Mangiare e bere

Quando mangi è importante: come i tuoi ritmi alimentari influiscono sulla tua salute mentale

Adv

Mangiare è una parte essenziale della vita umana e si scopre che non solo ciò che mangiamo, ma anche quando mangiamo può avere un impatto sul nostro cervello. È stato dimostrato che orari di alimentazione irregolari contribuiscono a una cattiva salute mentale, tra cui depressione e ansia, nonché a malattie cardio-metaboliche e aumento di peso .

Adv

Fortunatamente, è possibile sfruttare i nostri ritmi alimentari per limitare l’umore negativo e aumentare la salute mentale. Come studente di dottorato nel campo della neuropsichiatria e psichiatra che studia disturbi della nutrizione e dell’umore, la nostra ricerca si concentra sull’indagine sull’impatto dei ritmi alimentari sul cervello.

Ecco come funziona: il sistema dell’orologio circadiano è responsabile dell’allineamento dei nostri processi interni ai momenti ottimali della giornata in base ai segnali dell’ambiente come la luce o il cibo. Gli esseri umani hanno sviluppato questo cablaggio per soddisfare i bisogni energetici che cambiano molto durante il giorno e la notte, creando uno schema ritmico alle nostre abitudini alimentari che segue il programma del sole.

Sebbene l’orologio principale gestisca la funzione metabolica durante il ciclo giorno-notte, i nostri ritmi alimentari influiscono anche sull’orologio principale. I tessuti digestivi hanno i propri orologi e mostrano oscillazioni regolari nel funzionamento nel ciclo di 24 ore. Ad esempio, l’intestino tenue e il fegato variano durante il giorno e la notte in termini di capacità digestiva, di assorbimento e metabolica .

Quando l’orologio circadiano principale nel cervello non è sincronizzato con i ritmi alimentari, influisce sulla capacità del cervello di funzionare completamente. Anche se il cervello rappresenta solo il 2% della nostra massa corporea totale, consuma fino al 25% della nostra energia ed è particolarmente influenzato dai cambiamenti nell’apporto calorico . Ciò significa che orari dei pasti anormali sono destinati ad avere esiti negativi sulla salute.

Cibo e umore

Sebbene i meccanismi sottostanti siano ancora sconosciuti, esiste una sovrapposizione tra i circuiti neurali che governano il cibo e l’umore. Inoltre, gli ormoni digestivi esercitano effetti sulla dopamina, un neurotrasmettitore che svolge un ruolo importante nell’umore, nell’energia e nel piacere. Gli individui con depressione e disturbo bipolare hanno livelli di dopamina anormali . Si ritiene che i ritmi alimentari alterati contribuiscano al cattivo mantenimento dell’umore.

Un disegno a gesso di un cervello su una lavagna, con la metà destra del cervello piena di cibi sani
C’è una sovrapposizione tra i circuiti neurali che governano il cibo e l’umore. (Shutterstock)

L’alimentazione irregolare può anche svolgere un ruolo nelle complesse cause alla base dei disturbi dell’umore. Ad esempio, gli individui con depressione o disturbo bipolare mostrano ritmi interni disturbati e orari dei pasti irregolari , che peggiorano significativamente i sintomi dell’umore. Inoltre, i turnisti, che tendono ad avere orari alimentari irregolari, mostrano un aumento dei tassi di depressione e ansia rispetto alla popolazione generale. Nonostante questa evidenza, la valutazione dei ritmi alimentari non fa attualmente parte dell’assistenza clinica standard nella maggior parte dei contesti psichiatrici.

Ottimizzazione dei ritmi alimentari

Quindi, cosa si può fare per ottimizzare i nostri ritmi alimentari? Un metodo promettente che abbiamo incontrato nella nostra ricerca è il mangiare a tempo limitato (TRE), noto anche come digiuno intermittente.

TRE implica limitare la finestra per mangiare a una certa quantità di tempo durante il giorno, in genere da quattro a 12 ore . Ad esempio, la scelta di consumare tutti i pasti e gli spuntini in una finestra di 10 ore dalle 9:00 alle 19:00 riflette un periodo di digiuno notturno. L’evidenza suggerisce che questo metodo ottimizza la funzione cerebrale, il metabolismo energetico e la sana segnalazione degli ormoni metabolici.

TRE ha già dimostrato di prevenire i sintomi depressivi e di ansia in studi sugli animali progettati per modellare il lavoro a turni . Gli effetti antidepressivi del TRE sono stati mostrati anche nell’uomo . Mangiare regolarmente è utile anche per ridurre il rischio di problemi di salute come obesità, diabete e malattie cardiovascolari .

Ritmi circadiani in un mondo di 24 ore

Viviamo in un mondo aperto 24 ore su 24 pieno di luce artificiale e accesso al cibo 24 ore su 24. Ciò rende gli effetti dei ritmi alimentari disturbati sulla salute mentale un argomento importante per la vita moderna. Poiché ulteriori ricerche forniscono dati sulla valutazione dei ritmi alimentari negli individui con disturbi dell’umore, l’integrazione del trattamento del ritmo alimentare nell’assistenza clinica potrebbe migliorare significativamente la qualità della vita dei pazienti.

Per la popolazione in generale, è importante aumentare la conoscenza pubblica su modi accessibili e convenienti per mantenere un’alimentazione sana. Ciò include prestare attenzione non solo al contenuto dei pasti ma anche ai ritmi alimentari. Allineare i ritmi alimentari con l’orario solare avrà benefici duraturi per il benessere generale e potrebbe avere un effetto protettivo contro le malattie mentali.


This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,