Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Lungo il trial che attraversa il pancreas artificiale

Adv

Hand Holding Megaphone With Speech Bubble TRIAL. Announcement. Vector illustration

Come avevo scritto in qualche articolo fa: il trial più lungo nella storia del diabete tipo 1 è rappresentato dalla definizione completa dello sviluppo del pancreas artificiale, sono cinquant’anni di storia contemporanea e altrettanti ce ne vorranno per arrivare a chiudere veramente l’ansa, perché?

Adv

Prendo esempio dall’attuale sistema ibrido che peraltro sto usando, il 780G della Medtronic, ma anche gli altri marchi presenti su piazza non sono differenti nel loro meccanismo di funzionamento, ora sono dispositivi che in automatico regolano il tempo di erogazione dell’insulina basale e contengono, cercano di farlo, l’innalzamento della glicemia (iperglicemia) così come di predire ed evitare il presentarsi di converso di un pericoloso abbassamento della glicemia (ipoglicemia).

Ma in questi congegni l’input umano conta ancora e nelle fasi determinanti della vita quotidiana, ad esempio oggi se vai in ipoglicemia il sistema automatico non blocca l’erogazione dell’insulina e quindi lo devi fare da te, il bolo dei pasti lo devi calcolare te e non basta fare il calcolo dei carboidrati per mantenere stabile la glicemia, specie in presenza di pasti con un elevato apporto di grassi e proteine. In questi casi l’azione umana è fondamentale. Io, nello specifico, in una situazione del genere al pasto ho fatto un bolo standard sulla base dell’apporto dei carboidrati e poi a tre distanza per scongiurare una reazione iper parimenti ho eseguito un bolo correttivo basato sul calcolo dei grassi e proteine consumati nel medesimo pasto.

Ecco perché la sfida che si presenta davanti agli sviluppatori e tester del pancreas artificiale risiede proprio nel dovere ingegnare un algoritmo in grado di contrastare e condurre in sicurezza il pasto per il diabetico, e per farlo occorrono dispositivi che sappiano reggere un simile carico di calcoli ed elaborazioni.

II traguardo non è prossimo.