Sport e movimento

Il segreto per rimanere giovani

Adv

Una nuova ricerca mette in evidenza il potere dell’esercizio per tutta la vita per mantenere i muscoli sani

Portrait of a happy young blonde girl showing ok gesture

Secondo una ricerca pubblicata su The Journal of Physiology , l’attività fisica per tutta la vita potrebbe proteggere dalla perdita di massa muscolare e funzione legata all’età Gli individui di età pari o superiore a 68 anni che sono stati fisicamente attivi per tutta la vita hanno muscoli invecchiati più sani che hanno una funzione superiore ed è più resistente alla fatica rispetto agli individui inattivi, sia giovani che anziani.

Adv

Questo è il primo studio a studiare l’attività muscolare, delle cellule staminali e dei nervi negli esseri umani. I ricercatori dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, hanno scoperto che le persone anziane che si mantengono fisicamente attive per tutta la vita adulta, sia partecipando a esercizi di resistenza, giochi con la palla, sport con racchetta, nuoto, ciclismo, corsa e/o canottaggio, avevano un numero maggiore di cellule staminali muscolari, altrimenti note come cellule satelliti nel loro muscolo. Queste cellule sono importanti per la rigenerazione muscolare e la crescita a lungo termine e proteggono dal decadimento nervoso.  

46 partecipanti maschi hanno preso parte allo studio. Sono stati divisi in tre gruppi: giovani sedentari (15), anziani che esercitano per tutta la vita (16) e anziani sedentari (15). Hanno eseguito un esercizio di resistenza pesante, seduti su una sedia meccanica eseguendo un movimento di estensione del ginocchio per valutare la funzione muscolare. La quantità di forza prodotta è stata misurata. Sono stati prelevati campioni di sangue e sono state analizzate biopsie muscolari da entrambe le gambe. I ricercatori hanno scoperto che gli anziani che si allenano per tutta la vita hanno superato sia gli anziani che i giovani adulti sedentari.

L’autore principale, Casper Soendenbroe, Università di Copenaghen, Danimarca, ha dichiarato:

“Questo è il primo studio sugli esseri umani a scoprire che l’esercizio per tutta la vita a livello ricreativo potrebbe ritardare alcuni effetti dannosi dell’invecchiamento. Utilizzando biopsie del tessuto muscolare, abbiamo riscontrato effetti positivi dell’esercizio sull’invecchiamento della popolazione generale. Questo è mancato dalla letteratura poiché studi precedenti si sono concentrati principalmente su atleti maestri, che è un gruppo minoritario. Il nostro studio è più rappresentativo della popolazione generale di età pari o superiore a 60 anni, poiché è più probabile che la persona media prenda parte a una combinazione di attività a livello moderato. Ecco perché abbiamo voluto esplorare la relazione tra il contenuto di cellule satelliti e la salute muscolare negli individui attivi a livello ricreativo. Ora possiamo usarlo come biomarcatore per studiare ulteriormente il legame tra esercizio, invecchiamento e salute muscolare”.

“Il messaggio più importante di questo studio è che anche un piccolo esercizio sembra fare molto, quando si tratta di proteggere dal declino della funzione muscolare legato all’età. Questa è una scoperta incoraggiante che si spera possa spronare più persone a impegnarsi in un’attività che gli piace. Abbiamo ancora molto da imparare sui meccanismi e le interazioni tra nervi e muscoli e su come questi cambiano con l’età. La nostra ricerca ci porta un passo avanti”.

Vale la pena notare che lo studio è stato condotto solo su maschi e l’età media era di 73 anni. Poiché gli effetti dell’invecchiamento sulla salute muscolare diventano più pronunciati a 80+ anni, sono necessari studi di follow-up per vedere se i benefici dell’esercizio permanente sono mantenuto più tardi nella vita. Inoltre, nelle femmine è necessario condurre indagini sull’attività ricreativa e sulla salute muscolare.