Benessere

L’aspettativa di vita senza disabilità migliora anche per le persone con condizioni croniche comuni

Adv

Il numero di anni in buona salute che una persona vive è, in media, in aumento anche per le persone con condizioni croniche comuni, secondo un nuovo studio pubblicato il 15 marzo su PLOS Medicine da Holly Bennett dell’Università di Newcastle, Regno Unito, e colleghi.

Adv

Negli ultimi decenni ci sono stati progressi nell’assistenza sanitaria che significano che molte persone con condizioni di salute croniche vivono più a lungo. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno voluto determinare se questa estensione della vita comporta un aumento degli anni con o senza disabilità. Il team ha analizzato i dati di due ampi studi di popolazione su persone di età pari o superiore a 65 anni in Inghilterra. Gli studi, la funzione cognitiva e gli studi sull’invecchiamento (CFAS I e II) hanno coinvolto interviste di base con 7.635 persone nel 1991-1993 e con 7.762 persone nel 2008-2011, con due anni di follow-up in ciascun caso.

Sia per le persone sane che per quelle con problemi di salute, gli anni medi di aspettativa di vita senza disabilità (DFLE) sono aumentati dal 1991 al 2011. Complessivamente, gli uomini hanno guadagnato 4,6 anni di aspettativa di vita (IC 95%: 3,7 – 5,5 anni, p<0,001 )) e 3,7 anni in DFLE (IC 95%: 2,7 – 4,8, p<0,001)). Gli uomini con condizioni tra cui artrite, malattia coronarica, ictus e diabete hanno guadagnato più anni in DFLE rispetto agli anni con disabilità. I maggiori miglioramenti di DFLE negli uomini sono stati osservati per quelli con difficoltà respiratorie e quelli che vivono dopo l’ictus.

Tra il 1991 e il 2011, le donne hanno registrato un aumento dell’aspettativa di vita all’età di 65 anni di 2,1 anni (IC 95%: 1,1–3,0 anni, p<0,001) e un aumento del DFLE di 2,0 anni (IC 95%: 1,0 – 2,9 anni, p<0,001). Analogamente agli uomini, la maggior parte del miglioramento dell’aspettativa di vita per le donne con condizioni a lungo termine è avvenuta negli anni senza disabilità. Tuttavia, le donne con deterioramento cognitivo hanno sperimentato un aumento dell’aspettativa di vita con disabilità (1,6 anni, IC 95%: 0,1 – 3,1, p=0,04) senza alcun miglioramento nel DFLE. Gli uomini con deterioramento cognitivo hanno sperimentato solo un piccolo aumento del DFLE (1,4 anni, IC 95%: -0,7 – 3,4, p=0,18) con un aumento dell’aspettativa di vita con disabilità di entità comparabile (1,4 anni, IC 95%: 0,2 -2,5, p=0,02). Pertanto, a 65 anni,

“Sebbene questi risultati siano per lo più positivi, abbiamo riscontrato un aumento della percentuale di anni rimanenti trascorsi con disabilità per uomini e donne con deterioramento cognitivo. Dato che il deterioramento cognitivo era anche l’unica condizione a lungo termine in cui la prevalenza è diminuita, questo è motivo di preoccupazione e richiede ulteriori indagini”, affermano gli autori.

Fonte:

Riferimento del giornale:

Bennett, quartier generale, et al. (2022) Un confronto su 2 decenni di aspettativa di vita senza disabilità all’età di 65 anni per coloro con condizioni a lungo termine in Inghilterra: analisi della funzione cognitiva longitudinale 2 e studi sull’invecchiamento. PLOS Medicina. doi.org/10.1371/journal.pmed.1003936 .

Categorie:Benessere

Con tag:,