sanitaria globale che richiede risposte a più livelli. Questa Commissione offre un’importante opportunità per un’azione unita per trasformare gli approcci alla cura e alla prevenzione della salute mentale a livello globale. Investire nella riduzione del peso della depressione darà a milioni di persone la possibilità di diventare membri della società più sani, più felici e più produttivi, contribuire a rafforzare le economie nazionali e far avanzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite per il 2030″, afferma la professoressa Helen Herrman, presidente della Commissione di Orygen, National Center for Excellence in Youth Mental Health e The University of Melbourne, Australia. [2]

Il co-autore, il dottor Charles Reynolds dell’Università di Pittsburgh, USA, afferma: “Sappiamo che la maggior parte delle persone con depressione in tutte le fasi della vita si riprenderà se ottengono supporto e trattamento adeguati. Con una solida scienza, volontà politica e responsabilità condivisa, la depressione può essere prevenuta e curata e le conseguenze potenzialmente invalidanti possono essere evitate. Dobbiamo responsabilizzare le persone con esperienza di depressione insieme alle famiglie, ai professionisti, ai responsabili politici e alla società civile per affrontare lo tsunami di bisogni insoddisfatti, condividendo le loro esperienze per ridurre lo stigma, sostenendo gli altri con informazioni sulla condizione e sulle possibilità di aiuto e sostenendo una maggiore risorse per approcci basati sull’evidenza. [2]

Una condizione poco riconosciuta e compresa

La depressione è una condizione comune in tutto il mondo, eppure, nonostante ciò, molti miti continuano a circondarla, perpetuando l’inazione. Questi includono idee sbagliate comuni sul fatto che la depressione sia semplicemente tristezza, un segno di debolezza o limitata a determinati gruppi culturali. I Commissari sottolineano che la depressione è una condizione di salute distinta caratterizzata dalla sua persistenza, effetto sostanziale sul funzionamento quotidiano e conseguenze sulla salute a lungo termine. Può colpire chiunque, indipendentemente da sesso, background, classe sociale o età, vi è variabilità nei tipi e nella prevalenza dei sintomi e dei segni depressivi tra culture e popolazioni. Il rischio di depressione aumenta in contesti di avversità, tra cui povertà, violenza, sfollamento e discriminazione di genere, razziale e altre forme di discriminazione.

La depressione è collegata a un’ampia varietà di malattie fisiche croniche e la salute fisica di una persona può influenzare la sua salute mentale e viceversa. Nel peggiore dei casi, la depressione può portare al suicidio. Gli studi indicano che il 70%-80% delle persone che muoiono per suicidio nei paesi ad alto reddito, e circa la metà di quelle nei paesi a basso e medio reddito, soffre di malattie mentali, di cui la depressione è la causa più comune. La depressione ha anche un enorme e poco riconosciuto tributo sociale ed economico su individui, famiglie, comunità e paesi. Anche prima della pandemia di COVID-19, la perdita di produttività economica legata alla depressione è costata all’economia globale circa 1 trilione di dollari all’anno [3].

“Probabilmente non c’è nessun’altra condizione di salute che sia così comune, onerosa, universale o curabile come la depressione, ma riceve poca attenzione e risorse politiche”, afferma Christian Kieling, copresidente della Commissione, professore associato dell’Universidade Federal do Rio Grande do Sul in Brasile. “È difficile accedere a trattamenti psicosociali e medici efficaci, mentre alti livelli di stigma impediscono ancora a molte persone, inclusa l’elevata percentuale di adolescenti e giovani a rischio o che soffrono di depressione, di cercare l’aiuto necessario per avere una vita sana e produttiva”. [2]

La prevenzione è essenziale per ridurre il peso della depressione

La Commissione sottolinea la necessità di strategie dell’intera società che riducano l’esposizione sia alle esperienze avverse durante l’infanzia (inclusi negligenza e traumi) sia nel corso della vita per ridurre la prevalenza della depressione. Sono necessari anche interventi a livello individuale, concentrandosi sui fattori dello stile di vita (p. es., fumo, consumo di alcol, inattività fisica) e altri fattori di rischio come la violenza del partner intimo e gli eventi stressanti della vita come il lutto o la crisi finanziaria.

“La prevenzione è l’aspetto più trascurato della depressione. Ciò in parte perché la maggior parte degli interventi sono al di fuori del settore sanitario”, afferma il coautore, il dottor Lakshmi Vijayakumar di SNEHA, Suicide Prevention Center and Voluntary Health Services, Chennai, India. “Di fronte agli effetti per tutta la vita della depressione adolescenziale, dalle difficoltà a scuola e nelle relazioni future al rischio di abuso di sostanze, autolesionismo e suicidio, investire nella prevenzione della depressione è un ottimo rapporto qualità-prezzo. È fondamentale mettere in pratica interventi basati sull’evidenza che sostengano la genitorialità, riducano la violenza in famiglia e il bullismo a scuola, oltre a promuovere la salute mentale sul lavoro e affrontare la solitudine negli anziani. Fattori di rischio comuni e alti tassi di depressione tra le persone con problemi di salute cronici supportano anche approcci preventivi condivisi”. [2]

Un approccio personalizzato e graduale all’assistenza

I Commissari sottolineano che l’attuale sistema di classificazione delle persone con sintomi di depressione in due sole categorie – che abbiano o meno una depressione clinica – è troppo semplicistico. Sostengono che la depressione è una condizione complessa con una diversità di segni e sintomi, livelli di gravità e durata attraverso le culture e il corso della vita.

La Commissione sostiene un approccio personalizzato e graduale alla cura della depressione che riconosca la cronologia e l’intensità dei sintomi e raccomandi interventi su misura per le esigenze specifiche dell’individuo e la gravità della condizione, che vanno dall’autoaiuto e dai cambiamenti dello stile di vita alle terapie psicologiche e agli antidepressivi per trattamenti più intensivi e specializzati come l’elettroconvulsivante terapeutico (ECT) per forme gravi e refrattarie della malattia.

“Non esistono due individui che condividono l’esatta storia di vita e costituzione, che alla fine portano a un’esperienza unica di depressione e bisogni diversi di aiuto, supporto e trattamento”, spiega il professor Vikram Patel, copresidente della Commissione, della Harvard Medical School negli Stati Uniti. “Simile alla cura del cancro, l’approccio per fasi guarda alla depressione lungo un continuum – dal benessere, al disagio temporaneo, a un vero disturbo depressivo – e fornisce un quadro per raccomandare interventi proporzionati sin dal primo momento della malattia”. [2]

Allo stesso tempo, la Commissione propone che vengano adottate strategie di assistenza collaborativa per potenziare gli interventi basati sull’evidenza nell’assistenza di routine. Sostengono che l’utilizzo di personale non specializzato reclutato localmente, ampiamente disponibile ea basso costo come operatori sanitari di comunità e consulenti laici, non solo risolve la grave carenza di fornitori qualificati e le barriere finanziarie, ma aiuterà anche a ridurre lo stigma e le barriere culturali, fornendo al contempo assistenza olistica ai pazienti e alle loro famiglie. Mentre questo è più importante nei paesi a basso reddito, è anche rilevante e utile universalmente poiché in nessun luogo al mondo l’assistenza alla depressione è adeguata.

In definitiva, sono necessari maggiori investimenti per garantire che le persone ricevano le cure di cui hanno bisogno dove e quando ne hanno bisogno, e la Commissione sottolinea l’importanza delle azioni dell’intero governo per ridurre gli effetti dannosi della povertà, della disuguaglianza di genere e di altre disuguaglianze sociali sulla salute mentale. “Le politiche che riducono le disuguaglianze razziali o etniche, gli svantaggi sistematici vissuti dalle donne e supportano l’equa distribuzione del reddito attraverso la copertura sanitaria universale e l’ampliamento delle opportunità di conseguimento dell’istruzione possono essere strategie preventive potenzialmente potenti”, afferma Herrman. “Far fronte all’emergenza climatica, alla pandemia di COVID-19 e ad altre emergenze globali e regionali che esacerbano le disuguaglianze esistenti e le minacce per la salute, compreso il perseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite,

Adv

INFORMAZIONE A CORREDO

Negli Stati Uniti, la National Suicide Prevention Lifeline può essere contattata al numero 1-800-273-TALK (8255) o visitare https://suicidepreventionlifeline.org/ . Nel Regno Unito, il numero è 116 123, oppure inviare un’e-mail a: jo@samaritans.org o visitare www.samaritans.org Per quelli al di fuori degli Stati Uniti e del Regno Unito, Befrienders Worldwide fornisce anche supporto: http://www.befrienders.org/

[1] https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/depression
[2] Citazioni dirette dagli autori e non si trovano nel testo della Commissione.
[3] Salute mentale e uso di sostanze: https://www.who.int/teams/mental-health-and-substance-use/promotion-prevention/mental-health-in-the-workplace

Categorie:Equilibrio

Con tag: