Batticuore

La salute del cuore deve essere in prima linea nella cura del diabete

Adv

Il trattamento intensivo dei fattori di rischio cardiovascolare è vitale per le persone con diabete, secondo una serie di rapporti dell’American Heart Association’s Prevention Conference VI: Diabetes and Cardiovascular Disease, pubblicati su Today’s Circulation: Journal of the American Heart Association .

Adv

“La conseguenza n. 1 del diabete è la malattia cardiovascolare”, afferma Scott M. Grundy, MD, Ph.D., autore principale del sommario esecutivo e presidente del comitato del diabete dell’American Heart Association. “Circa due terzi delle persone con diabete alla fine muoiono per malattie cardiache o dei vasi sanguigni. Vogliamo rendere le persone più consapevoli del problema del diabete come uno dei principali contributori al problema delle malattie cardiovascolari”.

Diversi studi recenti mostrano che l’aumento del rischio di malattie cardiovascolari (CVD) associato al diabete può essere ridotto controllando i fattori di rischio individuali come l’obesità, il colesterolo alto e la pressione alta.

Perdere peso può avere un grande impatto su una pericolosa condizione pre-diabetica chiamata sindrome metabolica, afferma Grundy, che è anche professore di medicina interna presso la Southwestern Medical School dell’Università del Texas a Dallas. La sindrome metabolica è uno stato prediabetico caratterizzato da grasso addominale, bassi livelli di lipoproteine ??ad alta densità, alti livelli di trigliceridi e ipertensione.

“Da un terzo alla metà delle persone con questa sindrome alla fine sviluppa il diabete, ma la sindrome metabolica può portare a malattie cardiovascolari anche prima di contrarre il diabete a causa dei livelli elevati di lipidi nel sangue e del gruppo di fattori di rischio”, afferma.

“La sindrome è particolarmente allarmante negli adolescenti. È un problema a più livelli che inizia con l’obesità e continua con la sindrome metabolica e il diabete”, spiega Grundy. “I cambiamenti che sono diffusi nella maggior parte degli adulti che aumentano di peso nel corso di molti anni sono compressi in pochi anni nei giovani adolescenti”.

L’aumento del diabete di tipo 2 nei bambini e negli adolescenti è una tendenza inquietante, affermano gli autori. È probabilmente dovuto all’obesità e allo stile di vita sedentario e aumenta il rischio di malattie cardiovascolari precoci.

Grundy afferma che il semplice fatto di chiamare il diabete un fattore di rischio sottostima il suo effetto sulle malattie cardiovascolari perché le conseguenze sono di vasta portata: da infarto e ictus a malattie renali, insufficienza cardiaca, funzione cardiaca ridotta e problemi sia nei vasi grandi che in quelli piccoli, come quelli negli occhi.

Ci sono due forme di diabete. Il diabete di tipo 1 deriva da una mancata produzione di insulina e il più delle volte inizia nell’infanzia o nell’adolescenza. Rappresenta dal 10 al 15 percento di tutto il diabete. Molto più comune è il diabete di tipo 2, che deriva da una produzione insufficiente di insulina, da una scarsa risposta all’insulina (resistenza all’insulina) o da entrambi. Le persone con diabete di tipo 2 hanno spesso anche altri fattori di rischio per CVD, come il colesterolo alto e l’obesità. Il diabete di tipo 2 è solitamente causato dall’obesità, ma la suscettibilità ad esso varia considerevolmente nella popolazione.

“Negli ultimi anni abbiamo appreso quanto sia importante trattare i fattori di rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete e quanti benefici si possono trarre”, afferma Grundy.

Con molti altri disturbi, ci sono molti trattamenti o aspetti della gestione della malattia che i pazienti possono fare da soli, dice. Tuttavia, il diabete è una condizione in cui il coinvolgimento del medico è fondamentale.

“È estremamente importante che i pazienti con diabete lavorino a stretto contatto con i medici per ridurre i fattori di rischio e non cercare di autogestire la loro condizione”, afferma. “Il diabete è una condizione grave e complicata che deve essere trattata con un approccio di squadra tra il paziente e i medici, che può includere un medico di base, un endocrinologo e un cardiologo”.

