Ricerca

Esiste un legame tra covid-19 e lo sviluppo del diabete di tipo 1?

Adv

Danimarca: Il ricercatore Morten Bjerregaard-Andersen dell’SDCO sta indagando se l’infezione da SARS-Cov-2 può contribuire a scatenare il diabete di tipo 1.

In Danimarca, circa 28.000 persone vivono con il diabete di tipo 1. La malattia è cronica e non può essere né curata né prevenuta.

Adv

Ma perché alcune persone si ammalano mentre altre no? E quali possono essere i fattori scatenanti?

Morten Bjerregaard-Andersen, che è impiegato come post-dottorato presso lo Steno Diabetes Center Odense e l’ambulatorio endocrinologico, Sydvestjysk Sygehus, ha deciso di indagare se un’infezione da covid-19 può aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1.

Finora nessuno è stato in grado di indicare la soluzione perfetta, il che non è strano.

– Sappiamo che il diabete di tipo 1 si innesca perché il sistema immunitario del corpo inizia improvvisamente ad attaccare le cellule produttrici di insulina nel pancreas, provocandone la distruzione. Quello che vogliamo indagare è se il covid-19 può aiutare ad accelerare questo processo, afferma Morten Bjerregaard-Andersen. 

Finora, non c’è nulla che indichi che ci siano più nuove diagnosi di diabete di tipo 1 in Danimarca a causa del covid-19. Ma le ipotesi precedenti sulla malattia rendono ancora interessante indagare, spiega Morten Bjerregaard-Andersen.

– Tra l’altro, possiamo vedere che ci sono più nuove diagnosi nei mesi invernali, e questo fa ipotizzare che le infezioni respiratorie per alcuni possano aiutare a scatenare il diabete di tipo 1. Sappiamo anche che il coronavirus si lega al cosiddetto recettore ACE-2, che i.a. trovato anche nel pancreas, spiega.

È il direttore della ricerca Kurt Højlund dell’SDCO ad aver preso l’iniziativa per il progetto, mentre è il professor Claus Juhl dell’SDCO ad avere la responsabilità generale dello studio.

Diverse nuove diagnosi negli Stati Uniti

La ricerca di Morten Bjerregaard-Andersen è sulla scia di un nuovo ampio studio sul registro del Center for Disease Control (CDC) negli Stati Uniti.

Lo studio ha dimostrato che c’è circa il doppio del rischio di sviluppare il diabete tra i bambini e gli adolescenti che hanno avuto il covid-19 rispetto ai bambini e agli adolescenti che non ne sono stati colpiti. Il CDC ha esaminato quante persone di età inferiore ai 18 anni sono state diagnosticate con diabete per più di 30 giorni e fino a un anno dopo aver avuto il covid-19. Questo gruppo viene confrontato con un gruppo di controllo di cinque volte che non ha avuto il covid-19 ed ha esaminato quanti hanno finito per sviluppare il diabete.

Tuttavia, il CDC non ha distinto tra diabete di tipo 1 e di tipo 2, e quindi non è certo che sia direttamente dovuto all’infezione. Se hanno avuto un pre-diabete in precedenza, potrebbero anche aver sviluppato il diabete di tipo 2 a causa della maggiore inattività associata alla malattia.

I pazienti vengono seguiti per un anno

Nello studio di Morten Bjerregaard-Andersen vengono reclutati pazienti da quasi tutta la Danimarca. Collabora inoltre con la regione dello Jutland settentrionale, la regione della capitale e la regione dello Jutland centrale.

– Vogliamo essere sicuri di avere abbastanza pazienti in modo che lo studio abbia un certo peso, spiega.

Tutti i neodiagnosticati che dicono di sì alla partecipazione si fanno misurare la glicemia e la capacità di produrre insulina. Allo stesso tempo, vengono testati per gli anticorpi contro il coronavirus in modo da poter confrontare il gruppo che ha avuto il covid-19 con il gruppo che non l’ha fatto.

Tutti i pazienti inclusi vengono riesaminati un anno dopo la diagnosi. 

Lo studio è iniziato a dicembre 2020 e proseguirà fino alla fine del 2023.

Categorie:Ricerca

Con tag:,