Equilibrio

I rischi lungo la strada del COVID per la salute mentale

Adv

Le ricadute più minacciose del COVID-19 spesso si manifestano solo dopo che l’iniziale infezione “acuta” è passata. Un team di ricercatori di VA ha fatto luce su varie conseguenze pericolose e durature che possono sorgere dopo l’iniziale attacco COVID. Queste complicazioni COVID includono disturbi di salute mentale.

Adv

Il dottor Ziyad Al-Aly di VA St. Louis ha condotto lo studio, dal quale è emerso che gravi problemi di salute mentale potrebbero emergere nelle settimane o nei mesi successivi all’infezione da COVID-19.
CREDITO: Mary-Dale Amison

In uno dei due studi condotti sugli effetti cronici di COVID che sono stati pubblicati nel febbraio 2022, i ricercatori del VA St. Louis Health Care System si sono concentrati sui disturbi della salute mentale a seguito dell’infezione da COVID-19. I risultati del gruppo sono apparsi il 16 febbraio 2022 sul British Medical Journal ( BMJ ).

I ricercatori hanno scoperto che, anche nelle persone che non necessitano di ricovero in ospedale mentre sono infette da COVID-19, gravi problemi di salute legati alla salute mentale potrebbero persistere o manifestarsi nelle settimane e nei mesi successivi alla fase acuta. Dicono che le ragioni dell’aumento dei rischi per la salute mentale dopo il COVID non sono del tutto chiare. Possono verificarsi cambiamenti biologici nel corpo che colpiscono il cervello e possono essere in gioco anche cambiamenti non biologici come l’isolamento sociale e il trauma.

Guidati dal ricercatore principale Dr. Ziyad Al-Aly, che dirige sia il Clinical Epidemiology Center che il Research and Development Service presso il VA St. Louis Health Care System, i ricercatori hanno riscontrato maggiori rischi di condizioni come depressione, ansia, disturbi del sonno e disturbi da uso di sostanze.

Per molte persone, l’infezione da COVID-19 si presenta solo con sintomi lievi o moderati, come una fastidiosa tosse e mancanza di respiro che durano per alcuni giorni. Ma questa prima fase può essere la “punta dell’iceberg”, secondo Al-Aly. “Coloro che subiscono gravi conseguenze croniche, effetti che comunemente durano una vita, sono quelli che porteranno le cicatrici di questa pandemia”, afferma.  

Al-Aly è un nefrologo, un medico specializzato in malattie renali, nonché un epidemiologo clinico con esperienza nei big data. Il suo team analizza enormi set di dati troppo complessi per i software per computer convenzionali. In qualità di ricercatore, Al-Aly è specializzato negli effetti cronici di COVID, che sono tecnicamente noti come “sequele post-acute di SARS-CoV-2” e informalmente come “covid a lungo” o “covid a lungo raggio”.

Gli studi di Al-Aly e altri hanno dimostrato che il COVID lungo può influenzare quasi tutti i sistemi di organi. “Le persone tornano dal proprio medico con affaticamento, nebbia cerebrale, amnesia, ictus, diabete di nuova insorgenza, malattie renali, malattie cardiache e altro”, afferma il medico-ricercatore.

Dall’ampia gamma di conseguenze croniche del COVID, un’area su cui Al-Aly e il suo team hanno deciso di concentrarsi è stata la salute mentale. Hanno selezionato quest’area a causa delle sue gravi ramificazioni per la salute individuale e pubblica, spiega il coautore dello studio il dottor Yan Xie, un epidemiologo clinico del VA St. Louis Epidemiology Center.

Il gruppo di ricerca ha confrontato i rischi per la salute mentale per coloro che avevano COVID-19 e sono sopravvissuti ai primi 30 giorni di infezione con gli stessi risultati per la salute tra coloro che non erano stati infettati. In un periodo di studio di circa un anno, i ricercatori hanno identificato rischi elevati per problemi come ansia, depressione, disturbi da stress, uso di oppioidi, disturbi da uso di sostanze e condizioni del sonno. 

“Abbiamo tutti sofferto di una sorta di angoscia a causa di questa pandemia, forse una misura di ansia o difficoltà a dormire”, afferma il ricercatore capo Al-Aly. “Ma queste sfide sono amplificate, specialmente in coloro che sono stati ricoverati in ospedale durante la parte acuta della loro battaglia contro il COVID, ma anche in molti che hanno manifestato solo sintomi lievi o moderati”.

Rispetto a coloro che non avevano il COVID, quelli del gruppo COVID avevano un rischio maggiore del 60% di avere qualsiasi disturbo di salute mentale o prescrizioni relative alla salute mentale.

I risultati in base al tipo di problema di salute mentale sono stati:

  • Ansia: 35% di rischio in più nel gruppo COVID-19
  • Depressione: 39 per cento di rischio in più
  • Disturbi del sonno: 41% di rischio in più
  • Uso di oppioidi: 76% di rischio in più
  • Disturbo da uso di oppioidi: 34% di rischio in più
  • Disturbi da uso di sostanze non oppioidi: rischio maggiore del 20%.

Dato il gran numero di persone con COVID-19, questi risultati potrebbero tradursi in un enorme impatto negli Stati Uniti e in tutto il mondo, sottolineano gli autori.

Nello studio pubblicato su BMJ , i ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche in un database all’interno di VA, che gestisce il più grande sistema sanitario integrato negli Stati Uniti. L’analisi ha incluso quasi 154.000 pazienti che erano risultati positivi al COVID-19 in un intervallo di tempo definito da marzo 2020 a gennaio 2021. (Il periodo di tempo era precedente alle varianti delta e omicron, nonché all’ampia disponibilità di vaccini.)

Utilizzando sofisticati metodi statistici, i ricercatori hanno confrontato le informazioni sulla salute di questi pazienti con i dati di oltre 11 milioni di persone che non avevano avuto l’infezione da COVID-19, circa la metà nello stesso periodo di tempo e l’altra metà in un periodo pre-pandemia.

“Un punto di forza della nostra ricerca è stato il gran numero di pazienti e la capacità di sfruttare l’ampiezza e la profondità del sistema di cartelle cliniche elettroniche del VA”, sottolinea Al-Aly. In qualità di pioniere nell’uso delle cartelle cliniche elettroniche, VA “può offrire risposte a domande su aree, inclusa la pandemia, che sarebbero difficili da affrontare per gli altri”.

Al-Aly attribuisce anche al suo team di ricerca multidisciplinare il merito di aver reso possibile l’analisi rigorosa. “Abbiamo riunito esperti di salute pubblica di tutte le discipline, coniugando con successo le prospettive mediche e di ricerca”, afferma Al-Aly. Evan Xu, con VA St. Louis, è stato coautore dell’articolo BMJ con Al-Aly e Xie.

Il team spera che la loro ricerca e quella di altri gruppi incoraggino le persone, i sistemi sanitari e i responsabili politici a rimanere vigili riguardo al virus. 

La migliore difesa contro il lungo COVID, secondo i ricercatori: evitare di contrarre il COVID in primo luogo. Ciò significa adottare misure come vaccinarsi e potenziarsi, indossare maschere di alta qualità e lavarsi le mani regolarmente, specifica Xie. Per coloro che vengono infettati e sviluppano disturbi di salute mentale, Xie afferma: “Ci auguriamo che i nostri risultati rendano più facile per loro e per i loro operatori sanitari identificare queste condizioni e iniziare il trattamento”.

Da una più ampia prospettiva di politica pubblica, Al-Aly sollecita una risposta rapida e solida per sostenere i milioni di persone che potrebbero affrontare gravi problemi di salute mentale derivanti dal COVID. “Senza dubbio, il VA si prenderà cura dei nostri pazienti e anche i sistemi sanitari e i governi di questo paese e di tutto il mondo devono prepararsi. È molto importante affrontare questi problemi ora, prima che diventino crisi molto più grandi lungo la strada”.

Al-Aly dice che lui e i suoi colleghi continueranno a studiare il COVID a lungo raggio. “Come medico e ricercatore io stesso, lavorando con un gruppo di ricercatori a tempo pieno, continueremo a sfruttare la nostra esperienza per rispondere alle domande che interessano al pubblico, comprese le organizzazioni di veterani e veterani”.

La ricerca in corso di Al-Aly include un esame del legame tra lungo COVID e diabete. “Generando una maggiore consapevolezza dello spettro delle complicazioni sanitarie che devono affrontare i trasportatori a lungo raggio”, afferma, “possiamo lavorare per stroncare sul nascere questa lunga crisi COVID e impedire che si trasformi in una più ampia situazione di salute pubblica”.

Categorie:Equilibrio

Con tag:,