Più di 16 milioni di americani hanno il diabete e circa un terzo di loro non è diagnosticato e non è trattato. I neri e gli ispanici americani hanno quasi il doppio dell’incidenza del diabete di tipo 2 rispetto ai bianchi e molte tribù di nativi americani stanno vivendo tassi epidemici.

La prevalenza del diabete aggiustata per l’età è aumentata drammaticamente dal 2,6% degli adulti di età superiore ai 45 anni nel 1960 al 7% nel 1990, ed è ancora in aumento. Sovrappeso e obesità contribuiscono in modo importante a questa tendenza.

Quasi 35 milioni di americani (il 20% degli adulti di mezza età e il 35% di quelli di età superiore ai 65 anni) hanno un certo grado di metabolismo anormale della glicemia, una condizione che può portare al diabete e comporta un aumentato rischio di CVD e morte prematura, secondo il rapporto .

Rita Redberg, MD, M.Sc., membro del gruppo di scrittura e professore associato di medicina presso l’Università della California-San Francisco, afferma che le persone con diabete dovrebbero essere considerate ad alto rischio di CVD e i loro fattori di rischio dovrebbero essere trattati aggressivamente semplicemente a causa del loro stato diabetico.

Il rischio di una persona per CVD può essere ottenuto in modo economico e non invasivo, aggiunge, citando il punteggio di rischio di Framingham come il “gold standard” per la valutazione del rischio CVD. Richiede solo una visita ambulatoriale per valutare la pressione sanguigna, il peso, lo stato di fumo e un campione di sangue per controllare i livelli di colesterolo.


Punti salienti della VI Conferenza sulla prevenzione dell’American Heart Association :
Diabete e malattie cardiovascolari

Per medici e pazienti:

