Mangiare e bere

Nuove prove che la soia e i semi di lino nella dieta hanno un effetto positivo sull’obesità e sul diabete

Adv

Utilizzando un modello genetico di obesità e diabete mellito, i ricercatori hanno esaminato gli effetti della soia e dei semi di lino nella dieta

 L’obesità e il diabete mellito sono due disturbi nutrizionali che sono diventati importanti problemi di salute pubblica nei paesi industrializzati a causa delle loro proporzioni epidemiche e dell’associazione con i principali fattori di rischio cardiovascolare che sono responsabili dell’eccessiva morbilità e mortalità. I ricercatori stanno cercando modi per combattere queste malattie. I composti commestibili a base vegetale sono una risposta, rileva uno studio sugli animali.

Fitoestrogeni: i fitoestrogeni di soia e semi di lino
sono un gruppo di composti vegetali biologicamente attivi. I fitoestrogeni sono presenti nelle piante commestibili che possono essere classificati come isoflavoni, lignani e coumestaus. La soia è una fonte abbondante di isoflavoni nella dieta umana, mentre i semi di lino sono la fonte più ricca di lignani.

L’effetto delle proteine ??dietetiche della soia e dei semi di lino sull’obesità e sul diabete Studi precedenti su animali e esseri umani obesi hanno suggerito che la soia, come fonte di proteine ??alimentari, ha significativi effetti anti-obesità. Uno studio condotto su topi geneticamente obesi ha scoperto che le proteine ??della soia e il suo idrolsato erano più efficaci delle proteine ??del siero di latte nella riduzione del peso. Questo effetto può essere dovuto a un tetrapeptide attivo presente nella soia. Diversi studi hanno riportato una maggiore sensibilità all’insulina nei ratti alimentati con proteine ??di soia isolate rispetto ai ratti alimentati con caseina. Una proteina di 37 kDa nella soia sembra modulare l’azione dell’insulina sulla decomposizione dei grassi. Gli studi sul ruolo dei semi di lino e dei suoi componenti nell’obesità e nel diabete nell’uomo sono limitati.

Di conseguenza, uno studio intitolato “The Effects of Dietary Soybean and Flaxseed Meal on Metabolic Parameters in a Genetic Model of Obesity and Diabetes”, è stato condotto da Sam J. Bhathena, Ph.D., Phytonutrients Laboratory, US Department of Agriculture, Ali A. Ali, Dipartimento di scienze dell’alimentazione, Università di Ain Shams, Il Cairo, Egitto, Ali A. Mohamed, Virginia State University, Pietroburgo, Virginia, Carl T. Hansen, filiale delle risorse veterinarie, National Institutes of Health, Bethesda, MD e Manuel T Velasquez, Dipartimento di Medicina, Università George Washington, Washington, DC. Questi ricercatori presenteranno le loro scoperte durante l’incontro annuale dell’American Physiological Society (APS), parte della conferenza “Biologia sperimentale 2002”. Più di 12.000 partecipanti stanno partecipando alla conferenza, che si terrà dal 20 al 24 aprile 2002 presso il Ernest N.

Metodologia
Ratti magri e obesi sono stati alimentati con diete contenenti il ??20% di caseina o il 20% di proteine ??di soia isolate o il 20% di farina di semi di lino per 26 settimane. I ratti magri erano ipertesi mentre i ratti obesi mostravano sintomi di diabete di tipo II. I ratti obesi avevano livelli significativamente più elevati di glucosio plasmatico, trigliceridi, colesterolo totale (colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C) e colesterolo lipoproteico a bassa densità (C-LDL).

Risultati
· La soia ha ridotto significativamente il colesterolo totale e l’LDL sia nei ratti magri che in quelli obesi, ma non ha avuto effetti significativi sul glucosio.

· I semi di lino hanno ridotto il colesterolo totale ei trigliceridi sia nei ratti magri che in quelli obesi, ma hanno ridotto significativamente il colesterolo HDL e il colesterolo LDL solo nei ratti obesi. I semi di lino hanno anche ridotto il glucosio nei ratti magri ma non nei ratti obesi e hanno avuto un effetto maggiore su vari parametri rispetto alla soia.

· I lipidi plasmatici della soia e dei semi di lino e un certo numero di enzimi. Hanno anche avuto effetti variabili sul peso dei tessuti nei ratti magri e obesi. I ratti obesi rispetto ai ratti magri avevano una creatinina plasmatica significativamente più bassa ma una bilirubina totale, azoto ureico, alanina aminotransferasi e lattato deidrogenasi più elevati. Sia la farina di soia che quella di semi di lino hanno ridotto la bilirubina totale, le proteine ??e l’acido urico nei ratti magri, ma gli effetti nei ratti obesi erano contrastanti.

Conclusioni
Questi dati suggeriscono che le diete ricche di proteine ??di soia e semi di lino hanno effetti benefici su molti aspetti dell’obesità e del diabete.

Soybean in hands with soy field in background

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: