Mangiare e bere

Risultati positivi per la salute del consumo di mango

Adv

Mango associato a diete di migliore qualità, basso livello di zucchero nel sangue e meno infiammazioni

Mango fresco

Poiché il basso consumo di frutta e verdura continua a contribuire a malattie croniche legate all’alimentazione come il diabete e le malattie cardiache, due nuovi studi di ricerca rilevano che il consumo regolare di mango può migliorare le diete e aiutare a gestire i fattori di rischio chiave che contribuiscono alle malattie croniche. 

Adv

In particolare, questi nuovi studi riportano risultati in due aree: 1) il consumo di mango è associato a una migliore qualità generale della dieta e all’assunzione di nutrienti che mancano a molti bambini e adulti a livelli ottimali e 2) fare spuntini a base di mango può migliorare il controllo del glucosio e ridurre l’infiammazione in contrasto con altri snack dolci. Con i mango ampiamente consumati nelle cucine globali e il 58% degli americani che ha riferito di aver fatto spuntini almeno una volta al giorno nel 2021 1 , questa nuova ricerca fornisce ulteriori prove che il consumo regolare di mango può avere vantaggi per la salute ed essere rilevante per le preferenze alimentari culturali e gli attuali modelli alimentari.

Consumo di mango associato a una maggiore qualità della dieta e a una migliore assunzione di nutrienti preoccupanti nei bambini e negli adulti

Un recente studio osservazionale ha riscontrato esiti positivi nell’assunzione di nutrienti, nella qualità della dieta e negli esiti di salute legati al peso negli individui che consumano mango rispetto a quelli che non lo fanno 2 . Lo studio, pubblicato su  Nutrients  nel gennaio 2022, ha utilizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2001-2018 degli Stati Uniti per confrontare le diete e l’assunzione di nutrienti dei consumatori di mango con le persone che non consumavano mango. 

Lo studio ha mostrato che i bambini che mangiavano regolarmente mango assumevano una maggiore assunzione di vitamine A, C e B6 per il potenziamento immunitario, oltre a fibre e potassio. Fibra e potassio sono due dei quattro “nutrienti preoccupanti” come definiti dalle linee guida dietetiche per gli americani, il che significa che molti americani non rispettano le raccomandazioni per questi. Negli adulti, i ricercatori hanno trovato risultati simili, dimostrando che il consumo di mango era associato a un’assunzione giornaliera significativamente maggiore di fibre e potassio, ma anche di vitamine A, B12, C, E e folati, una vitamina fondamentale durante la gravidanza e lo sviluppo fetale. Sia per i bambini che per gli adulti, il consumo di mango era associato a un ridotto apporto di sodio e zucchero e per gli adulti a un ridotto apporto di colesterolo. 

“Sappiamo da molto tempo che esiste una forte correlazione tra dieta e malattie croniche”, afferma Yanni Papanikolaou, ricercatore del progetto. “Questo studio rivela che sia i bambini che gli adulti che mangiano mango tendono ad avere una qualità della dieta significativamente migliore in generale insieme a un maggiore apporto di fibre e potassio rispetto a coloro che non mangiano mango. È anche importante che il mango si adatti a molte cucine diverse. I frutti interi sono sottostimati e il mango può incoraggiare il consumo di frutta soprattutto tra popolazioni sempre più diverse”. 

Spuntini a base di mango associati a un migliore controllo del glucosio e a una minore infiammazione

Oltre a questi ampi benefici del consumo di mango, uno studio pilota separato, pubblicato su  Nutrition, Metabolism & Cardiovascular Diseases  nel 2022, ha esaminato il mango come spuntino e ha scoperto che il consumo di mango interi come spuntino rispetto a uno spuntino di controllo ha risultati migliori per la salute in caso di sovrappeso e adulti obesi 3 . Dato che il 97% degli adulti americani consuma spuntini che contribuiscono fino al 24% del loro apporto energetico giornaliero 4 ,  questo studio ha cercato di confrontare gli spuntini con 100 calorie di mango fresco al giorno con gli spuntini con biscotti a basso contenuto di grassi che avevano lo stesso contenuto calorico. 

