Batticuore Benessere

Zitti e buoni: vivere vicino all’inquinamento acustico legato a un maggiore rischio di infarto

Adv

Vivere in un ambiente rumoroso può essere fastidioso, ma potrebbe anche nuocere alla salute. Secondo uno studio presentato alla 71a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology, le persone che sperimentano livelli elevati di rumore da auto, treni o aerei avevano maggiori probabilità di subire un infarto rispetto alle persone che vivono in aree più tranquille .

“Quando le persone parlano di inquinamento, di solito parlano di particelle nell’aria o nell’acqua”, ha affermato Abel E. Moreyra, MD, professore di medicina nella divisione di cardiologia presso la Rutgers Robert Wood Johnson Medical School e autore principale dello studio. “Ma ci sono altre forme di inquinamento e l’inquinamento acustico è una di queste”.

Adv

Lo studio ha analizzato i tassi di infarto tra quasi 16.000 residenti del New Jersey ricoverati in ospedale per un attacco cardiaco nel 2018 utilizzando i dati del database MIDAS, un archivio di tutti i ricoveri cardiovascolari nello stato. Il rumore medio giornaliero dei trasporti sperimentato a casa è stato calcolato utilizzando i dati del Bureau of Transportation Statistics dello stato.

I pazienti sono stati divisi in quelli con livelli elevati di rumore di trasporto (una media di 65 decibel o superiori nel corso della giornata) e quelli con bassa esposizione al rumore (una media giornaliera inferiore a 50 decibel). Un livello di rumore di 65 decibel è simile a una conversazione o una risata ad alto volume. Poiché i livelli di rumore sono stati mediati nel corso della giornata, Moreyra ha affermato che molte persone potrebbero aver vissuto periodi di relativa quiete interrotti da esplosioni più forti come camion, treni o aerei in transito.

I risultati complessivi hanno rilevato che il 5% dei ricoveri per attacchi di cuore era attribuibile a livelli elevati di rumore elevati nello stato. Il tasso di infarto è stato del 72% più alto nei luoghi con un’elevata esposizione al rumore dei trasporti, con queste aree che hanno registrato 3.336 attacchi di cuore ogni 100.000 persone rispetto a 1.938 attacchi di cuore ogni 100.000 persone nelle aree più tranquille. Sulla base dei tassi relativi di infarto in diverse località, i ricercatori hanno calcolato che l’elevata esposizione al rumore rappresentava circa 1 su 20 attacchi di cuore nello stato.

Lo studio è tra i primi a esaminare il rumore e le malattie cardiache negli Stati Uniti, ma i risultati sono in linea con diversi studi precedenti condotti in Europa. Il New Jersey è uno stato con molte aree urbane dense in prossimità di strade, linee ferroviarie e tre aeroporti principali. Moreyra ha affermato che altre aree urbane con infrastrutture simili e rumore dei trasporti vedrebbero probabilmente un modello simile.

“Come cardiologi, siamo abituati a pensare a molti fattori di rischio tradizionali come il fumo, l’ipertensione o il diabete“, ha detto Moreyra. “Questo studio e altri suggeriscono che forse dovremmo iniziare a pensare all’inquinamento atmosferico e acustico come fattori di rischio aggiuntivi per le malattie cardiovascolari “.

Sebbene lo studio non abbia studiato i meccanismi biologici alla base dell’associazione, Moreyra ha affermato che il rumore può causare stress cronico , disturbi del sonno e stress emotivo come ansia e depressione, che potrebbero avere un impatto sulla salute cardiovascolare. È noto che lo stress cronico causa cambiamenti ormonali legati all’infiammazione e cambiamenti nei vasi sanguigni associati a malattie cardiache.

Vivere vicino a strade e altre infrastrutture di trasporto significa anche una maggiore esposizione ai gas di scarico dei veicoli e ad altre forme di inquinamento atmosferico da particolato. Precedenti studi hanno collegato l’inquinamento atmosferico da particolato con danni cardiovascolari e aumento dei tassi di malattie cardiache .

“Inquinamento atmosferico e rumore vanno di pari passo”, ha affermato Moreyra. “La domanda è: quanto di questo effetto è dovuto all’inquinamento da particelle e quanto è il rumore?”

I ricercatori stanno iniziando a districare questi fattori, ma Moreyra ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire gli effetti dell’inquinamento acustico sulla salute del cuore.

I ricercatori non hanno tentato di tenere conto di fattori di rischio demografici, socioeconomici o di altro tipo per la salute nella loro analisi e suggeriscono che ulteriori ricerche potrebbero aiutare a separare l’effetto dell’inquinamento acustico da questi altri fattori. Inoltre, Moreyra ha affermato che lo studio non ha tenuto conto dell’esposizione al rumore sul lavoro o in altri luoghi. Come passaggio successivo, il team prevede di esaminare i dati in modo più dettagliato per ottenere informazioni su quali fonti di rumore dei trasporti potrebbero avere il maggiore impatto sulla salute.

Moreyra ha affermato che una varietà di interventi politici potrebbe aiutare a ridurre l’esposizione di un individuo al rumore dei trasporti a casa, anche nelle aree urbane. Gli esempi includono una migliore applicazione delle ordinanze sul rumore, infrastrutture per bloccare il rumore stradale, regole per il traffico aereo, pneumatici a bassa rumorosità per i veicoli e un migliore isolamento acustico per gli edifici .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: