Ricerca

I fegati maschi malati subiscono un cambio di sesso

Adv

I fegati degli uomini con diagnosi di malattie epatiche cambiano sesso come parte di un potenziale meccanismo di autoprotezione

I fegati maschi malati subiscono un cambio di sesso
CREDITO: Adobe

Secondo una ricerca dell’Università del Queensland, i fegati degli uomini con diagnosi di malattie epatiche cambiano sesso come parte di un potenziale meccanismo di autoprotezione. 

Il ricercatore capo dell’Institute for Molecular Bioscience (IMB), Professore Associato Frederic Gachon , ha affermato che la scoperta a sorpresa è stata fatta durante un’indagine sul motivo per cui l’interruzione dell’orologio circadiano del corpo è associata all’obesità, al diabete di tipo 2 e alle malattie del fegato. 

“Quando una dieta ricca di grassi è stata somministrata a topi a cui era stato disattivato il gene dell’orologio circadiano, ci aspettavamo che sviluppassero il diabete o la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) come i topi di controllo, ma non l’hanno fatto”, il dottor Gachon disse.

Adv

“Abbiamo anche scoperto che il fegato dei topi maschi obesi era stato femminizzato, probabilmente in parte a causa della natura protettiva dell’ormone sessuale femminile, l’estrogeno”.

Come gli organi riproduttivi, il fegato è sessualmente dimorfico, il che significa che ci sono differenze significative tra la funzione metabolica dei fegati maschili e femminili.

Il team ha quindi continuato a studiare campioni umani e ha ottenuto gli stessi risultati.

“Più è avanzata la malattia, maggiore è la femminilizzazione che abbiamo visto nel tessuto epatico”, ha detto il dottor Gachon.
“Sembra che l’interruzione dei ritmi circadiani potrebbe proteggere il fegato influenzando i livelli di ormoni come l’ormone della crescita, gli estrogeni e il testosterone”.

L’orologio biologico interno controlla molte funzioni biologiche tra cui il sonno, la secrezione ormonale, la temperatura corporea e il metabolismo.

La NAFLD è molto più diffusa negli uomini e colpisce il 25% della popolazione adulta, mentre i disturbi del sonno sono sintomi noti della malattia.

“Questo studio suggerisce che l’interruzione dell’orologio circadiano conferisce al corpo flessibilità nelle vie metaboliche che possono aiutare a rallentare la progressione della malattia”, ha affermato il dottor Gachon.

“Alla luce di questi risultati, stiamo studiando se gli interventi comportamentali e ormonali siano possibili trattamenti per le malattie del fegato”.

Questa ricerca è stata pubblicata in PNAS .

Categorie:Ricerca

Con tag:,