Telemedicina

La telemedicina può mitigare le barriere all’accesso alle cure per l’obesità e alla gestione della perdita di peso

Adv

La telemedicina offre opportunità emergenti per ridurre gli ostacoli alla cura dell’obesità affrontati da operatori sanitari, pazienti e piani sanitari, secondo un documento pubblicato online su Obesity , la rivista di punta della The Obesity Society.

New clothes. Overweight young woman sitting on the chair while thinking about new clothes

“Gli operatori sanitari e i responsabili politici riconoscono sempre più il potenziale della telemedicina e dell’assistenza sanitaria a distanza”, ha affermato Scott Kahan, MD, MPH, FTOS, direttore del National Center for Weight and Wellness, Washington, DC e istruttore presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Salute, Baltimora, Md. “L’uso della telemedicina per la gestione delle malattie croniche, compresa l’obesità, è fondamentale per sostenere l’accesso a un’assistenza sanitaria di alta qualità, in particolare per le persone con mobilità ridotta, coloro che sono sotto o non assicurati e coloro che vivono in aree geografiche aree con opzioni sanitarie limitate”. Kahan è l’autore principale del documento.

Adv

È stato stimato che entro il 2030 quasi l’80% degli adulti negli Stati Uniti avrà pre-obesità o obesità. Nonostante il continuo aumento della prevalenza dell’obesità e le sfide per molti pazienti a perdere e mantenere il peso, l’uso di trattamenti supportati dalle linee guida, come la farmacoterapia, la terapia comportamentale intensiva e la chirurgia bariatrica, rimane sottoutilizzato, secondo gli autori dello studio. Gli ostacoli notevoli all’uso di questi trattamenti e all’efficace gestione del peso a lungo termine includono l’accesso limitato a cure specialistiche, costi elevati, disponibilità limitata di specialisti qualificati in medicina dell’obesità e gestione del peso e copertura assicurativa limitata.

In particolare, gli autori dello studio osservano che lo scarso accesso agli operatori sanitari con formazione in medicina dell’obesità e team di trattamento interdisciplinare pone un ostacolo significativo a un’assistenza efficace. Gli autori aggiungono che le barriere geografiche, in particolare nelle aree rurali, riducono ulteriormente l’accesso alle cure. L’accesso può anche essere limitato da una percepita mancanza di tempo e dalla priorità relativamente bassa data al trattamento dell’obesità durante le visite all’ambulatorio di assistenza primaria. Gli autori scrivono che “il successo nei programmi di gestione del peso migliora con visite più frequenti”.

In un rapporto del 2016 del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, è stato stimato che il 61% delle istituzioni sanitarie negli Stati Uniti utilizzava una qualche versione della telemedicina. La pandemia di COVID-19 ha guidato la rapida espansione della telemedicina poiché la maggior parte dei pazienti non è stata in grado, non ha voluto o è stata dissuasa dall’assistenza di persona. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, c’è stato un aumento del 154% delle visite di telemedicina durante il primo anno della pandemia di COVID-19.

Gli autori sostengono che ci sono molteplici opportunità per la telemedicina di affrontare gli ostacoli chiave per migliorare il trattamento dell’obesità. I fornitori di cure primarie possono fare riferimento a specialisti al di fuori della loro posizione geografica per migliorare l’accesso alle cure. Uno studio clinico randomizzato composto da maschi e femmine che erano socioeconomicamente svantaggiati con obesità e rischio elevato di malattie cardiovascolari ha dimostrato una maggiore perdita di peso con un’app digitale e la consulenza medica.

Le interazioni virtuali tra pazienti e operatori sanitari possono essere meno costose e più convenienti rispetto alle visite di persona. In uno studio di Spring et al., i ricercatori hanno valutato i singoli componenti dei trattamenti per l’obesità comportamentale, compresi quelli erogati a distanza, per valutare il loro rapporto costo-efficacia nel contribuire alla perdita di peso in un periodo di sei mesi. La combinazione di pacchetti di trattamento, tra cui un’applicazione per smartphone, obiettivi personalizzati, lezioni online, 12 chiamate di coaching, un compagno di supporto e rapporti sui progressi inviati a un fornitore di cure primarie, ha portato quasi il 60% dei partecipanti a perdere almeno il 5% del peso corporeo di base , un’entità della perdita di peso che porta a miglioramenti nel diabete, nel rischio cardiovascolare e nella qualità della vita correlata alla salute.

Diminuendo il tempo e l’impegno delle risorse necessarie per frequenti appuntamenti di consulenza, la telemedicina può anche aiutare a migliorare l’aderenza a lungo termine. In uno studio, i pazienti che hanno partecipato a una visita di intervento per la perdita di peso tramite videoconferenza, rispetto a quelli che hanno partecipato di persona, hanno mostrato un tasso di ritenzione del 96% per coloro che hanno partecipato virtualmente, rispetto al 70% per il gruppo di persona.

Le sfide per l’uso della telemedicina includono la necessità di formazione degli operatori sanitari per implementare l’assistenza sanitaria a distanza e la licenza di software di videoconferenza sicuro conforme all’Health Insurance Portability and Accountability Act. Altre limitazioni possono includere l’accesso del paziente a una connessione Internet affidabile e preoccupazioni relative al rimborso dell’assicurazione.

Kahan e coautori spiegano che la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sul coinvolgimento del paziente, sulla conservazione e sulla valutazione dei fenotipi dei pazienti che possono contribuire a migliorare i risultati a lungo termine nei programmi solo virtuali. I profili ottimali dei pazienti (p. es., l’entità delle comorbidità dell’obesità) devono essere presi in considerazione per la prescrizione di farmacoterapia tramite telemedicina.

I coautori dello studio includono Michelle Look, San Diego Sports Medicine and Family Health Center, University of California-San Diego e Angela Fitch, Massachusetts General Hospital Weight Center e Harvard Medical School, Boston, Mass.

Il documento, intitolato ” Telemedicine in Obesity Care” , sarà disponibile online su Obesity. Il documento sarà pubblicato nel numero cartaceo di marzo 2022.

Kahan ha fatto parte di comitati consultivi scientifici e ha ricevuto finanziamenti/sovvenzioni e onorari per la consulenza da Gelesis, Novo Nordisk, Vivus, Lilly e Pfizer. Look ha ricevuto onorari per la consulenza da Boehringer Ingelheim, Gelesis e Novo Nordisk. Fitch funge da presidente del comitato consultivo scientifico di Jenny Craig® e ha ricevuto onorari per la consulenza da Gelesis, MsMedicine, NovoNordisk, Set Point Health, Found Health e Suvie.


La Obesity Society (TOS) è l’organizzazione leader di scienziati e professionisti della salute dedicata alla comprensione e all’inversione dell’epidemia di obesità e dei suoi effetti negativi sulla salute, sull’economia e sulla società. Combinando il punto di vista di ricercatori, medici, responsabili politici e pazienti, TOS promuove la ricerca innovativa, l’istruzione e l’assistenza clinica basata sull’evidenza per migliorare la salute e il benessere di tutte le persone con obesità. Per ulteriori informazioni, visitare www.obesity.org .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: