Mangiare e bere

L’Africa esortata ad agire rapidamente per combattere l’aumento dell’obesità

Adv

Sono necessarie misure urgenti come tasse e restrizioni su cibi e bevande zuccherate per arginare la crescente tendenza all’obesità in Africa. Credito: photosforyou da Pixabay

Sono necessarie misure urgenti come tasse e restrizioni su cibi e bevande zuccherate per arginare la crescente tendenza all’obesità in Africa, ha avvertito l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Adv

Secondo una nuova analisi dell’OMS, un adulto su cinque e un bambino e un adolescente su dieci diventeranno obeso entro dicembre 2023 in dieci paesi africani ad alto carico tra cui Algeria, Eswatini, Gabon, Libia, Mauritius, Sud Africa e Zimbabwe.

Utilizzando i dati del 2018, l’analisi stima che la prevalenza tra gli adulti nei dieci paesi africani ad alto carico andrà dal 13,6% al 31%, mentre nei bambini e negli adolescenti varierà dal 5% al ??16,5%.

“L’obesità è un enorme problema di salute in Africa e dobbiamo capirlo. Sfortunatamente, molti non ci pensano”, afferma Hana Bekele, consulente nutrizionale regionale ad interim per l’Ufficio regionale dell’OMS per l’Africa.

Secondo il nutrizionista dell’OMS, i casi in aumento sono il risultato di un numero crescente di africani della classe media che preferiscono cibi trasformati ad alta energia ricchi di zuccheri e grassi al consumo  .

Anche la mancanza di  nelle città e il cambiamento delle modalità di trasporto in molti paesi sono significativamente associati all’aumento dei casi di obesità.

“Per combattere il sovrappeso e l’obesità, è necessario tornare alla ricetta tradizionale della nonna. Ciò comporta il consumo di verdure, legumi, noci, frutta appena tagliata e simili”, afferma Bekele.

L’OMS sta esortando i governi a dare la priorità a una serie di misure, compresi i limiti obbligatori sul contenuto di zucchero negli alimenti, le tasse sulle  e le normative sul marketing alimentare come le informazioni obbligatorie sui nutrienti.

“Dobbiamo lavorare a stretto contatto con l’  per ridurre le concentrazioni di grassi e zuccheri negli alimenti trasformati, per rendere disponibili ai consumatori  “, aggiunge Bekele.

“L’etichettatura obbligatoria degli alimenti in confezione frontale per il contenuto dei  che le persone acquistano è fondamentale. Lo sviluppo e l’attuazione di standard normativi e misure fiscali per promuovere diete sane e attività fisica come è attualmente in corso in Kenya, Tanzania e Uganda è importante.

“Ognuno ha un ruolo da svolgere nel consumo di alimenti trasformati. Ad esempio, ciò che imballiamo per i nostri figli quando vanno a scuola. Lo zucchero crea dipendenza ed è diventato una routine nella nostra dieta nonostante le conseguenze negative sulla salute.

Anche la pianificazione urbana per includere spazi ricreativi sicuri è fondamentale, afferma Bekele, osservando che gli individui dovrebbero fare esercizio tra i 60 ei 150 minuti al giorno come una delle misure per scongiurare l’obesità.

Aggiunge che la raccolta regolare di dati sui casi di obesità nel continente è fondamentale: “Abbiamo bisogno di conoscere i fattori che innescano il sovrappeso e l’obesità per la progettazione degli interventi necessari”.

Zipporah Bukania, vicedirettore del Kenya Medical Research Institute, afferma che il sovrappeso e l’obesità influiscono sulla salute individuale, sulla società e sul sistema sanitario.

“Il sovrappeso porta spesso all’obesità, che è associata a una maggiore suscettibilità a condizioni non trasmissibili come ipertensione, diabete e cancro, osteoartrite (una rottura della cartilagine e delle ossa all’interno di un’articolazione) e problemi respiratori”, dice a SciDev.Net .

Spiega che per i bambini, il sovrappeso e l’obesità influiscono sull’autostima, influendo intrinsecamente negativamente sul rendimento scolastico e aumentando il rischio di malattie non trasmissibili in tenera età.

“L’aumento delle malattie nella società si traduce in alti costi sanitari a livello familiare e per il sistema sanitario”, spiega Bukania, che ha esperienza nella nutrizione umana e nelle politiche nutrizionali applicate.

Dice che è urgentemente necessaria un’azione per attuare strategie come politiche sulla commercializzazione di cibi malsani, pianificando di includere strutture per l’esercizio fisico, passerelle e campi da gioco nelle scuole.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,