Equilibrio

Dio e la malattia: per alcuni sudafricani, c’è di più nella guarigione che nella medicina

Adv

Per molte persone, la familiarità genera fiducia. Ospedali e cliniche possono essere luoghi di sfiducia o incertezza, in parte perché sono al di fuori della vita quotidiana delle persone. Invece, le persone in tutto il mondo possono riporre maggiore fiducia nella preghiera, nell’adorazione e in altre forme di pratica religiosa e guarigione quando affrontano difficoltà fisiche o mentali.

Adv

Gli antropologi hanno spiegato da tempo che la biomedicina ha un difetto di fiducia a causa della sua focalizzazione sulla riparazione dei corpi invece che sulla cura di persone intere. Ciò è in parte dovuto al fatto che in molte culture la salute è percepita come uno stato di equilibrio. Fissare una parte del corpo non ripristina necessariamente l’equilibrio come lo percepisce il paziente.

Non è raro che le persone credano che la causa delle loro malattie sia il risultato di maledizioni o punizioni di una divinità o di una stregoneria.

Gli individui possono anche preferire l’assistenza di fornitori non medici che fanno parte della loro cultura, parlano la loro lingua e comprendono le questioni sociali legate alle loro malattie. Pertanto, molte persone si fidano delle cure che sono socialmente o spiritualmente collegate , come le erbe tradizionali, gli incantesimi, le preghiere o le divinazioni.

Alcuni sudafricani hanno rifiutato la biomedicina a causa delle vicende storiche dei comportamenti clinici e della sfiducia nell’assistenza clinica. Ciò include la discriminazione durante l’apartheid e persistenti fallimenti sistemici, come lunghi tempi di attesa, scorte di farmaci, attrezzature inadeguate e scarsi rapporti medico-paziente .

Ma non si sa molto di ciò che accade alla salute delle persone a lungo termine una volta abbandonata la biomedicina. Volevamo saperne di più su come le persone affrontavano le malattie croniche.

Abbiamo intervistato 88 persone reclutate da un ampio studio di sorveglianza delle malattie a Soweto, in Sud Africa . Chiunque abbia partecipato allo studio di sorveglianza più ampio è stato invitato a partecipare a interviste qualitative. A quarantotto delle persone intervistate era stata diagnosticata una malattia cronica; agli altri non era mai stata diagnosticata una malattia cronica. Quelli con malattie croniche hanno rivelato di non aderire rigidamente a un sistema di assistenza, ma di spostarsi tra la guarigione della chiesa, la spiritualità o la biomedicina.

Fattori sociali e spirituali hanno influenzato le scelte che le persone in questo studio hanno fatto per raggiungere la salute o la guarigione. Riconoscere il ruolo centrale della preghiera e della spiritualità nella guarigione è fondamentale per i medici e gli operatori sanitari per capire perché il trattamento incentrato sulla cura di sé e sulla riparazione fisica potrebbe non essere efficace.

Dio, acqua di chiesa e spiritualità

Dio era al centro della concettualizzazione della salute, della malattia o della morte da parte dei partecipanti. C’era una convinzione comune che Dio fosse un essere soprannaturale che determinava cosa succedeva alla vita delle persone. Gli individui non sono stati in grado di attestare segni visibili di guarigione provocati dalla preghiera, dalla fede o dalla spiritualità. Ma credevano ancora e avevano fede che erano o sarebbero stati guariti:

Mi dico che non sono nato con la pressione alta, non sono nato con il diabete. So che Dio mi guarirà.

Quasi la metà dei partecipanti credeva che le malattie fossero legate a cause culturali o spirituali – come spiriti cattivi, maledizioni, sfortuna o essere stregati – e che solo gli interventi e le preghiere spirituali avrebbero guarito una persona.

Di conseguenza, le persone hanno affermato di aver sviluppato la fede e una stretta relazione con Dio, attraverso le preghiere e la lettura della Bibbia individualmente o in comunità e bevendo l’acqua della chiesa per la guarigione e il benessere.

Ad esempio, bere l’ acqua della chiesa o ciò che alcuni chiamavano “acqua santa” o “tè”, chiamato localmente ” indayelo “, è emerso con forza come un modo per ottenere la guarigione a Soweto. L’acqua della chiesa è stata descritta come una miscela liquida di acqua, olio, tè e alcune erbe, su cui pregava un ministro della chiesa, un pastore o ” omama bomthandazo ” (“madri/donne di preghiera”). Questo è stato servito in chiesa o preparato per i partecipanti da portare a casa. Questa era una pratica comune tra i membri della Chiesa cristiana di Sion.

Si diceva che l’acqua della chiesa aiutasse a calmare il corpo o inducesse il vomito. Questo processo di ” ukukhipha inyongo “, che significa “espellere fiele o bile”, era associato all’eliminazione delle malattie all’interno del corpo.

Oltre a confidare in Dio e bere l’acqua della chiesa, alcuni dei partecipanti allo studio hanno affrontato pratiche come passare del tempo da soli e meditare.

I nostri risultati hanno confermato che la sfiducia nelle cure ospedaliere a Soweto ha influenzato alcune persone a cercare cure alternative. Un anziano che si occupa di diabete e ipertensione ha detto:

Sono andato in clinica questo mese e le pillole erano finite, le pillole di metformina per il diabete non c’erano. Ho deciso di usare la medicina tradizionale e l’acqua della chiesa.

Altri partecipanti hanno rivelato di aver smesso di prendere i farmaci ospedalieri perché si fidavano della chiesa per la loro guarigione.

Pensare a come e dove le persone guariscono è un obiettivo fondamentale del sistema sanitario. Tuttavia, poiché così tanta guarigione auto-percepita avviene al di fuori dell’ospedale e della clinica, i programmi statali devono riconoscere che l’uso eccessivo di parametri e risultati per contrassegnare la salute o la malattia della nazione trascura il modo in cui le persone si sentono ascoltate, guariscono e vivono bene. Riconoscere i molti modi in cui le persone vivono con condizioni multiple è anche fondamentale per guardare oltre le metriche cliniche e riconoscere come e perché le persone dipendono dai familiari, dai vicini o da istituzioni come la chiesa per vivere bene e rimanere in salute.

Sfumature socio-culturali e biomedicina

Il nostro studio fa luce sul ruolo dei fattori socio-spirituali nella comprensione della malattia e della salute da parte delle persone e su come influenzano le scelte che le persone fanno per raggiungere la salute o la guarigione.

Riconoscere il ruolo delle sfumature socio-culturali – dalla preghiera al rituale – può non solo migliorare la salute mentale delle persone con malattie croniche, ma può anche migliorare davvero i risultati fisici. Ad esempio, uno studio su malati di cancro ha rilevato come i pazienti che hanno riferito una maggiore religiosità e spiritualità complessive avevano una migliore salute fisica, una maggiore capacità di svolgere i loro compiti abituali e meno sintomi fisici del cancro e del trattamento. La spiritualità è stata anche importante nell’aiutare i pazienti a mantenere i ruoli e le relazioni sociali di fronte alla malattia.

Pertanto, l’integrazione delle sfumature socio-culturali all’interno della biomedicina potrebbe offrire ai pazienti una forma di cura più completa, che riunisce approcci biologici, psicologici, sociali e spirituali.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione