Vivo col Diabete

Zucca amara: una medicina alternativa per il diabete tipo 2, afferma lo studio

Adv

Momordica charantia isolated on a white background. Ripe whole fruits of Momordica charantia, also known as bitter melon or bitter squash on a white background

I ricercatori di un ospedale universitario di Taiwan hanno dimostrato che i peptidi, noti come mcIRBP-19-BGE, potrebbero essere usati come opzione terapeutica alternativa per le persone con diabete di tipo 2 quando altri farmaci sono inefficaci. Può anche avere l’effetto di regolare la frequenza cardiaca.

Adv

Ci sono almeno 228 ingredienti che sono stati verificati nella zucca amara e sono alcuni dei fitochimici e delle proteine ??tra loro che contribuiscono ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue.

Primo test sull’uomo

Sebbene sia noto da studi precedenti che l’ingrediente ha il potenziale per aiutare a gestire la glicemia, questo è il primo studio che utilizza soggetti umani. Uno studio precedente, nel 2016, ha utilizzato i topi e ha scoperto che l’ingrediente può stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue legandosi direttamente ai recettori dell’insulina. Una proteina legante il recettore dell’insulina con 68 residui è stata isolata dalla zucca amara e l’ingrediente è stato brevettato e commercializzato dall’azienda taiwanese Greenyn Biotechnologies e commercializzato come Insumate. Questo studio è stato finanziato da Greenyn.

I ricercatori hanno affermato: ” In questo studio, intendevamo esplorare il beneficio degli estratti di zucca amara per abbassare la glicemia nel diabete. Lo scopo era di indagare se il mcIRBP-19-BGE avesse un effetto ipoglicemizzante nei pazienti diabetici di tipo 2 che avevano assunto farmaci antidiabetici ma non erano riusciti a raggiungere l’obiettivo del trattamento e di rivelare l’efficacia quando i farmaci antidiabetici erano inefficaci .

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi di 20 – con metà che assumeva una compressa contenente i peptidi che erano costituiti al 100% dal frutto della zucca amara e uno un placebo, a base di amido. A coloro che assumevano il peptide sono stati somministrati 600 mg/die per tre mesi. Oltre ad avere il diabete di tipo 2, i partecipanti dovevano essere stati trattati con più di un farmaco orale che non aveva raggiunto gli obiettivi del trattamento. Tra gli impossibilitati a partecipare c’erano donne in gravidanza e allattamento, persone con angina grave o chiunque avesse un indice di massa corporea inferiore a 18 e superiore a 38.

Cambiamenti significativi

I ricercatori hanno riassunto: “ Questo studio ha dimostrato che mcIRBP-19-BGE può ridurre significativamente i livelli di FBG (glicemia a digiuno) e HbA1c (emoglobina glicata) per i pazienti che non hanno risposto ai farmaci antidiabetici. L’efficacia ipoglicemizzante di mcIRBP-19-BGE ha ridotto l’HbA1c dello 0,5%, in media, per una somministrazione di tre mesi a una dose di 600 mg/die. Tutti i risultati hanno suggerito che mcIRBP-19-BGE può essere un trattamento alternativo per i pazienti diabetici di tipo 2 “.

Hanno aggiunto che un altro studio clinico con una dose più alta è altamente raccomandato.

Questa notizia è significativa con il diabete che sta diventando un problema critico e secondo la International Diabetes Federation, ci sono 425 milioni di pazienti nella fascia di età compresa tra 20 e 79 anni e ci sono ancora circa due terzi dei pazienti che non hanno raggiunto l’obiettivo di trattamento.

Fonte: Food and Nutrition

Pubblicato online:  https://foodandnutritionresearch.net/index.php/fnr/article/view/3685

Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per valutare lo studio controllato con placebo per valutare l’efficacia ipoglicemizzante del mcIRBP-19 contenente estratti di Momordica charantia L.fruit nei soggetti con diabete di tipo 2 .

Autori: Yi-Sun Yang, Nian-Yi Wu, Edy Kornelius, Chien-Ning Huang e Nae-Cherng Yang

Categorie:Vivo col Diabete