Benessere

La vaccinazione ha cambiato il profilo dei pazienti COVID-19 ospedalizzati e di coloro che muoiono a causa della malattia

Adv

Ricercatori brasiliani hanno analizzato i dati di 2.777 pazienti ricoverati in ospedale tra il 5 gennaio e il 12 settembre 2021. Per coloro che erano stati completamente vaccinati, avere più di 60 anni e avere insufficienza renale erano gli unici predittori di ricovero e morte per COVID.

Corona virus

La vaccinazione ha cambiato il profilo dei pazienti COVID-19 ospedalizzati e delle persone che muoiono a causa della malattia in Brasile. Uno studio condotto a São José do Rio Preto, nello stato di San Paolo, Brasile, riporta l’inizio di questo processo.

Adv

I ricercatori affiliati al Laboratorio di virologia della São José do Rio Preto Medical School (FAMERP) hanno analizzato retrospettivamente i dati di 2.777 pazienti trattati tra il 5 gennaio e il 12 settembre 2021 presso l’ospedale di base della regione. La variante gamma (P.1) di SARS-CoV-2 era allora predominante nello stato e la maggior parte dei brasiliani completamente vaccinati (due dosi in quel momento) avevano più di 60 anni.

I pazienti sono stati divisi in vaccinati e non vaccinati e i ricercatori hanno confrontato le caratteristiche dei due gruppi, da età, sesso e comorbilità ai sintomi, condotta clinica in ospedale ed esito (recupero o morte). I risultati sono riportati in una lettera all’editore del Journal of Infection .

“Lo scopo del nostro studio era scoprire i migliori predittori di morte nelle infezioni rivoluzionarie del vaccino COVID-19”  , ha detto all’Agência FAPESP Maurício Lacerda Nogueira , professore presso FAMERP e corrispondente autore dell’articolo  . 

Lo studio è stato sostenuto da FAPESP tramite tre progetti ( 20/04836-0 ,  13/21719-3 e  19/06572-2 ).

L’età media dei 2.518 partecipanti non vaccinati era di 51 anni e il 71,5% presentava una o più comorbidità, principalmente malattie cardiache, diabete e obesità. L’età media dei 259 partecipanti che avevano ricevuto due dosi di vaccino era di 73 anni e il 95% aveva comorbidità.

I ricercatori hanno utilizzato tecniche statistiche per analizzare i dati di questi pazienti e hanno scoperto che i fattori correlati a un aumento del rischio di ospedalizzazione e morte tra i non vaccinati erano di età superiore ai 60 anni e presentavano una o più delle seguenti condizioni: malattie cardiache, fegato , disturbi renali e neurologici, diabete e immunodeficienza. Nel gruppo vaccinato, avere più di 60 anni e avere un’insufficienza renale erano gli unici predittori di mortalità.

“Questa è una chiara prova che la vaccinazione è efficace come protezione e salva vite”, ha detto Nogueira.

Per  Cássia Fernanda Estofolete , prima autrice dell’articolo e membro del Laboratorio di Virologia di FAMERP, l’introduzione del vaccino ha cambiato “drasticamente” il profilo dei pazienti ricoverati in ospedale per il trattamento del COVID-19, così come la storia naturale della malattia (come si evolve ).

“Con la ripresa degli interventi chirurgici elettivi, l’immunizzazione di gran parte della popolazione e l’emergere dell’omicron, stiamo vedendo un quadro diverso negli ospedali”, ha affermato. “Molti pazienti non vanno in ospedale a causa del virus ma scoprono di avere il COVID-19 al momento del ricovero per un’operazione programmata oa causa di un infortunio. Inoltre, molte persone anziane con comorbilità vengono ricoverate in ospedale perché COVID-19 esacerba una malattia sottostante, portando ad esempio al diabete scompensato o all’insufficienza renale. La maggior parte dei pazienti non è più ricoverata in ospedale per la SARS [ sindrome respiratoria acuta grave ] come lo era al momento in cui è stato condotto lo studio”.

Categorie:Benessere

Con tag: