Educazione

Iperglicemia

Adv

L’educazione basata sull’analogia migliora il controllo glicemico nei pazienti diabetici con iperglicemia

I pazienti diabetici ricevono un trattamento standard quando ricevono la diagnosi. Ciò include visitare i loro medici di base e conoscere la malattia e perché e come devono prendersi cura di se stessi frequentando l’educazione formale sul diabete fornita da educatori e nutrizionisti certificati per il diabete. Se il diabete di un paziente non migliora, viene indirizzato a uno specialista. Tuttavia, uno specialista del diabete presso il Baylor College of Medicine ha appreso nel tempo che molti dei suoi pazienti spesso non capivano i concetti di base del diabete, nonostante ricevessero le cure abituali, quindi ha sviluppato un approccio educativo noto come Analogy-Based Comprehensive Diabetes Education (ABCDE) utilizzando linguaggio di facile comprensione. I risultati di questo studio retrospettivo sono pubblicati su Healthcare.

Adv

“Questo non è iniziato come un progetto di ricerca, ma è stato un tentativo da parte mia di superare una barriera clinica verso un’educazione sul  più efficace e significativa “, ha affermato il dottor Rajagopal Sekhar, professore associato presso il Margaret M. e Albert B. Dipartimento di Medicina Alkek nella Sezione di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo a Baylor. “È iniziato a  , ma è stato così ben accolto dai pazienti che ho pensato: ‘Come posso riportare questo risultato clinico in un documento in modo da poter informare gli operatori sanitari di una forma alternativa ed efficace di comunicazione del diabete?'”

I pazienti diabetici in popolazioni svantaggiate spesso affrontano barriere economiche, razziali, etniche e linguistiche, che li portano a sentirsi sopraffatti e faticano a comprendere l’importanza della loro diagnosi. Poiché l’educazione standard sul diabete può essere poco chiara per i pazienti, spesso non riescono a seguire i passaggi importanti per migliorare la loro salute generale, che include il monitoraggio e il mantenimento di buoni livelli di emoglobina A1c (HbA1c) e concentrarsi su una dieta sana con l’evitamento di bevande zuccherate e digiuno cibo.

Sekhar ha sviluppato il nuovo approccio ABCDE per educare i pazienti su questi concetti fondamentali della cura del diabete. L’educazione al diabete include l’insegnamento dell’importanza di assumere farmaci, seguire una dieta sana, esercizio fisico regolare, esami oculistici retinici annuali e monitoraggio dell’emoglobina A1c. Usa molteplici e diverse analogie per comunicare efficacemente i concetti del diabete ai suoi pazienti che frequentano la sua clinica per il diabete per pazienti affetti da HIV svantaggiati a Houston.

L’analogia del tachimetro

Un’analogia che risuonava con i pazienti per la comprensione dell’emoglobina A1c era l ‘”analogia del tachimetro”, in cui confronta il diabete con un’auto per spiegare il test dell’HbA1c in un modo più riconoscibile.

“Il concetto del test HbA1c è un po’ astratto”, ha detto Sekhar. “Spiegare che l’HbA1c è un valore medio di zucchero su un periodo di 3 mesi è il modo in cui la maggior parte dei medici e degli educatori lo presenta ai pazienti, ma è difficile relazionarsi e rispondere e molti pazienti non capiscono o apprezzano la differenza fondamentale tra un un buon valore del 7% o un valore pericolosamente alto.”

Dice ai suoi pazienti: fate finta che il diabete sia una macchina. Il tachimetro della tua auto per il diabete è il test A1c, che ti dice quanto velocemente si sta muovendo il tuo diabete. Un buon valore del test del diabete è un valore del 7%. Se il risultato del tuo test HbA1c è un valore del 7%, è come se stessi guidando a 20 miglia all’ora in una zona scolastica, una velocità di guida completamente sicura.

Se il tuo numero A1c è 8%, allora è un punto sopra il normale. Ogni punto della A1c è come 20 miglia in più all’ora. Se l’A1c di un paziente è al 14%, starebbe guidando a 160 miglia orarie. Proprio come chiunque si metta davanti alla tua auto mentre acceleri a 160 miglia orarie potrebbe ferirsi gravemente, la tua auto per il diabete danneggerà gli occhi, i reni, i piedi, il cuore e il cervello se non rallenti e abbassi l’HbA1c a livelli più sicuri .

Ecco perché il diabete rimane una delle principali cause di cecità, amputazioni, insufficienza renale, infarto e ictus. Questo stile di messaggistica risuona potentemente con i pazienti e la risposta è immediata in termini di miglioramento della cura di sé, ha spiegato Sekhar.

L’analogia con la sedia

Sekhar usa l ‘”analogia con la sedia” per spiegare i componenti di base della cura del diabete, una dieta così sana, l’esercizio quotidiano e l’adesione ai farmaci per il diabete. Una vera sedia ha bisogno di quattro gambe robuste per la stabilità, e se una gamba si rompe, la sedia cade. Allo stesso modo, un buon controllo del diabete è supportato da quattro gambe e, se qualcuno è rotto, il diabete non è ben controllato. Spiega che queste gambe della sedia del diabete:

  • Prima tappa: tutto ciò che bevi dovrebbe essere salutare. Bere principalmente acqua, evitando le bevande zuccherate.
  • Seconda tappa: dovresti mangiare sano.
  • Terza tappa: attività fisica ed esercizio sotto consiglio medico e buon senso.
  • Quarta tappa: prendere i farmaci per il diabete come prescritto.

Proprio come una sedia non può stare su una gamba sola, cercare di gestire il diabete assumendo solo farmaci e ignorando cibi, bevande ed esercizi di routine sani non migliorerà il diabete.

“Unisco queste analogie nell’educazione al diabete. Una volta che i miei pazienti capiscono questi concetti fondamentali, il consiglio medico è sempre molto ben accolto. Posso vedere la luce del riconoscimento e della connessione nei loro volti e molti dei miei pazienti hanno condiviso in seguito di aver capito il diabete molto meglio con l’approccio ABCDE”, ha detto Sekhar. “I risultati sono stati sorprendenti con miglioramenti molto significativi nell’atteggiamento, nel comportamento e nell’entusiasmo verso l’auto-cura del diabete, che si sono tradotti in un migliore controllo glicemico”.

Lezioni dallo studio

Nello studio retrospettivo, Sekhar riporta la sua esperienza con 24 pazienti diabetici (12 donne e 12 uomini) che sono stati indirizzati a lui per diabete non controllato. Questi pazienti avevano già ricevuto le cure abituali e gli erano stati prescritti farmaci, ma mancavano le dosi e non le assumevano quotidianamente. Inoltre non stavano seguendo una . Non ha cambiato i loro farmaci, prescritto nuovi farmaci o cambiato la dose di farmaci, ma ha invece fornito l’approccio ABCDE per aiutarli a capire l’importanza della dieta, dell’esercizio e dell’aderenza ai farmaci. Quando questi pazienti sono tornati tre mesi dopo, ha visto un’evidente diminuzione dei valori di zucchero nel sangue e i suoi pazienti hanno espresso un sentirsi meglio con maggiore speranza ed entusiasmo. Ha notato un continuo declino di questi risultati sul diabete anche alla loro seconda visita, avvenuta sei mesi dopo aver ricevuto per la prima volta l’approccio ABCDE.

“Quando i numeri iniziano a migliorare, si traduce in loro che apprezzano quanto si sentono bene. Notano che stanno urinando meno durante il giorno e non si svegliano più volte di notte per urinare, hanno più energia e si sentono molto meglio nel complesso. Loro collegare questi miglioramenti a una migliore cura di sé e identificare l’ABCDE come la ragione principale del loro cambiamento comportamentale. Vogliono prendersi più cura di se stessi”, ha affermato Sekhar.

Tre lettere

Sottolinea l’importanza dell’educazione al diabete con un approccio che chiama “le tre E”:

  • Educare: ogni paziente diabetico deve essere adeguatamente educato al punto da comprendere il proprio diabete
  • Incoraggiare: far sapere ai pazienti che possono farlo e aiutarli a superare la frustrazione con il diabete
  • Empower: aiuta i pazienti a prendersi cura del proprio diabete

Sekhar dice che non sta cercando di reinventare la ruota. Ritiene che i concetti di base del diabete, già disponibili nelle classi di educazione al diabete, siano appropriati e adeguati. Sta usando un linguaggio diverso con l’approccio ABCDE per comunicare questi concetti ai pazienti. Andando avanti, Sekhar spera di ottenere finanziamenti per condurre una sperimentazione clinica prospettica in collaborazione con psicologi comportamentali e altri professionisti coinvolti nella ricerca sulla modifica comportamentale.

Prossimi passi

“Il prossimo passo è condurre uno studio prospettico con nuovi  in cui un gruppo riceverà sia l’educazione tradizionale sul diabete che l’approccio ABCDE, mentre un altro gruppo riceverà solo l’educazione tradizionale sul diabete senza ABCDE, per valutare se fornire questo approccio fa la differenza in raggiungere gli obiettivi glicemici”, ha detto.

Spera che questo sia uno strumento di insegnamento facilmente accessibile che i fornitori possano utilizzare nelle proprie cliniche.

“Secondo la mia esperienza, molti pazienti hanno difficoltà a comprendere questi concetti semplici e di base. Trovare un linguaggio semplice per spiegarlo in un modo che porti a una migliore comprensione è molto utile per i pazienti”, ha detto Sekhar. “Sviluppo continuamente nuove analogie per spiegare concetti più dettagliati del diabete come la funzione delle cellule beta, la resistenza all’insulina, il motivo per cui è necessario iniziare le iniezioni di insulina, come funzionano i farmaci per il diabete e altro ancora”.

Questa pubblicazione è un’analisi retrospettiva dell’impatto dell’approccio ABCDE dell’educazione al diabete sugli esiti glicemici sviluppato da Sekhar per i pazienti che frequentano la sua clinica per il diabete.


Ulteriori informazioni: Rajagopal V. Sekhar, ‘Analogy-Based Comprehensive Diabetes Education’ (ABCDE) migliora il controllo glicemico dei pazienti diabetici in una popolazione sottoservita: risultati di un’analisi retrospettiva del grafico, Healthcare (2022). DOI: 10.3390/assistenza sanitaria10030409