Sport e movimento

L’esercizio fisico può aiutare gli anziani a conservare i propri ricordi

Adv

La raccolta dei dati di dozzine di esperimenti consente ai ricercatori di mostrare quali cervelli beneficiano maggiormente dell’esercizio

Sappiamo tutti che l’esercizio fa bene, ma questo lascia ancora molte domande. Quanto esercizio? Chi ne beneficia di più? E quando nella nostra vita? Una nuova ricerca condotta dagli psicologi dell’Università di Pittsburgh raccoglie i dati di dozzine di studi per rispondere a queste domande, dimostrando che gli anziani possono essere in grado di prevenire il declino di un certo tipo di memoria attenendosi a un regolare esercizio fisico.

Adv

“Tutti mi chiedono sempre: ‘Quanto dovrei allenarmi? Qual è il minimo indispensabile per vedere un miglioramento?’ “, ha affermato l’autrice principale Sarah Aghjayan , una studentessa di dottorato in psicologia clinica e biologica presso la Kenneth P. Dietrich School of Arts and Sciences. “Dal nostro studio, sembra che l’esercizio tre volte a settimana per almeno quattro mesi sia quanto hai bisogno per raccogliere i benefici della memoria episodica”.

La memoria episodica è del tipo che si occupa di eventi che ti sono accaduti in passato. È anche uno dei primi a diminuire con l’età. “Di solito mi piace parlare della prima volta che sei stato al volante di un’auto”, ha detto Aghjayan. “Quindi potresti ricordare dov’eri, quanti anni avevi, chi era sul sedile del passeggero a spiegarti le cose, quella sensazione di eccitazione.”

L’esercizio che fa battere il cuore ha mostrato risultati promettenti nell’aumentare la salute del cervello e gli esperimenti sui topi mostrano che migliora la memoria, ma gli studi che esaminano lo stesso collegamento negli esseri umani sono risultati contrastanti.

Alla ricerca di chiarezza nelle acque fangose ??della letteratura scientifica, il team ha esaminato oltre 1.279 studi, restringendoli infine a soli 36 che soddisfacevano criteri specifici. Quindi hanno utilizzato software specializzati e un numero non piccolo di fogli di calcolo Excel per trasformare le informazioni sui dati in un modulo in cui i diversi studi potevano essere confrontati direttamente.

Quel lavoro ha dato i suoi frutti quando hanno scoperto che mettere insieme questi 36 studi era sufficiente per dimostrare che per gli anziani, l’esercizio può effettivamente giovare alla loro memoria. Il team, incluso il consulente di Aghjayan Kirk Erickson presso il Dipartimento di Psicologia e altri ricercatori di Pitt, Carnegie Mellon University e University of Iowa, hanno pubblicato i risultati sulla rivista Communications Medicine il 17 febbraio.

Le analisi precedenti che hanno esaminato le connessioni tra esercizio e memoria non ne hanno trovata una, ma Aghjayan e il suo team hanno adottato diversi passaggi aggiuntivi per dare loro le migliori possibilità di trovare un collegamento se ne esisteva uno. Hanno limitato la loro ricerca a gruppi e fasce di età particolari, nonché a un tipo specifico di rigoroso setup sperimentale. Un’altra chiave è stata concentrarsi specificamente sulla memoria episodica, che è supportata da una parte del cervello nota per trarre beneficio dall’esercizio.

“Quando combiniamo e uniamo tutti questi dati, ci consente di esaminare quasi 3.000 partecipanti”, ha affermato Aghjayan. “Ogni studio individuale è molto importante: contribuiscono tutti alla scienza in modo significativo”. Gli studi individuali, tuttavia, potrebbero non riuscire a trovare modelli che effettivamente esistono a causa della mancanza di risorse per condurre un esperimento sufficientemente grande. Gli studi individualmente non sono riusciti a trovare un collegamento tra esercizio e memoria: è stato necessario esaminare l’intero corpo della ricerca per mettere a fuoco il modello.

Con quel pool molto più ampio di partecipanti, il team è stato in grado di mostrare un legame tra esercizio e memoria episodica, ma è stato anche in grado di iniziare a rispondere a domande più specifiche su chi ne trae vantaggio e come.

“Abbiamo scoperto che c’erano maggiori miglioramenti nella memoria tra coloro che hanno un’età compresa tra 55 e 68 anni rispetto a coloro che hanno un’età compresa tra 69 e 85 anni, quindi intervenire prima è meglio”, ha detto Aghjayan. Il team ha anche riscontrato i maggiori effetti dell’esercizio in coloro che non avevano ancora sperimentato alcun declino cognitivo e in studi in cui i partecipanti si esercitavano in modo coerente più volte alla settimana.

Ci sono ancora domande a cui rispondere. L’analisi del team non è stata in grado di rispondere a come l’intensità dell’esercizio influisca sui benefici della memoria e c’è molto da imparare sul meccanismo alla base del collegamento. Ma le implicazioni per la salute pubblica sono chiare: l’esercizio fisico è un modo accessibile con cui gli anziani possono evitare il declino della memoria, a vantaggio di se stessi, dei loro tutori e del sistema sanitario, ha detto Aghjayan.

“Hai solo bisogno di un buon paio di scarpe da passeggio e puoi uscire e muovere il tuo corpo.”