Benessere

Sono necessari metodi migliori per comprendere gli effetti dello zucchero nella dieta

Adv

Meno del 10 percento dell’assunzione di energia dal cibo dovrebbe provenire dallo zucchero aggiunto, secondo le attuali Raccomandazioni sulla nutrizione nordica. Per gli adulti, ciò corrisponde a circa 50-75 grammi di zucchero aggiunto al giorno e una lattina di bibita contiene circa 30 grammi di zucchero.

“Bere bevande analcoliche non è necessariamente pericoloso per un particolare individuo, tuttavia, a livello di gruppo, su un’intera popolazione, possiamo osservarne gli effetti”, afferma Stina Ramne, dietista e ricercatrice nutrizionale certificata.

Nella sua ricerca sul consumo di zucchero e sui rischi per il diabete e le malattie cardiovascolari , Stina Ramne ha studiato l’associazione tra l’assunzione di zucchero aggiunto e la mortalità. Parte dei dati provengono da due studi di coorte , in cui le coorti erano costituite da un ampio gruppo di persone con le stesse caratteristiche o esperienze studiate per un lungo periodo di tempo. In entrambi gli studi, ha trovato un’associazione positiva tra l’assunzione di bevande zuccherate e la morte prematura. Tuttavia, l’associazione con l’assunzione totale di zuccheri aggiunti era inconcludente.

Risultati contrastanti

Stina Ramne ha riscontrato la stessa incoerenza quando ha studiato le proteine del sangue e i batteri intestinali per confrontare l’assunzione totale di zuccheri aggiunti e l’assunzione di bevande zuccherate in particolare. In entrambi i casi, i risultati hanno mostrato associazioni tra l’assunzione di bevande zuccherate e proteine del sangue legate al diabete di tipo 2 e batteri intestinali legati all’obesità. Tuttavia, i risultati sono stati inconcludenti per l’assunzione totale di zucchero aggiunto.

“Tuttavia, negli studi sugli animali, i ricercatori hanno osservato che una maggiore assunzione di zucchero aumenta il rischio di malattie e risultati simili sono stati osservati in studi sperimentali sull’uomo in cui, ad esempio, un gruppo è incoraggiato a consumare più zucchero di un altro per confronto. Tuttavia, , quando conduciamo studi osservazionali longitudinali, di solito non vediamo chiare associazioni tra una maggiore assunzione totale di zuccheri aggiunti e un aumento del rischio di malattie, ad eccezione dell’assunzione di bevande zuccherate”. “Ciò è probabilmente in parte dovuto al fatto che non disponiamo ancora di metodi per misurare in modo ottimale l’assunzione di zucchero”, afferma Stina Ramne.

Sono in fase di sviluppo metodi più affidabili

Molti studi si basano su partecipanti che valutano e auto-segnalano le loro abitudini alimentari e bevande, tuttavia, questi possono essere fuorvianti. La maggior parte di noi non è disposta ad ammettere, consciamente o inconsciamente, la nostra effettiva assunzione di snack e altri alimenti con alti livelli di zuccheri aggiunti.

Insieme a molti altri ricercatori, Stina Ramne è interessata a produrre metodi migliori utilizzando diversi biomarcatori; molecole che vengono misurate tramite esami del sangue o delle urine per riflettere l’assunzione in modo obiettivo.

“Parte della mia tesi si è concentrata sulla valutazione delle misurazioni di saccarosio e fruttosio nelle urine per poterlo utilizzare come misurazione oggettiva, un biomarcatore, che riflette l’assunzione di zucchero. Questo biomarcatore nutrizionale ha un grande potenziale per fornire un quadro più accurato di assunzione di zucchero e per migliorare ulteriormente la ricerca, tuttavia, sono necessari studi più controllati per comprendere appieno quali meccanismi e limitazioni influenzano l’accuratezza del biomarcatore”.

Dati scientifici che indicano la strada

Il fatto che diversi studi indipendenti dimostrino la stessa causalità tra cibo e salute è importante per le raccomandazioni nutrizionali, le strategie di salute pubblica e le politiche alimentari. Sono la base per la progettazione del cibo nelle scuole, per gli anziani e per l’etichettatura degli alimenti.

Le Raccomandazioni nutrizionali nordiche, NNR, sono state pubblicate dagli anni ’80 e vengono aggiornate circa ogni otto anni. Nel 2022 è tempo di una nuova edizione.

I risultati di Stina Ramne sono in linea con un rapporto pubblicato nel 2021 dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare, EFSA, su richiesta dei paesi nordici. Una versione rivista verrà rilasciata a febbraio 2022 fornendo una panoramica delle attuali conoscenze sullo zucchero e sui risultati sulla salute. L’NNR fornisce una soglia massima raccomandata di consumo di zucchero aggiunto per ottenere abitudini alimentari sane, mentre l’EFSA non ha trovato prove sufficienti per fissare un livello massimo per l’ assunzione giornaliera di zucchero a lungo termine che può essere valutato come privo di rischi di effetti negativi sulla salute. Le NNR aggiorneranno anche le loro linee guida dietetiche nel corso del 2022.

Sono necessarie ulteriori ricerche

Gli esseri umani non hanno bisogno di zucchero; non sono noti effetti positivi sulla salute. Tuttavia, un numero crescente di prodotti alimentari contiene più zuccheri aggiunti e, allo stesso tempo, un valore nutritivo inferiore. Se più del 10 percento della tua assunzione giornaliera di calorie è aggiunto di zucchero, è difficile consumare abbastanza cibo nutriente che ti fornisca vitamine e minerali. Diventa quindi più facile consumare più energia del necessario.

Lo zucchero ha un ottimo sapore e poiché il cibo con poco zucchero è spesso denso di energia, c’è il rischio che tu ne mangi troppo, portando ad un aumento di peso. Questo è combinato con il fatto che lo zucchero porta a un’elevata secrezione di insulina. A lungo termine, l’aumento di peso e l’aumento dei lipidi nel sangue contribuiscono a ridurre la sensibilità all’insulina, che aumenta il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Per garantire che le prove scientifiche siano solide, sono necessarie ulteriori ricerche su come lo zucchero influisce sulla nostra salute. Esistono prove sufficienti per comprendere gli effetti dell’aumento del consumo di bevande zuccherate e che esiste un’associazione con il rischio di malattie gravi e morte prematura.

“Quando si tratta di assunzione totale di zuccheri aggiunti, lo stato delle conoscenze deve ancora essere conclusivo. Sono necessarie ulteriori ricerche”, afferma Stina Ramne.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: