Batticuore

Spiegare il legame tra diabete, malattie cardiache

Adv

Il numero di persone affette da diabete nel mondo è in aumento e con il diabete aumenta il rischio di malattie cardiache. Gosia Wamil, MD, Ph.D., cardiologo presso la Mayo Clinic Healthcare di Londra, spiega la connessione tra queste due gravi malattie croniche.

Le persone con diabete di tipo 2 hanno una probabilità fino a quattro volte maggiore rispetto alla popolazione generale di morire per cause cardiovascolari, portando i medici a riconoscere la necessità di ridurre il rischio di malattie cardiache nelle persone con diabete piuttosto che gestire solo i loro livelli di glucosio o zucchero nel sangue , dice il dottor Wamil.

Adv

“Cambiamenti positivi nello stile di vita come smettere di fumare, perdere peso, fare più esercizio fisico, sviluppare una dieta sana e controllare la pressione sanguigna possono tutti contribuire a una migliore salute del cuore”, afferma il dottor Wamil. “Gli studi hanno dimostrato che ottenendo un buon controllo di questi fattori di rischio cardiovascolare, non solo miglioriamo significativamente la qualità della vita ma, soprattutto, prolunghiamo la vita delle persone con diabete in media di otto anni”.

Le malattie cardiache e il diabete sono condizioni croniche che nella maggior parte dei casi non possono essere curate, afferma il dott. Wamil: il diabete può danneggiare i vasi sanguigni e rendere più rigido il muscolo cardiaco, il che alla fine porta a problemi di ritenzione di liquidi e insufficienza cardiaca. Le persone con diabete hanno anche un rischio maggiore di malattia coronarica accelerata e attacchi di cuore, aggiunge.

A causa del danno ai nervi causato dal diabete, i pazienti potrebbero non avvertire il dolore toracico o altri tipi di fastidio al torace che potrebbero segnalare che qualcosa non va nel cuore, quindi la malattia cardiaca potrebbe non essere rilevata fino a quando non è avanzata e sono disponibili meno opzioni di trattamento, Dr. dice Wamil.

“Il recente sviluppo di tecniche di imaging cardiaco come l’ecocardiografia avanzata, la TC cardiaca e la risonanza magnetica cardiaca fa sperare che saremo in grado di rilevare prima la cardiopatia diabetica e prevenirne le gravi conseguenze”, afferma il dott. Wamil.

Il dottor Wamil sta utilizzando l’imaging medico avanzato per studiare perché il cuore delle persone con diabete subisce lesioni più estese dopo un attacco di cuore e perché le persone con diabete sviluppano insufficienza cardiaca più spesso rispetto alle persone con normale controllo della glicemia. La sua ricerca prevede anche l’uso di grandi insiemi di dati e intelligenza artificiale per identificare sottogruppi di persone con diabete che potrebbero rispondere meglio a determinati trattamenti.

“Ci sono molti sottotipi di diabete che rispondono in modo diverso ai farmaci”, afferma il dottor Wamil. “Identificare i pazienti che trarranno il massimo beneficio dai nuovi trattamenti offre la promessa che in futuro saremo in grado di offrire alle persone con diabete piani terapeutici veramente personalizzati”.

Negli ultimi anni, le nuove terapie antidiabetiche con comprovati benefici per il cuore sono state inserite nelle linee guida cliniche, osserva.

“Abbiamo anche raccolto prove evidenti che la perdita di peso può invertire il diabete in alcuni pazienti e che l’abbassamento della pressione sanguigna con farmaci noti come ACE inibitori e bloccanti del recettore dell’angiotensina II può ridurre il rischio di sviluppare il diabete”, afferma il dott. Wamil. “Questo è un momento emozionante nel nostro campo perché abbiamo molteplici opzioni terapeutiche e capiamo meglio come ridurre il rischio di problemi cardiaci nelle persone con diabete”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: