Benessere

Illuminando la strada con ritmi quotidiani più sani

Adv

I nuovi consigli sull’illuminazione supportano il sonno, la veglia e la salute fisiologica generale
CREDITO: Pixabay, Pexels (CC0, https://creativecommons.org/publicdomain/zero/1.0/)

La luce che sperimentiamo nella nostra vita quotidiana ha una grande influenza sui ritmi del nostro corpo. Gli stili di vita moderni, con accesso 24 ore su 24 alla luce elettrica e ridotta esposizione alla luce naturale, possono disturbare il sonno e avere un impatto negativo su salute, benessere e produttività. Un nuovo rapporto pubblicato il 17 marzo sulla rivista ad accesso aperto PLOS Biology affronta il problema di come dovrebbe essere esattamente l’illuminazione brillante durante il giorno e la sera per supportare ritmi corporei sani, sonno riposante e prontezza diurna.

Adv

I professori Timothy Brown dell’Università di Manchester, Regno Unito, e Kenneth Wright dell’Università del Colorado Boulder, Stati Uniti, hanno riunito un corpo internazionale di esperti scientifici di primo piano per concordare le prime raccomandazioni basate sull’evidenza per una sana luce diurna, serale e notturna esposizione. Queste raccomandazioni forniscono una guida tanto necessaria alle industrie dell’illuminazione e dell’elettronica per aiutare la progettazione di ambienti più sani e per migliorare il modo in cui illuminiamo i nostri luoghi di lavoro, gli edifici pubblici e le case. 

Una questione chiave affrontata dal nuovo rapporto è stata come misurare correttamente la misura in cui diversi tipi di illuminazione potrebbero influenzare i ritmi del nostro corpo e i modelli quotidiani di sonno e veglia. La luce influenza questi schemi attraverso un tipo specializzato di cellula nell’occhio che utilizza una proteina sensibile alla luce, la melanopsina, che è distinta dalle proteine ??nei bastoncelli e nei coni che supportano la vista (e su cui si basano i metodi tradizionali per misurare la “luminosità”) . Poiché la melanopsina è più sensibile alla luce in una parte specifica dello spettro visivo (luce blu-ciano), le nuove raccomandazioni hanno utilizzato uno standard di misurazione della luce di nuova concezione adattato a questa proprietà unica, l’illuminamento diurno equivalente melanopico.

Un passo successivo importante sarà l’integrazione delle raccomandazioni nelle linee guida formali sull’illuminazione, che attualmente si concentrano sui requisiti visivi piuttosto che sugli effetti sulla salute e sul benessere. Inoltre, la crescente sofisticatezza nella tecnologia di illuminazione a LED e la disponibilità di sensori di luce a basso costo dovrebbero aumentare la facilità con cui le persone possono ottimizzare la propria esposizione personale alla luce per supportare al meglio i propri ritmi corporei in linea con le nuove raccomandazioni.

Brown aggiunge: “Queste raccomandazioni forniscono il primo consenso scientifico, quantitativo, guida per appropriati schemi giornalieri di esposizione alla luce per supportare ritmi corporei sani, sonno notturno e prontezza diurna. Questo ora fornisce un quadro chiaro per informare su come illuminiamo qualsiasi spazio interno che va dai luoghi di lavoro, agli istituti di istruzione e alle strutture sanitarie fino alle nostre case”.

Categorie:Benessere

Con tag:,