Equilibrio

Nuove linee guida cliniche per la salute mentale e l’uso di nutraceutici e piante medicinali

Adv

Nuovi risultati di un’importante revisione internazionale che esamina le prove scientifiche disponibili “il meglio del meglio” rivelano quali nutraceutici (prodotti naturali a base di nutrienti) e fitoceutici (prodotti naturali a base vegetale) sono utili nella gestione di una serie di disturbi mentali.

Adv

La revisione e le nuove linee guida cliniche si sono concentrate su studi che coinvolgono disturbi mentali comuni e gravi: disturbi dell’umore come il disturbo depressivo maggiore e il disturbo bipolare; disturbi d’ansia come disturbo d’ansia generalizzato, disturbo ossessivo compulsivo e tricotillomania (disturbo da strapparsi i capelli); disturbi psicotici come la schizofrenia; e disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Dry pea protein isolate

Commissionate dalla World Federation of Societies of Biological Psychiatry (WFSBP) e dal Canadian Network for Mood and Anxiety Treatments (CANMAT) e pubblicate oggi sul World Journal of Biological Psychiatry , le ultime linee guida cliniche sono le raccomandazioni basate sull’evidenza di una task force di esperti che coinvolge 30 accademici e medici di spicco di 15 paesi, tra cui Western Sydney University, University of British Columbia, Harvard University, University of Arizona College, Deakin University, University of Melbourne, The University of Tokyo, University of Toronto/the Center for Addiction and Mental Health ( CAMH), Università Federale di Rio de Janeiro, China Medical University e Università di Canterbury.

Il presidente della task force, Jerome Sarris, Professore di Salute Mentale Integrativa presso il NICM Health Research Institute, Western Sydney University, ha affermato che la revisione e le nuove linee guida cliniche sono un lavoro significativo che aiuta a colmare le attuali lacune delle linee guida e ad assistere i medici in una prova – approccio informato al processo decisionale in merito al crescente interesse e all’uso di integratori per i principali disturbi psichiatrici.

“I medici e il pubblico spesso non sono sicuri di cosa sia efficace e cosa non lo sia. La nostra ricerca e le nostre linee guida forniscono molte più garanzie sulla base delle prove, fornendo una guida più solida su efficacia, dosaggio, base di utilizzo della popolazione, condizioni e considerazioni speciali”, ha affermato il professor Sarris.

“Nonostante ciò che alcune persone potrebbero dire o credere, in realtà ci sono molte prove di alta qualità là fuori e lo scopo di queste linee guida era di fornire una sintesi di queste prove così come l’input clinico per fornire linee guida pratiche definitive.

“In questa ricerca più recente, abbiamo incluso le nostre meta-recensioni iniziali del 2019 e del 2020, integrate con un’attuale ricerca bibliografica aggiuntiva: è la più grande meta-sintesi al mondo in questo campo che analizza prove di alto livello, da studi clinici e dati in tutto il mondo, in oltre 10.000 persone curate per disturbi psichiatrici”, ha affermato il professor Sarris.

I pazienti spesso chiedono ai medici l’utilità di vari nutrienti o prodotti naturali a base vegetale nel trattamento di varie malattie psichiatriche, afferma il dottor Lakshmi Yatham, presidente della World Federation of Societies of Biological Psychiatry.

“Le linee guida WFSBP/CANMAT forniscono raccomandazioni basate sull’evidenza per l’uso di questi prodotti e quindi sono estremamente utili per i medici nel consigliare i pazienti sul ruolo di questi agenti e nella scelta degli agenti più appropriati per la gestione di varie malattie psichiatriche”, ha affermato.

Diversi risultati chiave della revisione:

  • Disturbi dell’umore:
    • Si raccomandano gli acidi grassi omega-3 aggiuntivi (in associazione con antidepressivi) e l’erba di San Giovanni in monoterapia.
    • Sono provvisoriamente raccomandati ulteriori probiotici, zinco, metilfolato e zafferano e curcumina aggiuntivi o in monoterapia.
    • Sono debolmente raccomandati l’aggiunta o la monoterapia di vitamina D e lavanda, i probiotici in monoterapia e l’aggiunta di S-adenosil metionina (SAMe).
    • Gli acidi grassi omega-3 in monoterapia e la SAMe, la N-acetilcisteina (NAC) aggiuntiva e la vitamina C, il triptofano, la creatina e la rodiola aggiuntivi e in monoterapia per il trattamento della depressione unipolare hanno dati contrastanti e attualmente non possono essere chiaramente raccomandati.
    • L’acido folico, l’inositolo e il magnesio aggiuntivi o in monoterapia non hanno mostrato efficacia e quindi non possono essere raccomandati per l’uso nella depressione.
  • Disturbi d’ansia:
    • Ashwagandha e lavanda in aggiunta o in monoterapia sono provvisoriamente raccomandati, mentre l’aggiunta di NAC e galfimia in monoterapia sono debolmente raccomandati. Nel caso della camomilla aggiuntiva o in monoterapia, i dati erano contrastanti.
    • L’uso in monoterapia di kava nel disturbo d’ansia generalizzato non ha mostrato efficacia e quindi non può essere raccomandato per questa specifica applicazione.
  • Schizofrenia:
    • L’aggiunta di NAC e metilfolato è provvisoriamente raccomandata per i sintomi negativi nella schizofrenia, mentre l’aggiunta di vitamina D o ginkgo è debolmente raccomandata.
    • Gli acidi grassi omega-3 aggiuntivi e in monoterapia non hanno mostrato efficacia nella schizofrenia e quindi non possono essere raccomandati per questa condizione.
    • Tuttavia esisteva un debole supporto per omega-3 nella depressione bipolare, mentre NAC non era attualmente raccomandato per l’uso in questa applicazione.
  • ADHD:
    • I micronutrienti in monoterapia e la vitamina D aggiuntiva o in monoterapia sono debolmente raccomandati, mentre vi erano dati contrastanti nel caso di acidi grassi omega-3 aggiuntivi o in monoterapia, zinco e ginkgo.
    • L’aggiunta o la monoterapia degli acidi grassi omega-9 e dell’acetil-L carnitina non hanno mostrato efficacia e quindi non possono essere raccomandati nell’ADHD.

La revisione fornisce anche dettagli sui problemi di sicurezza e tollerabilità e consigli clinici in merito alla prescrizione e alla considerazione per l’uso in popolazioni specializzate.

Il dottor Arun Ravindran, professore di psichiatria all’Università di Toronto e scienziato clinico presso il CAMH, membro senior del gruppo dirigente della task force e coautore, ha aggiunto: “L’uso di terapie alternative e complementari da parte del pubblico è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni. I pazienti spesso si aspettano che i medici li prescrivano in modo appropriato e sicuro. Queste linee guida di un panel globale di opinion leader fungeranno da risorsa di facile utilizzo sia per i medici che per i consumatori”.

Professore di Psichiatria della Harvard Medical School, Direttore del Programma di ricerca clinica sulla depressione presso il Massachusetts General Hospital e coautore, il dottor David Mischoulon, ha inoltre aggiunto: . Ma mi assicuro sempre di avere un’attenta discussione con il paziente sui rischi e sui benefici noti e potenzialmente sconosciuti. Consiglio inoltre che le persone con condizioni psichiatriche più gravi che sono interessate all’uso di questi rimedi naturali lo facciano preferibilmente sotto la supervisione di un medico qualificato.

La revisione e le linee guida cliniche sono accessibili online all’indirizzo   https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/15622975.2021.2013041