Benessere

Trend nuove diagnosi diabete tipo 2 in salita anche dopo lieve infezione da COVID-19 

Adv
coronavirus, covid, medicine

Una nuova ricerca pubblicata su Diabetologia (la rivista dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete [EASD]), suggerisce una possibile associazione tra casi lievi di COVID-19 e successiva diagnosi di diabete di tipo 2.

L’analisi delle cartelle cliniche di 1.171 studi di medicina generale e interna in tutta la Germania condotta dal professor Wolfgang Rathmann e dal professor Oliver Kuss del Centro tedesco per il diabete dell’Università Heinrich Heine, Dusseldorf, Germania, e dal professor Karel Kostev (IQVIA*, Francoforte, Germania) ha rilevato che gli adulti che si riprendono da COVID-19 per lo più lieve sembrano avere un rischio significativamente più elevato di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a un gruppo di controllo abbinato che aveva altri tipi di infezioni respiratorie, anch’esse spesso causate da virus.

Adv

Se confermati, questi risultati indicano che lo screening del diabete negli individui dopo il recupero da forme lievi di COVID-19 dovrebbe essere raccomandato, affermano i ricercatori. Questo potenziale legame tra COVID-19 e diabete è oggetto di indagine anche in vari studi in corso, tra cui il registro CoviDiab** e altri studi collegati al cosiddetto “covid lungo”. 

Precedenti studi hanno rilevato che l’infiammazione causata da SARS-CoV?2 può danneggiare le cellule beta produttrici di insulina, causandone la morte o modificando il modo in cui funzionano, con conseguente iperglicemia acuta (glicemia alta). Si ritiene che anche i tessuti che diventano meno reattivi all’insulina a causa dell’infiammazione nel corpo siano una possibile causa. Anche gli stili di vita sedentari causati dai blocchi potrebbero avere un ruolo. Questo potrebbe spiegare perché l’iperglicemia e la resistenza all’insulina di nuova insorgenza sono state riportate in pazienti COVID-19 senza una precedente storia di diabete.

Tuttavia, non è chiaro se questi cambiamenti metabolici siano temporanei o se gli individui con COVID-19 possano essere maggiormente a rischio di sviluppare il diabete cronico. Inoltre, mancano studi che indaghino sull’incidenza del diabete dopo il recupero da COVID-19 nei casi lievi.

Per fornire ulteriori prove, i ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche elettroniche dal database dell’analizzatore di malattie, che includeva informazioni su 8,8 milioni di adulti che hanno visitato 1.171 studi di medicina generale e interna in tutta la Germania tra marzo 2020 e gennaio 2021. Ciò includeva 35.865 pazienti a cui era stato diagnosticato il COVID -19. L’incidenza del diabete dopo COVID-19 è stata confrontata con una coorte di individui (età media 43 anni; 46% donne) a cui è stata diagnosticata un’infezione acuta del tratto respiratorio superiore (AURI) (ma non COVID-19) entro lo stesso periodo di tempo, abbinato per sesso, età, copertura assicurativa sanitaria, mese indice di diagnosi di COVID-19 o AURI e comorbidità (obesità, pressione alta, colesterolo alto, infarto, ictus).

Sono stati esclusi gli individui con una storia di COVID-19 o diabete e quelli che usavano corticosteroidi entro 30 giorni dalle date dell’indice. Durante un follow-up medio di 119 giorni per COVID-19 e 161 giorni per AURI, il numero di ricoveri è stato simile in entrambi i gruppi (COVID-19: 3,2% vs controlli: 3,1%; numero mediano di ricoveri ospedalieri: 1 in entrambi coorti).

I ricercatori hanno scoperto che i nuovi casi di diabete di tipo 2 erano più comuni nei pazienti risultati positivi al COVID-19 rispetto a quelli con AURI (15,8 vs 12,3 per 1000 persone all’anno) con un tasso di incidenza (IRR) di 1,28 . In parole povere, ciò significa che il rischio relativo di sviluppare il diabete di tipo 2 nel gruppo COVID era del 28% superiore rispetto al gruppo AURI. L’IRR per il gruppo COVID non è stato aumentato in altre forme non specificate di diabete.

“L’infezione da COVID-19 può portare al diabete attraverso la sovraregolazione del sistema immunitario dopo la remissione, che può indurre disfunzione delle cellule beta del pancreas e insulino-resistenza, oppure i pazienti potrebbero essere stati a rischio di sviluppare il diabete a causa dell’obesità o del prediabete e lo stress COVID -19 indossare i loro corpi lo ha accelerato”, afferma l’autore principale, il professor Wolfgang Rathmann. “Il rischio di glicemia anormalmente alta negli individui con COVID-19 è molto probabilmente un continuum, a seconda di fattori di rischio come lesioni alle cellule beta, una risposta infiammatoria esagerata e cambiamenti nell’aumento di peso correlato alla pandemia e diminuzione dell’attività fisica”, aggiunge il coautore, il professor Oliver Kuss.

Il Prof Rathmann aggiunge: “Dato che i pazienti COVID-19 sono stati seguiti solo per circa tre mesi, è necessario un ulteriore follow-up per capire se il diabete di tipo 2 dopo COVID-19 lieve è solo temporaneo e può essere invertito dopo che si sono completamente ripresi, oppure se porta a una condizione cronica”.

Sebbene non sia probabile che il diabete di tipo 2 sia un problema per la stragrande maggioranza delle persone con COVID-19 lieve, gli autori raccomandano che chiunque si sia ripreso da COVID-19 sia consapevole dei segnali e dei sintomi premonitori come affaticamento, minzione frequente , e aumento della sete e cercare immediatamente un trattamento.

Gli autori rilevano alcune limitazioni al loro studio, incluso il fatto che le informazioni limitate sui ricoveri e sugli individui con diagnosi di COVID-19 al di fuori della medicina generale (ad esempio negli ospedali o nei centri di test COVID-19) possono limitare l’accuratezza dei risultati. Allo stesso modo, non sono stati in grado di controllare l’indice di massa corporea perché i dati non erano disponibili e l’incidenza del diabete di tipo 1 non è stata studiata a causa del numero ridotto di casi. Infine, notano che i loro risultati potrebbero non essere generalizzabili ad altre popolazioni.


*IQVIA è il nome di un’azienda di data science sanitaria in Germania: www.iqvia.com

**Per maggiori informazioni sul progetto CoviDiab vedere: https://www.e-dendrite.com/node/268

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: