Batticuore

Mangiare proteine da una maggiore varietà di fonti può ridurre il rischio di ipertensione

Adv
  • In uno studio condotto su quasi 12.200 adulti in Cina, il consumo di proteine ??da una maggiore varietà di fonti è stato associato a un minor rischio di sviluppare la pressione alta.
  • Ciò suggerisce che il consumo di una dieta equilibrata con una moderata quantità di proteine ??provenienti da diverse fonti alimentari può aiutare a prevenire l’ipertensione di nuova insorgenza.

Secondo una nuova ricerca pubblicata oggi su Hypertension , una rivista peer-reviewed dell’American Heart Association , una dieta equilibrata che includa proteine da una maggiore varietà di fonti può aiutare gli adulti a ridurre il rischio di sviluppare la pressione alta .

Adv

Quasi la metà della popolazione degli Stati Uniti soffre di ipertensione o pressione alta, uno dei principali fattori che contribuiscono alle malattie cardiovascolari. Se non trattata, la pressione alta danneggia il sistema circolatorio ed è un fattore che contribuisce in modo significativo ad  infarto,  ictus  e altre  condizioni di salute .

“L’alimentazione può essere una misura facilmente accessibile ed efficace per combattere l’ipertensione. Insieme a grassi e carboidrati, le proteine ??sono uno dei tre macronutrienti di base”, ha affermato l’autore dello studio Xianhui Qin, MD, del National Clinical Research Center for Kidney Disease presso il Nanfang Hospital, Southern Medical University di Guangzhou, in Cina.

Esiste una forte associazione tra scarsa qualità della dieta e aumento del rischio di malattie cardiovascolari e morte per malattie cardiovascolari. Nella sua guida dietetica del 2021 per migliorare la salute cardiovascolare, l’American Heart Association consiglia alle persone di mangiare sane fonti di proteine, principalmente dalle piante e possono includere frutti di mare e latticini a basso contenuto di grassi o senza grassi e, se lo si desidera, tagli magri e forme non trasformate di carne o pollame. L’American Heart Association raccomanda di mangiare da una a due porzioni, o 5,5 once, di proteine ??al giorno.

The study authors analyzed health information for nearly 12,200 adults living in China who were part of at least 2 out of 7 rounds of the China Health and Nutrition Survey from 1997 to 2015 (surveys taken every 2-4 years). Participants’ initial survey was used as a baseline, while data from their last round was used as a follow-up for comparison. Participants were an average age of 41 years, and 47% were men. The survey measured dietary intake in three consecutive 24-hour dietary recalls and a household food inventory. A trained interviewer collected 24-hour dietary information over 3 days in the same week during each round of the survey.

Ai partecipanti è stato assegnato un “punteggio di varietà” proteico basato sul numero di diverse fonti di proteine ??consumate su 8 segnalate: cereali integrali, cereali raffinati, carne rossa trasformata, carne rossa non trasformata, pollame, pesce, uova e legumi. È stato assegnato un punto per ciascuna fonte di proteine, con un punteggio di varietà massimo di 8. I ricercatori hanno quindi valutato l’associazione per l’ipertensione di nuova insorgenza in relazione al punteggio di varietà proteica.

L’ipertensione di nuova insorgenza è stata definita come pressione arteriosa sistolica (numero superiore) maggiore o uguale a 140 mm Hg e/o pressione arteriosa diastolica (numero inferiore) maggiore o uguale a 90 mm Hg, assunzione di medicinali per abbassare la pressione sanguigna, o -riferire che un medico ha diagnosticato la pressione alta dall’ultima visita di indagine. Il tempo medio per il follow-up è stato di 6 anni.

L’analisi ha rilevato:

  • Più del 35% dei quasi 12.200 partecipanti ha sviluppato un’elevata ipertensione di nuova insorgenza durante il follow-up.
  • Rispetto ai partecipanti con il punteggio di varietà più basso per l’assunzione di proteine ??(meno di 2), quelli con il punteggio di varietà più alto (4 o superiore) avevano un rischio inferiore del 66% di sviluppare la pressione alta.
  • Per ciascuno degli 8 tipi di proteine, c’era una finestra di quantità di consumo in cui il rischio di ipertensione era inferiore. I ricercatori hanno descritto questo come il livello di consumo appropriato.
  • Quando è stata considerata la quantità totale di assunzione di proteine, la quantità consumata è stata suddivisa in cinque categorie (quintile), dalla meno alla maggior parte dell’assunzione. Le persone che mangiavano la minor quantità di proteine ??totali e quelle che mangiavano la maggior parte delle proteine ??avevano il rischio più alto di nuova insorgenza di ipertensione.

“Il messaggio per la salute del cuore è che consumare una dieta equilibrata con proteine ??provenienti da diverse fonti, piuttosto che concentrarsi su una singola fonte di proteine ??alimentari, può aiutare a prevenire lo sviluppo della pressione alta”, ha detto Qin.

Un limite dello studio è il suo disegno osservazionale. Poiché i ricercatori hanno utilizzato informazioni sanitarie precedenti, non sono stati in grado di dimostrare in modo definitivo che l’assunzione di proteine ??di alcun tipo o quantità causasse o prevenisse l’ipertensione di nuova insorgenza.

I coautori sono Chun Zhou, MS; Qimeng Wu, SM; Ziliang Ye, MS; Mengyi Liu, SM; Zhuxian Zhang, SM; Yuanyuan Zhang, MD; Huan Li, MD; Panpan He, MS; Qinqin Li, MS; e Chengzhang Liu, le rivelazioni degli autori di MS sono elencate nel manoscritto.

Lo studio è stato finanziato dalla National Natural Science Foundation of China, Outstanding Youths Development Scheme of Nanfang Hospital, Clinical Research Program of Nanfang Hospital e Southern Medical University.

Gli studi pubblicati sulle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono sottoposti a revisione paritaria. Le dichiarazioni e le conclusioni in ogni manoscritto pubblicato nelle riviste scientifiche dell’American Heart Association sono esclusivamente quelle degli autori dello studio e non riflettono necessariamente la politica o la posizione dell’Associazione. L’Associazione non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o affidabilità. L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati; anche fondazioni e società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. Ricavi da aziende farmaceutiche e biotecnologiche,qui .