  • La valutazione del fattore di rischio basata sull’ufficio è obbligatoria nelle persone con diabete e la modifica aggressiva del fattore di rischio dovrebbe essere basata su tali risultati.
  • La sindrome metabolica precede comunemente l’insorgenza del diabete di diversi anni. L’insulino-resistenza apparentemente precede i fattori di rischio associati alla sindrome metabolica, quindi il rilevamento dell’insulino-resistenza relativamente presto nella vita offre l’opportunità di identificare in una fase precoce quelle persone che possono sviluppare anomalie dei grassi nel sangue, HBP e infine diabete.
  • Una persona con diabete che fuma ha il doppio del rischio di malattie cardiovascolari. Pertanto, ogni sforzo deve essere fatto per convincere il paziente a smettere di fumare.
  • La pressione alta (HBP) aumenta il rischio di malattia coronarica (CHD), ictus, insufficienza renale e insufficienza cardiaca nei pazienti diabetici. Il trattamento dell’HBP nelle persone con diabete dovrebbe essere sufficientemente intenso da raggiungere gli obiettivi di pressione sanguigna.
  • I farmaci comuni usati per trattare la pressione alta – diuretici, beta-bloccanti, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) e calcio-antagonisti – sono generalmente efficaci nel trattamento dei pazienti con diabete.
  • Il trattamento assiduo dell’ipertensione nelle persone con diabete può ritardare la progressione della nefropatia e della retinopatia diabetica, nonché le malattie cardiovascolari.
  • Il diabete è caratterizzato da due disordini lipidici che devono essere affrontati: livelli superiori a quelli ottimali di lipoproteine ??a bassa densità (LDL) e una triade di anomalie dei grassi nel sangue contrassegnate da trigliceridi elevati, LDL piccole e dense e bassi livelli di lipoproteine ??ad alta densità (HDL ), il vettore proteico che si ritiene aiuti a proteggere le arterie.
  • È più probabile che il sangue dei pazienti con insulino-resistenza e diabete di tipo 2 formi coaguli che bloccano le arterie. La terapia cronica con aspirina è il modo più prontamente disponibile per contrastare questa tendenza.
  • Il controllo degli alti livelli di glucosio nel sangue è obbligatorio per prevenire malattie nei microvasi fini, come quelli negli occhi e nei reni. Sono disponibili diversi farmaci per ridurre i livelli di zucchero nel sangue e l’azione di questi farmaci può essere potenziata dalla perdita di peso e dall’attività fisica. Se introdotti abbastanza presto, questi cambiamenti nello stile di vita possono ritardare la necessità di farmaci per molti anni.
  • Prove preliminari, ma crescenti, mostrano che l’abbassamento aggressivo della glicemia durante gli eventi e le procedure CVD acuti è vantaggioso.
  • Il peso corporeo, l’indice di massa corporea e la circonferenza della vita devono essere misurati e monitorati durante la gestione dei pazienti con diabete.
  • La gestione del peso richiede un approccio di squadra che includa medici, infermieri, dietisti o altri professionisti della salute e farmacisti.
  • Qualsiasi perdita di peso è benefica per il paziente, ma le diete che ottengono una rapida perdita di peso generalmente non hanno successo perché il peso perso rapidamente tende a essere riguadagnato rapidamente.
  • È più probabile che una lenta riduzione del peso con l’obiettivo di perdere il 10% del peso corporeo in un anno produca un successo a lungo termine.
  • L’inattività fisica contribuisce al sovrappeso, altera la sensibilità all’insulina e peggiora la sindrome metabolica.
  • Nei pazienti che stanno abbastanza bene per fare esercizio, l’obiettivo dovrebbe essere un minimo di 30 minuti al giorno di esercizio di intensità moderata come una camminata veloce. Se l’esercizio più intenso può essere tollerato senza danni, fornirà un beneficio ancora maggiore.
  • Nonostante il diffuso accordo sul fatto che la maggior parte delle persone con diabete di tipo 2 debba perdere peso, c’è molto dibattito sulla dieta più desiderabile per raggiungere tale obiettivo con il pendolo che oscilla avanti e indietro tra diete povere di grassi e povere di carboidrati.
  • La maggior parte dei ricercatori concorda sul fatto che la dieta per le persone con diabete dovrebbe essere povera di acidi grassi saturi e colesterolo per mantenere bassi i livelli di colesterolo LDL.
  • L’American Diabetes Association (ADA) osserva che non esiste una “dieta per diabetici”, ma l’ADA offre una serie di principi che dovrebbero essere seguiti, che includono un ridotto apporto proteico in quelli con malattia renale diabetica. Inoltre, l’ADA scoraggia l’assunzione elevata di fruttosio a causa di un possibile effetto avverso sulla dislipidemia diabetica.

I rapporti formulano le seguenti raccomandazioni organizzative:

  • L’American Heart Association (AHA) e l’ADA dovrebbero coordinare i loro sforzi per sviluppare una presa di posizione congiunta sulla prevenzione delle CVD nei pazienti con diabete che includa obiettivi di prevenzione e terapia per ciascun fattore di rischio CVD.
  • L’AHA e l’ADA dovrebbero promuovere un migliore trattamento dei disturbi lipidici nei pazienti con diabete. È necessaria una guida sull’uso combinato di farmaci ipolipemizzanti.
  • L’AHA e l’ADA dovrebbero rivedere e coordinare le loro raccomandazioni per l’uso cronico di aspirina nei pazienti con diabete ma senza malattia coronarica.
  • Sviluppare e valutare programmi per garantire che ogni persona con diabete di nuova diagnosi abbia un controllo aggressivo di tutti i fattori di rischio CVD.
  • Sviluppare programmi efficaci per garantire che ogni paziente con diabete, indipendentemente dall’etnia e dallo stato economico, riceva adeguate terapie preventive volte alla cessazione del fumo, alla correzione del colesterolo e dei trigliceridi, all’abbassamento della pressione sanguigna e alla riduzione del livello di glucosio nel sangue.
  • Incoraggiare gli studi clinici per determinare il momento ottimale di rivascolarizzazione nei pazienti con diabete.
  • Incoraggiare gli studi clinici a specificare un numero adeguato di persone con diabete per consentire l’analisi dei sottogruppi.
  • Condurre programmi educativi per medici e operatori sanitari che enfatizzano le prove e le linee guida attuali relative alle strategie di rivascolarizzazione nelle persone con diabete.

Categorie:Batticuore

Con tag:,