Ventisette adulti hanno partecipato allo studio, tutti classificati come sovrappeso o obesi in base all’indice di massa corporea (BMI) e non hanno riportato condizioni di salute note. Ai partecipanti sono stati dati biscotti al mango o magri come spuntino pur mantenendo la loro dieta e il livello fisico abituali per 12 settimane, e dopo un periodo di lavaggio di quattro settimane lo spuntino alternato è stato somministrato per altre 12 settimane. I ricercatori hanno misurato gli effetti su glucosio, insulina, profili lipidici, enzimi della funzionalità epatica e infiammazione. Alla fine del periodo di prova, i risultati hanno indicato che il consumo di mango ha migliorato il controllo glicemico (la capacità di un individuo di gestire i livelli di glucosio nel sangue, un fattore importante nella prevenzione e nella gestione del diabete) e ha ridotto l’infiammazione.

I risultati hanno mostrato che non si è verificato alcun calo della glicemia quando i partecipanti hanno fatto uno spuntino con biscotti a basso contenuto di grassi. Tuttavia, quando si fa uno spuntino con i mango si è verificata una diminuzione statisticamente significativa (p = 0,004) dei livelli di glucosio nel sangue a quattro settimane e di nuovo a 12 settimane, anche se c’era il doppio dello zucchero, naturalmente presente, nei mango rispetto ai biscotti. I ricercatori hanno anche osservato miglioramenti statisticamente significativi dei marcatori di infiammazione, della capacità antiossidante totale (TAC) e della proteina C-reattiva (CRP), durante gli spuntini di mango. Il TAC è una misura della capacità antiossidante complessiva, o quanto bene gli alimenti possono prevenire l’ossidazione nelle cellule. La CRP è un biomarcatore utilizzato per misurare l’infiammazione nel corpo. La ricerca suggerisce che gli antiossidanti abbondanti nei mango offrivano una maggiore protezione contro l’infiammazione rispetto ai biscotti.

“I risultati di questo studio mostrano che antiossidanti, fibre e polifenoli abbondanti nel mango possono aiutare a compensare il consumo di zucchero e aiutare nel controllo del glucosio. Gli antiossidanti possono anche offrire protezione contro l’infiammazione”, afferma il dottor Mee Young Hong, ricercatore capo dello studio e professore presso la School of Exercise and Nutritional Sciences presso la San Diego State University. “Sono necessarie ulteriori ricerche, ma i risultati iniziali sono incoraggianti per le persone che amano gli spuntini dolci”.

Alcune limitazioni in questo studio includono la dimensione del campione, l’utilizzo di una sola dose di mango e la misurazione degli effetti sui partecipanti senza condizioni preesistenti. Ulteriori ricerche dovrebbero esplorare la dose ottimale di mango ed esaminare gli effetti a lungo termine del consumo di mango su quelli con condizioni metaboliche. Sarebbe anche utile confrontare il mango con uno snack di controllo abbinato alle fibre per distinguere gli effetti delle fibre rispetto ai composti bioattivi nei mango.

Con solo 99 calorie e oltre 20 diverse vitamine e minerali, una porzione da 1 tazza di mango è ricca di nutrienti, il che lo rende un superfood. Poiché i mango sono ampiamente consumati nelle culture di tutto il mondo e negli Stati Uniti, la ricerca sui loro benefici per la salute contribuisce a una migliore comprensione del loro ruolo in una dieta sana. 

Entrambi gli studi sono stati sostenuti da fondi del National Mango Board.

Per ulteriori informazioni, visitare  www.mango.org . Clicca qui  per la fotografia del mango.

Risorse:

  1. Consiglio internazionale per le informazioni sugli alimenti, Indagine 2021 su cibo e salute. 19 maggio 2021  https://foodinsight.org/2021-food-health-survey/
  2. Papanikolaou Y, Fulgoni VL. Il consumo di mango è associato a un migliore apporto di nutrienti, qualità della dieta e risultati sulla salute legati al peso. Nutrienti . 2022; 14(1):59. https://doi.org/10.3390/nu14010059
  3. Rosas M et al., Effetti del consumo di mango fresco sui fattori di rischio cardiometabolico negli adulti in sovrappeso e obesi. Nutrizione, metabolismo e malattie cardiovascolari . 2022.  https://doi.org/10.1016/j.numecd.2021.11.001
  4. Piernas C., Popkin BM Snacking è aumentato tra gli adulti statunitensi tra il 1977 e il 2006. J Nutr. 2010; 140: 325-332 https://doi.org/10.3945/jn.109.112763

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: