Vivo col Diabete

Mi stomachi

Adv

Sintomi gastrointestinali nel diabete di tipo 1: relazione con complicazioni autoimmuni e microvascolari

Woman touching stomach painful suffering from stomachache causes of menstruation period, gastric ulcer, appendicitis or gastrointestinal system desease. Healthcare and health insurance concept

Quanti convivono con il diabete tipo 1 dall’infanzia sanno bene come questa condizione colpisce il tratto gastrointestinale ed esofageo, specie in presenza di forme pesanti di iperglicemia con chetoacidosi o ipoglicemia, pertanto l’effetto combinato disposto di codesti fattori può contribuire alla formazione di complicazioni diverse. Di questo tratta la ricerca condotta da un gruppo di medici canadesi

Adv

Lo scopo dello studio era quello di valutare i tassi riportati di sintomi gastrointestinali (GI) e la loro associazione con malattie autoimmuni e complicanze microvascolari negli adulti e nei bambini con diabete di tipo 1.

La scala dei sintomi gastrointestinali (GISS) è stata utilizzata per valutare il tipo e la gravità dei sintomi gastrointestinali in 2.370 pazienti con diabete di tipo 1 di età compresa tra 8 e 45 anni valutati come parte di uno screening clinico per la celiachia (CD). Sono state valutate la presenza e la gravità dei sintomi gastrointestinali e le relazioni con fattori demografici, clinici e altri fattori correlati al diabete.

Complessivamente sono stati studiati 1368 adulti (57,7%) di età compresa tra 19 e 45 anni e 1002 (42,3%) pazienti pediatrici di età compresa tra 8 e 18 anni. Almeno un sintomo gastrointestinale è stato riportato nel 34,1% degli adulti rispetto al 21,7% dei bambini (P<0,0001). I sintomi comuni nei bambini includevano dolore addominale superiore e inferiore, mentre gli adulti riportavano più frequentemente sintomi gastrointestinali inferiori. I partecipanti con sintomi gastrointestinali avevano livelli di emoglobina A1c (HbA1c) più elevati [68 ± 14mmol/mol] (8,35 ± 1,37%) rispetto a quelli senza sintomi [66 ± 15mmol/mol] (8,22 ± 1,40%) (P=0,041). I pazienti con complicanze microvascolari (nefropatia, retinopatia e/o neuropatia) avevano una probabilità 1,8 volte maggiore di riportare sintomi gastrointestinali (IC 95%: da 1,26 a 2,60; P<0,01) dopo aggiustamento per età e sesso. Non è stata osservata alcuna associazione tra sintomi gastrointestinali e presenza di condizioni autoimmuni,

Questi risultati evidenziano che i sintomi gastrointestinali sono un’importante morbilità clinica e sono associati all’aumento dell’età, alla durata del diabete di tipo 1, all’HbA1c e alle complicanze microvascolari, ma non a comorbidità autoimmuni, inclusa la MC.

Pubblicato il 18 febbraio 2022 su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism