Batticuore testimonianze

Rianimazione cardiopolmonare

Adv

I soccorritori laici che eseguono la RCP sono eroi e sopravvissuti, la nuova dichiarazione affronta il loro punto di vista

Dichiarazione scientifica dell’American Heart Association

Punti salienti della dichiarazione:

  • La nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association esamina i dati sull’esperienza dei laici che hanno eseguito la rianimazione cardiopolmonare (RCP), valutando le loro prospettive su com’è veramente rispondere ed eseguire la RCP per salvare la vita di qualcuno, l’impatto della formazione e affrontare il impatto residuo di assistere a un arresto cardiaco.
  • Assistere e rispondere a un arresto cardiaco può essere un evento molto traumatico e può causare un impatto psicologico persistente indipendentemente dall’esito. I soccorritori laici potrebbero aver bisogno di supporto e risorse per elaborare la loro esperienza.
  • La dichiarazione identifica anche la necessità di affrontare i fattori che possono influire sulla volontà di un laico di rispondere a un arresto cardiaco, tra cui l’incomprensione dei segni di un arresto e i miti sulle credenziali di RCP e il potenziale contenzioso.

DALLAS, 21 marzo 2022 — Per la prima volta, gli esperti forniscono una rassegna concisa degli ultimi dati sull’esperienza dei laici che hanno eseguito la rianimazione cardiopolmonare (RCP), valutando le loro prospettive sulla formazione, la loro motivazione ad agire e il impatto psicologico della testimonianza e della risposta a un arresto cardiaco.

Questi risultati sono dettagliati in una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association intitolata “Capire l’importanza dell’esperienza dei laici nell’arresto cardiaco extraospedaliero”, pubblicata oggi sulla rivista Circulation , ammiraglia dell’Associazione, sottoposta a revisione paritaria . L’American Heart Association è leader nella scienza, nell’istruzione e nella formazione sulla rianimazione ed è l’editore delle linee guida ufficiali per la RCP e l’assistenza cardiovascolare di emergenza . Una dichiarazione scientifica è un’analisi esperta della ricerca attuale e può informare le future linee guida della pratica clinica.

L’arresto cardiaco improvviso è la perdita inaspettata della funzione cardiaca, della respirazione e della coscienza e comunemente è il risultato di un disturbo elettrico (un’aritmia) nel cuore. L’azione immediata per riavviare il cuore migliora le possibilità di sopravvivenza della persona. La RCP  può aiutare a mantenere il cuore in circolo fino a quando non è disponibile un defibrillatore per riportare il cuore a un ritmo cardiaco normale. Chiunque sia testimone di un arresto cardiaco nella comunità (cioè non in ospedale) può eseguire la RCP. La maggior parte degli arresti cardiaci si verifica nelle case e nelle residenze private, quindi è molto probabile che un amico o un familiare sia la persona che deve agire.

Ogni anno negli Stati Uniti, circa 350.000 persone subiscono un arresto cardiaco improvviso nella comunità. Il tasso di RCP da parte di astanti in Nord America è stimato solo al 39-44% e solo circa 1 persona su 10 sopravvive a un arresto cardiaco extraospedaliero. Il miglioramento del tasso di RCP da parte di astanti è fondamentale per aumentare la sopravvivenza in caso di arresto cardiaco extraospedaliero (OHCA).

C’è un’ampia ricerca sull’efficacia della RCP da parte di astanti, così come alcuni lavori sulla quantità e sul tipo di formazione che sembra essere più efficace. Tuttavia, sono stati condotti solo pochi studi per comprendere i motivi per cui le persone eseguono o meno l’azione per eseguire la RCP se assistono a un arresto cardiaco e com’è realmente, dal punto di vista del soccorritore, rispondere in un’emergenza di arresto cardiaco . La dichiarazione suggerisce che queste prospettive sono fondamentali per migliorare la formazione, la motivazione e l’esperienza dei non addetti ai lavori e, a loro volta, aumentare potenzialmente il tasso di RCP da parte degli astanti.

“Dobbiamo ascoltare e imparare dalle esperienze dei soccorritori laici per migliorare veramente il modo in cui formiamo, incoraggiamo e supportiamo i futuri soccorritori”, ha affermato Katie N. Dainty, Ph.D., presidente del gruppo di redazione delle dichiarazioni, presidente della ricerca presso il North York General Hospital e professore associato presso l’Institute of Health Policy, Management & Evaluation dell’Università di Toronto in Canada. “Inoltre, è importante riconoscere in modo proattivo ciò che potrebbe confondere il pubblico nel riconoscere l’arresto cardiaco e continuare a comprendere le barriere psicologiche che possono svolgere un ruolo nel processo decisionale se scendere o meno e fare RCP. “

L’abilità di eseguire la RCP e l’uso di un defibrillatore sono i componenti fondamentali della preparazione dei profani a rispondere all’arresto cardiaco. Le persone devono anche sentirsi emotivamente preparate a rispondere ed essere in grado di far fronte alle conseguenze dell’esecuzione effettiva della RCP.

