Ricerca

Il trapianto fecale può tenere lontano il bipolare. Quando si tratta di salute mentale, cos’altro potrebbe fare la cacca?

Adv

In una prima mondiale, due australiani affetti da disturbo bipolare hanno subito trapianti di cacca, i loro sintomi sono migliorati e i loro casi sono stati scritti in diari sottoposti a revisione paritaria .

Adv

Uno di noi (Parker) ha curato il secondo di questi pazienti con il cosiddetto trapianto di microbiota fecale e nelle ultime settimane ha pubblicato il suo caso di studio. L’altro (verde) fa parte di un team che recluta persone con depressione per uno studio clinico sul trapianto di cacca.

Saremmo i primi ad ammettere che sono i primi giorni per questo tipo di trattamento per problemi bipolari o di salute mentale. Ci sono molti ostacoli prima che potessimo vedere i trapianti di cacca per questi diventare un luogo comune.

 

 

Quindi non sosteniamo che le persone abbandonino i loro farmaci esistenti, li provino a casa o chiediamo allo psichiatra di offrire loro un “crapsule” (una capsula di cacca e sì, è una parola).

Tuttavia, i risultati limitati per il bipolare finora sono promettenti. Ecco cosa ci dicono le prove sulla prospettiva di trapianti di cacca per la salute mentale.

 

Cominciamo dal bipolare

Ci sono diversi tipi di disturbo bipolare . Questo è quando le persone hanno periodi distinti di mania (o una forma nota come ipomania) – con, ad esempio, umore elevato, maggiore attività e diminuzione del sonno – e periodi di depressione.

Le persone con bipolare di solito assumono farmaci per gestire i loro sintomi, generalmente per tutta la vita. Questi farmaci sono principalmente stabilizzatori dell’umore (come il litio), ma molti assumono anche antipsicotici. Questi farmaci presentano rischi ed effetti collaterali, che dipendono dal farmaco. Gli effetti collaterali possono includere aumento di peso, sedazione e disturbi del movimento .

 

 

Che fine hanno fatto i due pazienti?

Nel 2020, Russell Hinton, uno psichiatra privato, ha descritto come ha trattato il primo paziente. Questa era una donna che aveva provato più di una dozzina di farmaci diversi per il suo disturbo bipolare. Era stata ricoverata in ospedale dieci volte, era ingrassata considerevolmente e riteneva di non avere qualità di vita.

Dopo un trapianto di cacca da parte del marito, è diventata priva di sintomi nei cinque anni successivi, ha perso 33 chilogrammi, non ha avuto bisogno di farmaci e la sua carriera è fiorita.

Gordon Parker e colleghi dell’Università del New South Wales hanno riportato i loro risultati con il secondo paziente il mese scorso. Si trattava di un giovane che aveva sviluppato il bipolarismo da adolescente, aveva provato numerosi farmaci ed era diventato progressivamente intollerante ai loro effetti collaterali.

Dopo un trapianto di cacca, è stato in grado di interrompere progressivamente tutti i farmaci nel corso dell’anno successivo e praticamente non ha avuto sbalzi d’umore. Ha anche notato un miglioramento della sua ansia e dell’ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività).

 

Come potrebbe funzionare?

Trilioni di batteri vivono nelle nostre viscere. Questo cosiddetto microbioma intestinale ha un enorme impatto sulla nostra salute in generale, non solo sulla salute del nostro cervello.

Le differenze nei batteri intestinali sono state collegate all’obesità , al diabete e alla sindrome dell’intestino irritabile .

Qual è il microbioma umano?

L’idea alla base dei trapianti di cacca è quella di cambiare il microbioma intestinale. Prendi la cacca, con tutti i suoi microrganismi, da una persona sana e la dai a quella che viene curata.

Puoi farlo “dall’alto verso il basso”, ad esempio, ingoiando capsule di cacca (crapsule) o erogando la cacca attraverso un tubo inserito nel naso, nello stomaco o nell’intestino.

In alternativa, puoi inserire la cacca “dal basso verso l’alto”. Puoi farlo con un clistere, una procedura semplice e indolore in cui una siringa trasferisce la cacca nel retto. Oppure puoi usare una colonscopia, una procedura eseguita in anestesia generale che prevede l’inserimento di un tubo più in alto nel colon.

I trapianti di cacca sono già usati per trattare l’infezione intestinale spesso pericolosa per la vita causata dal batterio Clostridium difficile .

Sono stati anche sperimentati, con vari gradi di successo, in persone con sindrome dell’intestino irritabile, colite ulcerosa , HIV ed epatite , tra le altre condizioni mediche.

Gli effetti collaterali dei trapianti di cacca sono rari e di solito si riferiscono al modo in cui vengono somministrati, ad esempio gli effetti collaterali dell’anestetico dai trapianti di cacca somministrati mediante colonscopia.

Allora che ne dici di salute mentale?

I microbiomi intestinali anormali sono stati collegati a bipolare, depressione e schizofrenia.

Quando la cacca degli esseri umani depressi viene somministrata ai topi, sembra che sviluppino una versione della depressione da ratto . Allo stesso modo, quando i topi ricevono la cacca da qualcuno con schizofrenia, sviluppano una versione murina della schizofrenia .

Questi sono risultati indiretti. Eppure suggeriscono che i trapianti di cacca potrebbero avere il potenziale per curare alcune condizioni di salute mentale.

Quindi, in che modo esattamente i batteri nell’intestino influiscono sulla salute mentale? Ci sono molti modi diversi , ognuno complicato e che interagiscono tra loro.

Ad esempio, questi batteri agiscono direttamente sulla parete intestinale, inviando segnali al cervello attraverso il nervo vago. I batteri producono anche grandi quantità di sostanze chimiche (ad esempio, acidi grassi a catena corta ), che hanno un impatto praticamente su tutti i sistemi corporei, compreso il sistema immunitario. Sappiamo che la funzione cerebrale dipende fortemente dalle cellule immunitarie.

Non provarlo a casa

In questa fase, qualsiasi prova che suggerisca che i trapianti di cacca possano aiutare le persone con depressione o bipolare è, essenzialmente, aneddotica.

Alcune persone hanno provato la propria versione a casa, coinvolgendo donatori di cacca che non sono stati sottoposti a screening per malattie.

Un esempio di alto profilo è Dave Hosking della band australiana Boy & Bear. Ha usato un ” poo roadie ” per fornirgli trapianti in tournée per aiutare a gestire la sua depressione e ansia.

Non lo consigliamo. I trapianti di cacca devono essere eseguiti solo sotto la supervisione di professionisti medici, utilizzando un prodotto di cacca approvato e accuratamente selezionato.

I trapianti di cacca sono strettamente regolamentati in Australia . Le donazioni devono essere sottoposte a screening per batteri, funghi, parassiti o virus nocivi. Inoltre, i donatori non devono avere alcuna condizione di salute ritenuta associata a batteri intestinali, come una condizione autoimmune, cancro o obesità.

Cosa succede dopo?

Abbiamo bisogno di studi più ampi e ben progettati per dimostrare che i trapianti di cacca hanno un effetto reale e qualsiasi sintomo migliorato non può essere spiegato da altri fattori.

Abbiamo anche bisogno di cercare marcatori nel microbioma che potrebbero prevedere un risultato positivo. Se conoscessimo questi marcatori, potremmo ottimizzare il trattamento e misurare meglio i risultati.

Il primo centro dell’autore sta reclutando persone con depressione per provare i trapianti di cacca. Lo studio randomizzerà i partecipanti ad avere un clistere o un clistere con placebo. In caso di successo, è previsto uno studio più ampio.

In Canada, sono in corso tre studi di questo tipo per valutare i trapianti di cacca. Questi sono per bipolare , depressione , con o senza sindrome dell’intestino irritabile .

Sebbene promettenti, non possiamo concludere in questo momento se i trapianti di cacca funzionino per il bipolare o la depressione.

Fino a quando non saranno disponibili i risultati di questi studi, è troppo presto per dire se i primi risultati con bipolare possono essere replicati su scala più ampia.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione