Assistenza sociosanitaria

La pandemia ha offerto sfide, opportunità per i pazienti diabetici, secondo i fornitori d’assistenza

Adv

In uno studio qualitativo pubblicato su Frontiers in Clinical Diabetes and Healthcare condotto dalla studentessa del terzo anno della UNC School of Medicine Lily Hale, i fornitori di cure primarie e i medici specializzati in endocrino hanno riferito che le persone con diabete hanno sperimentato un aumento dei sintomi di salute mentale, maggiori difficoltà finanziarie e positivi e cambiamenti negativi nelle routine di cura di sé a causa del COVID-19.

Adv

All’inizio della pandemia, molte pratiche ambulatoriali hanno interrotto le loro visite di persona a favore di appuntamenti virtuali. Ciò ha rappresentato un problema per la gestione del diabete, che in genere richiede un monitoraggio di routine in studio, test di laboratorio e gestione dei farmaci. Nei primi due mesi della pandemia, i tassi di test HbA1c sono diminuiti fino al 66%. C’era preoccupazione tra la comunità sanitaria per il diabete che la pandemia avrebbe portato a scarsi risultati del diabete, poiché le interruzioni degli appuntamenti e i test HbA1c erano stati precedentemente associati a un peggioramento del controllo glicemico.

Questo studio è stato condotto nel contesto di uno studio più ampio, ReThink the Strip (RTS), che mira a promuovere la deadozione dell’automonitoraggio giornaliero della glicemia (SMBG) tra i  non trattati con insulina con diabete di tipo 2 controllato, data la minore utilità di questa pratica. ReThink the Strip coinvolge 20 cliniche di cure primarie nella Carolina del Nord. I ricercatori erano preoccupati che la diminuzione dell’accesso ai risultati del test A1c durante la pandemia avrebbe portato i pazienti e gli operatori sanitari a mettere in discussione la saggezza della disadozione dell’SMBG durante la pandemia.

Per affrontare questa preoccupazione, i ricercatori hanno condotto interviste con i membri del personale all’interno delle cliniche RTS esistenti e hanno ampliato le interviste agli endocrinologi della Carolina del Nord per ottenere un quadro più completo della cura del diabete durante la pandemia. La popolazione dello studio comprendeva 24 medici e personale del diabete: nove medici di base e cinque membri del personale ausiliario di cure primarie provenienti dalle pratiche RTS esistenti e 10 medici specializzati in endocrino. I fornitori di cure primarie hanno concentrato le loro discussioni sui pazienti con diabete di tipo 2, mentre gli endocrinologi hanno commentato la loro esperienza nel trattamento di pazienti con diabete di tipo 1 e di tipo 2.

La studentessa UNC SOM Lily Hale e Laura Young, MD, PhD

“Le interruzioni durante la pandemia hanno reso logisticamente difficile rimanere attivi e mangiare in modo sano, due componenti chiave dell’autogestione del diabete. Inoltre, le persone con diabete erano a maggior rischio di grave infezione da COVID-19, che ha creato uno strato aggiuntivo di stress”, ha detto Hale.

I fornitori di cure primarie e di endocrino hanno riferito che i pazienti avevano un aumento dei sintomi di salute mentale, principalmente depressione, ansia e stress generale. Questi sintomi hanno presentato sfide all’autogestione del diabete. I fornitori hanno notato che i pazienti hanno anche avuto difficoltà a permettersi forniture per il diabete, farmaci o cibo sano a causa della perdita del lavoro o dell’assicurazione o di nuove spese.

I fornitori hanno discusso dei modi in cui le restrizioni di COVID-19 hanno interrotto le routine di cura di sé dei pazienti , comprese le nuove responsabilità familiari e le modifiche alle abitudini dietetiche ed esercizi. Le persone con diabete hanno lottato per trovare modi sicuri per fare esercizio e ottenere cibi sani proteggendosi dal virus.

Un numero maggiore di operatori endocrini rispetto a quelli di cure primarie ha notato che per alcuni pazienti i blocchi hanno concesso più tempo per l’autogestione, incoraggiato routine più sane e una migliore partecipazione dei pazienti alle cure.

I fornitori di cure primarie e del sistema endocrino hanno discusso le strategie utilizzate per aiutare i pazienti a mantenere una cura di sé ottimale durante la pandemia. Per offrire supporto, i fornitori hanno concentrato le discussioni sulla gestione dello stile di vita e hanno utilizzato la telemedicina per connettersi con i pazienti. Inoltre, i medici specializzati in endocrino hanno aiutato i pazienti ad accedere ai programmi di assistenza finanziaria.

“I nostri risultati enfatizzano le sfide che le persone con  affrontano quotidianamente”, ha affermato l’autrice senior dello studio Laura Young, MD, PhD, professore associato presso il Dipartimento di Medicina. “L’aggiunta di ulteriori fattori di stress come una pandemia può amplificare l’effetto di questi fattori di  , anche se per alcuni pazienti che lavorano da casa è concesso più tempo per prendersi cura di sé. Intervistare direttamente i pazienti ci aiuterà a capire i fattori che predicono se un paziente specifico probabilmente avrà difficoltà o possibilmente prosperare durante i periodi di maggiore stress psicologico”.

Thomas Cameron, MD, un borsista endocrino del secondo anno presso il Dipartimento di Medicina, e Katrina Donahue, MD, MPH, professoressa e vicepresidente della ricerca presso il Dipartimento di Medicina di Famiglia, nonché vari altri ricercatori dell’UNC, hanno contribuito a questo studio .


Maggiori informazioni: Lily Hale et al, Clinical Team Response to the Impact of COVID-19 on Diabetes Self-Management: Findings From a Qualitative Study, Frontiers in Clinical Diabetes and Healthcare (2022). DOI: 10.3389/fcdhc.2022.835845