“Attingere alla conoscenza da campi come la psicologia e la sociologia può aiutarci a pensare in modo diverso su come progettiamo la formazione e il supporto per i non addetti ai lavori”, ha affermato Dainty.

Altri elementi per migliorare la risposta degli astanti all’arresto cardiaco improvviso includono la preparazione dei potenziali soccorritori a comprendere i segni dell’arresto cardiaco improvviso e la progettazione e la tempistica dell’addestramento alla RCP. In uno studio su soccorritori laici che hanno assistito a un arresto cardiaco, quasi la metà non ha identificato che la persona fosse in arresto cardiaco. I testimoni riferiscono difficoltà nel determinare il colore bluastro della pelle, incapacità di distinguere i sintomi di arresto da convulsioni e difficoltà a valutare cosa sia la respirazione anormale. Inoltre, rendere la formazione più accessibile, attraverso corsi più frequenti di 30 minuti, o una formazione basata su smartphone e video, può comportare un migliore apprendimento e conservazione delle competenze, nonché una maggiore disponibilità ad agire in caso di arresto assistito.

Poiché la maggior parte degli arresti cardiaci extraospedalieri si verificano in case o residenze private, la dichiarazione sottolinea l’importanza di aiutare il pubblico a capire che la persona su cui eseguono la RCP è probabilmente una persona cara. La formazione che include aiutare i soccorritori laici a immaginare l’uso della RCP in scenari del mondo reale e lo sviluppo di un piano può consentire loro di agire in caso di emergenza.

La dichiarazione consiglia di affrontare i miti più comuni sulla RCP da parte di astanti, come la necessità di credenziali speciali per eseguire la RCP e il potenziale contenzioso o rischi legali. Il gruppo di scrittori afferma che il rischio legale è “in gran parte teorico” e cita che non vi è alcun caso noto di contenzioso riuscito per la fornitura di CPR in Nord America. La paura di un contenzioso varia in base al Paese: negli Stati Uniti, il 21% delle persone intervistate ha indicato la paura di un contenzioso come motivo per non eseguire la RCP, mentre la prevalenza di questa paura era del 9,8% in Scozia, del 2% nel Queensland, in Australia e del 53% in Cina. La messaggistica pubblica dovrebbe anche sottolineare come il vantaggio di un potenziale salvataggio superi il rischio di danno per l’individuo che soffre di OHCA.

Anche la necessità di supporto per i non addetti ai lavori dopo aver eseguito la RCP, indipendentemente dal successo dei loro sforzi, è un messaggio importante della nuova dichiarazione. Gli studi documentano risposte fisiche ed emotive variabili da parte di persone che hanno assistito durante un arresto cardiaco, evidenziando il fatto che l’impatto psicologico non è insignificante.

“Ora sappiamo che dobbiamo considerare il potenziale di stress post-traumatico dopo aver assistito e/o aver risposto al salvataggio della vita di qualcuno e il debriefing e il supporto post-evento sono strumenti importanti che dobbiamo essere in grado di offrire ai soccorritori laici”, ha affermato Dainty .

I soccorritori hanno citato stanchezza, senso di colpa, flashback, disturbi del sonno, insicurezza, rabbia, tristezza e paura. Un risultato positivo nell’esecuzione della RCP ha mitigato alcune delle risposte emotive; tuttavia, le risposte psicologiche erano ad ampio raggio e individualizzate. In situazioni in cui un tentativo di rianimazione fallito, i punteggi dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico erano due volte più alti per i soccorritori rispetto a quelli per i non testimoni.

“Dobbiamo aiutare i soccorritori a capire cosa è successo, quanto hanno aiutato e capire come potrebbero sentirsi in seguito. Speriamo sinceramente che questa dichiarazione sia l’inizio di una conversazione riformulata su come impegnarsi, supportare e formare i soccorritori laici andando avanti”, ha affermato Dainty.

La RCP, soprattutto se eseguita immediatamente, può raddoppiare o triplicare le possibilità di sopravvivenza di una vittima di arresto cardiaco. Per adulti e adolescenti, la RCP Hands-Only è un’abilità di facile apprendimento che richiede solo due passaggi: chiamare i servizi di emergenza e spingere forte e veloce al centro del torace a una frequenza di 100-120 battiti al minuto.

La dichiarazione è stata preparata dal gruppo di scrittura a nome del Science Subcommittee del Comitato per la cura cardiovascolare di emergenza dell’American Heart Association, guidato dal Council on Cardiopatient, Critical Care, Perioperative and Resuscitation. Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni informate sull’assistenza sanitaria. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le affermazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche. Le linee guida dell’American Heart Association forniscono le raccomandazioni ufficiali sulla pratica clinica dell’Associazione.

Altri membri del gruppo di scrittura includono il vicepresidente Ashish Panchal, MD, Ph.D.; Brianna Colquitt; Farhan Bhanji, MD, M.Sc. (a cura di); Elizabeth A. Hunt, MD, MPH, Ph.D.; Tiffany Jenkins, Ph.D.(c); Marion Leary, RN, MSN, MPH; Giuseppe P. Ornato, MD; e Robert A. Swor, DO Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: