Benessere

I bambini con insonnia probabilmente continueranno a soffrirne da adulti, lo rileva uno studio a lungo termine

Adv

Sleepy young woman with mask and pillow on color background

È probabile che i bambini con sintomi di insonnia persistano con loro da giovani adulti e hanno una probabilità significativamente maggiore di sviluppare un disturbo di insonnia nella prima età adulta rispetto ai bambini che non hanno difficoltà a dormire, secondo una nuova ricerca condotta dagli scienziati della Penn Collegio statale di medicina. Lo studio è il primo studio di coorte a lungo termine a descrivere le traiettorie di sviluppo dei sintomi dell’insonnia infantile attraverso l’adolescenza e la giovane età adulta.

Adv

“La giovane età adulta è una fase della vita in cui c’è un aumento documentato della gravità e della prevalenza di problemi di salute fisica e mentale, come malattie cardiovascolari e tassi di suicidio”, ha affermato Julio Fernandez-Mendoza, professore associato di psichiatria e salute comportamentale. “I disturbi del sonno, in particolare l’apnea notturna e l’insonnia, sono collegati a una peggiore salute cardiovascolare e mentale. Dato che fino al 25% dei bambini, il 35% degli adolescenti e il 45% dei giovani adulti soffrono di sintomi di insonnia, eravamo interessati a scoprire come questi sintomi si evolvono nel tempo man mano che il bambino cresce fino all’età adulta”.

Lo studio longitudinale del team, iniziato nel 2000, è stato progettato come uno studio randomizzato, basato sulla popolazione, su bambini di età compresa tra 5 e 12 anni. I bambini ei loro genitori hanno fornito segnalazioni sui sintomi dell’insonnia dei bambini, definiti come difficoltà da moderate a gravi nell’iniziare e/o nel mantenere il sonno. I bambini hanno anche partecipato a uno studio obiettivo in laboratorio sul sonno utilizzando la polisonnografia, che può identificare l’apnea notturna e altri indicatori come la quantità e la qualità del sonno. Il team ha studiato 502 bambini 7,4 anni dopo da adolescenti (16 anni in media) e 15 anni dopo come giovani adulti (24 anni in media).

Il team ha scoperto che il 43% dei bambini con sintomi di insonnia ha continuato a soffrire durante l’adolescenza fino all’età adulta. Sebbene circa il 27% dei bambini con sintomi di insonnia abbia sperimentato la remissione dei sintomi entro l’adolescenza, quasi il 19% ha sperimentato uno schema crescente e decrescente nell’età adulta. Tra i bambini senza sintomi di insonnia, circa il 15% di loro ha sviluppato sintomi di insonnia nel passaggio all’adolescenza e ha persistito con loro fino all’età adulta, e un altro 21% li ha sviluppati di recente in giovane età adulta. Inoltre, circa il 16% di questi bambini senza sintomi di insonnia ha avuto uno schema crescente e calante.

“Sappiamo che non tutti coloro che si lamentano dei sintomi dell’insonnia hanno lo stesso grado di disturbo del sonno quando il sonno viene misurato oggettivamente in laboratorio, quindi era importante che il nostro studio includesse queste misurazioni oggettive in laboratorio oltre alle autovalutazioni”, disse Fernandez-Mendoza. “In effetti, lo studio ha rilevato che i sintomi dell’insonnia negli adolescenti che dormivano brevemente in laboratorio avevano una probabilità 5,5 volte maggiore di peggiorare nell’insonnia adulta, mentre coloro che riportavano gli stessi sintomi dell’insonnia e dormivano normalmente in laboratorio non avevano un rischio maggiore di peggiorare in insonnia adulta.

I risultati pubblicati il 16 febbraio sulla rivista Pediatrics .

“La scoperta chiave di questo studio è che i sintomi dell’insonnia durante l’infanzia hanno molte più probabilità di persistere nel tempo di quanto credessimo in precedenza”, ha affermato Fernandez-Mendoza. “Quelli con sintomi di insonnia e una breve durata del sonno misurata in laboratorio hanno molte più probabilità di evolvere per sviluppare una condizione clinica nella prima età adulta, e non solo per persistere con i sintomi. Quindi, genitori e medici non dovrebbero presumere che i sintomi dell’insonnia siano disturbi benigni che scompaiono con l’età. Questo non è ciò che il nostro studio mostra per una percentuale significativa di giovani”.

Fernandez-Mendoza ha aggiunto che, d’altra parte, molti adulti che soffrono di insonnia potrebbero aver avuto problemi a dormire da bambini.

“Sebbene i problemi di sonno degli adulti tendano a essere innescati dai loro fattori di stress della vita più recenti, per alcune persone, la loro insonnia può risalire a problemi di sonno che iniziano durante l’infanzia”, ??ha detto.

Sebbene il team non abbia studiato le cause alla base dei problemi di sonno dei bambini, Fernandez-Mendoza ha affermato che le cause primarie sono tipicamente “comportamentali”, come quando un bambino non vuole andare a dormire o ha bisogno di un genitore nella stanza per addormentarsi o riprendere il sonno; disturbi psichiatrici e comportamentali, come disturbo da deficit di attenzione e iperattività, autismo o disturbi dell’umore; e condizioni mediche, come mal di testa o problemi gastrointestinali. Tuttavia, ha sottolineato che il genere, la razza e i fattori socioeconomici devono essere sempre presi in considerazione.

“Sappiamo che ci sono disparità di salute nei sintomi dell’insonnia”, ha affermato Fernandez-Mendoza. “Ad esempio, i nostri studi precedenti hanno mostrato che le femmine dopo la pubertà; minoranze razziali ed etniche, in particolare neri/afroamericani; e i bambini provenienti da famiglie socioeconomiche basse hanno maggiori probabilità di avere sintomi di insonnia che persistono nel passaggio all’adolescenza”.

Fernandez-Mendoza ha osservato che i risultati del team suggeriscono che i sintomi dell’insonnia infantile richiedono un intervento precoce, mentre l’adolescenza è un momento critico per affrontare i problemi cronici del sonno. Gli interventi possono includere la terapia comportamentale per l’insonnia comportamentale dell’infanzia e trattamenti appropriati per condizioni mediche o psichiatriche. L’intervento di prima linea negli adulti è la terapia cognitivo comportamentale per l’insonnia (CBTI), che si sta dimostrando molto efficace anche nei giovani, in particolare negli adolescenti.

Oltre a esaminare la traiettoria dei sintomi dell’insonnia nel tempo, i ricercatori hanno anche raccolto dati sui risultati sulla salute e stanno attualmente finalizzando la pubblicazione di tali dati.

“Sappiamo che il sonno scarso è correlato a esiti avversi per la salute”, ha affermato Fernandez-Mendoza. “Sospettiamo che molti bambini che manifestano sintomi di insonnia che persistono nell’età adulta subiranno anche alcune conseguenze negative per la salute”.

Altri autori della Penn State sul documento includono Kristina Lenker, assistente professore di psichiatria e salute comportamentale; Susan L. Calhoun, professoressa associata di psichiatria e salute comportamentale; Myra Qureshi, assistente amministrativa; Anna Ricci, dottoranda; Fan He, istruttore; Alexandros N. Vgontzas, professore di psichiatria; Jiangang Liao, professore di scienze della salute pubblica; Duanping Liao, professore di scienze della salute pubblica e vicepresidente della ricerca; e Edward O. Bixler, professore di psichiatria. Anche Elizaveta Bourchtein, borsista post-dottorato, Università del Michigan, è un’autrice.

Il National Heart, Lung e Blood Institute; Istituto Nazionale di Salute Mentale; e il National Center for Advancing Translational Sciences hanno supportato questa ricerca.

Categorie:Benessere, Equilibrio

Con tag: