Batticuore

Parlando dal cuore

Adv

La tua voce potrebbe rivelare la salute del tuo cuore?

Young handsome man wearing white t-shirt over isolated background smiling with hand over ear listening an hearing to rumor or gossip. Deafness concept.

L’algoritmo del computer utilizza le registrazioni vocali per prevedere la malattia coronarica e gli eventi correlati

Un algoritmo informatico basato sull’intelligenza artificiale (AI) ha predetto accuratamente la probabilità di una persona di soffrire di problemi cardiaci legati alle arterie ostruite sulla base delle sole registrazioni vocali, in uno studio presentato alla 71a sessione scientifica annuale dell’American College of Cardiology .

Adv

I ricercatori hanno scoperto che le persone con un punteggio di biomarcatore vocale elevato avevano 2,6 volte più probabilità di soffrire di problemi gravi associati alla malattia coronarica (CAD), un accumulo di placca nelle arterie del cuore e tre volte più probabilità di mostrare prove di accumulo di placca in medicina test rispetto a quelli che avevano un punteggio basso. Sebbene la tecnologia non sia ancora pronta per l’uso in clinica, la dimostrazione suggerisce che l’analisi vocale potrebbe essere un potente strumento di screening per identificare i pazienti che potrebbero trarre vantaggio da un monitoraggio più attento degli eventi correlati alla CAD. I ricercatori hanno affermato che questo approccio potrebbe essere particolarmente utile nella fornitura di assistenza sanitaria a distanza e nella telemedicina.

“La telemedicina non è invasiva, economica ed efficiente ed è diventata sempre più importante durante la pandemia”, ha affermato Jaskanwal Deep Singh Sara, MD, un borsista di cardiologia presso la Mayo Clinic e autore principale dello studio. “Non stiamo suggerendo che la tecnologia di analisi vocale sostituisca i medici o sostituisca i metodi esistenti di erogazione dell’assistenza sanitaria, ma pensiamo che ci sia un’enorme opportunità per la tecnologia vocale di agire come aggiunta alle strategie esistenti. Fornire un campione vocale è molto intuitivo e persino divertente per i pazienti e potrebbe diventare per noi un mezzo scalabile per migliorare la gestione dei pazienti.

Lo studio rappresenta la prima volta che l’analisi vocale è stata utilizzata per predire gli esiti CAD nei pazienti che sono stati monitorati in modo prospettico dopo uno screening iniziale. Precedenti studi hanno esaminato retrospettivamente i marcatori vocali associati a CAD e insufficienza cardiaca. Altri gruppi di ricerca hanno esplorato l’uso di una tecnologia simile per una serie di disturbi, tra cui il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e il COVID-19.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno reclutato 108 pazienti che sono stati indirizzati per un angiogramma coronarico, an

Procedura di imaging a raggi X utilizzata per valutare le condizioni delle arterie del cuore. Ai partecipanti è stato chiesto di registrare tre campioni vocali di 30 secondi utilizzando l’applicazione per smartphone Vocalis Health. Per il primo campione, i partecipanti leggono da un testo preparato. Per il secondo campione è stato chiesto loro di parlare liberamente di un’esperienza positiva e per il terzo hanno parlato liberamente di un’esperienza negativa.

L’algoritmo Vocalis Health ha quindi analizzato i campioni vocali dei partecipanti. Il sistema basato sull’intelligenza artificiale è stato addestrato per analizzare più di 80 caratteristiche delle registrazioni vocali, come frequenza, ampiezza, tono e cadenza, sulla base di un set di formazione di oltre 10.000 campioni vocali raccolti in Israele. In studi precedenti, i ricercatori hanno identificato sei caratteristiche che erano altamente correlate con CAD. Per il nuovo studio, i ricercatori hanno combinato queste caratteristiche in un unico punteggio, espresso come un numero compreso tra -1 e 1 per ogni individuo. Un terzo dei pazienti è stato classificato come avente un punteggio alto e due terzi un punteggio basso.

“Non riusciamo a sentire queste caratteristiche particolari da soli”, ha detto Sara. “Questa tecnologia utilizza l’apprendimento automatico per quantificare qualcosa che non è facilmente quantificabile per noi usando il nostro cervello umano e le nostre orecchie umane”.

I partecipanti allo studio sono stati monitorati per due anni. Di quelli con un punteggio elevato del biomarcatore vocale, il 58,3% ha visitato l’ospedale per dolore toracico o ha sofferto di sindrome coronarica acuta (un tipo di grave problema cardiaco che include attacchi di cuore), l’endpoint primario composito dello studio, rispetto al 30,6% di quelli con un basso punteggio del biomarcatore vocale. I partecipanti con un punteggio di biomarcatore vocale elevato avevano anche maggiori probabilità di avere uno stress test positivo o di ricevere una diagnosi di CAD durante un successivo angiogramma (l’endpoint secondario composito).

Gli scienziati non hanno concluso il motivo per cui alcune caratteristiche della voce sembrano essere indicative di CAD, ma Sara ha affermato che il sistema nervoso autonomo potrebbe svolgere un ruolo. Questa parte del sistema nervoso regola le funzioni corporee che non sono sotto il controllo cosciente, che include sia la casella vocale che molti aspetti del sistema cardiovascolare, come la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Pertanto, è possibile che la voce possa fornire indizi su come funziona il sistema nervoso autonomo e, per estensione, fornire informazioni sulla salute cardiovascolare, ha detto Sara.

Lo studio è stato condotto con persone di lingua inglese nel Midwest degli Stati Uniti utilizzando un software addestrato su campioni vocali raccolti in Israele. Sara ha affermato che sono necessari più test per determinare se l’approccio è generalizzabile e scalabile in tutte le lingue, paesi, culture e contesti sanitari. Ha aggiunto che sarà anche importante affrontare i problemi di sicurezza e privacy prima di incorporare tale tecnologia nella telemedicina o nelle valutazioni sanitarie in loco.

“È sicuramente un campo entusiasmante, ma c’è ancora molto lavoro da fare”, ha detto Sara. “Dobbiamo conoscere i limiti dei dati che abbiamo e dobbiamo condurre più studi in popolazioni più diversificate, studi più ampi e studi più prospettici come questo”.

Lo studio è stato pubblicato contemporaneamente negli Atti della Mayo Clinic al momento della presentazione.

Sara presenterà lo studio “Non-Invasive Voice Biomarker is Associated with Incident Coronary Artery Disease Events at Follow-Up” , sabato 2 aprile alle 13:45 ET / 17:45 UTC nella Poster Hall, Hall C.

ACC.22 si svolgerà dal 2 al 4 aprile 2022 a Washington, DC, riunendo cardiologi e specialisti cardiovascolari di tutto il mondo per condividere le ultime scoperte nel trattamento e nella prevenzione. Segui  @ACCinTouch , @ACCMediaCenter e #ACC22 per le ultime notizie dal meeting.

L’American College of Cardiology immagina un mondo in cui l’innovazione e la conoscenza ottimizzano l’assistenza e i risultati cardiovascolari. In quanto sede professionale per l’intero team di assistenza cardiovascolare, la missione del College e dei suoi 54.000 membri è trasformare l’assistenza cardiovascolare e migliorare la salute del cuore. L’ACC conferisce credenziali ai professionisti cardiovascolari che soddisfano rigorose qualifiche e guida nella formazione di politiche, standard e linee guida sanitarie. Il College fornisce anche formazione medica professionale, diffonde la ricerca cardiovascolare attraverso le sue riviste JACC di fama mondiale, gestisce registri nazionali per misurare e migliorare l’assistenza e offre l’accreditamento cardiovascolare a ospedali e istituzioni. Per ulteriori informazioni, visitare ACC.org .

Categorie:Batticuore

Con tag:,,