Benessere

La mancanza di sonno aumenta il grasso addominale malsano

Adv

Una nuova ricerca della Mayo Clinic mostra che la mancanza di sonno sufficiente combinata con il libero accesso al cibo aumenta il consumo calorico e di conseguenza l’accumulo di grasso, in particolare il grasso malsano all’interno della pancia.

Adv

I risultati di uno studio incrociato controllato randomizzato guidato da Naima Covassin, Ph.D., ricercatrice di medicina cardiovascolare presso la Mayo Clinic, mostrano che la mancanza di sonno sufficiente ha portato a un aumento del 9% dell’area grassa addominale totale e dell’11% dell’area viscerale addominale grasso, rispetto al controllo del sonno. Il grasso viscerale si deposita in profondità all’interno dell’addome attorno agli organi interni ed è fortemente legato a malattie cardiache e metaboliche .

I risultati sono pubblicati sul Journal of American College of Cardiology e lo studio è stato finanziato dal National Heart, Lung and Blood Institute.

La mancanza di sonno sufficiente è spesso una scelta comportamentale e questa scelta è diventata sempre più pervasiva. Più di un terzo degli adulti negli Stati Uniti non dorme abitualmente a sufficienza, in parte a causa del lavoro a turni e dei dispositivi intelligenti e dei social network utilizzati durante i periodi di sonno tradizionali. Inoltre, le persone tendono a mangiare di più durante le ore di veglia più lunghe senza aumentare l’attività fisica.

“I nostri risultati mostrano che il sonno ridotto, anche in soggetti giovani, sani e relativamente magri, è associato a un aumento dell’apporto calorico, un aumento molto piccolo del peso e un aumento significativo dell’accumulo di grasso all’interno della pancia”, afferma Virend Somers, MD, Ph.D., Professore di Medicina Cardiovascolare di Alice Sheets Marriott e ricercatore principale dello studio.

“Normalmente, il grasso si deposita preferenzialmente per via sottocutanea o sotto la pelle. Tuttavia, il sonno inadeguato sembra reindirizzare il grasso al compartimento viscerale più pericoloso. È importante sottolineare che, sebbene durante il sonno di recupero si sia verificata una diminuzione dell’apporto calorico e del peso, il grasso viscerale ha continuato ad aumentare Questo suggerisce che un sonno inadeguato è un fattore scatenante precedentemente non riconosciuto per la deposizione di grasso viscerale e che il sonno di recupero, almeno a breve termine, non inverte l’accumulo di grasso viscerale.A lungo termine, questi risultati implicano il sonno inadeguato come un contributo alle epidemie di obesità, malattie cardiovascolari e metaboliche”, afferma il dott. Somers.

La coorte di studio era composta da 12 persone sane che non erano obese, ciascuna delle quali trascorreva due sessioni di 21 giorni in regime di ricovero. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di controllo (sonno normale) o al gruppo del sonno limitato durante una sessione e l’opposto durante la sessione successiva, dopo un periodo di washout di tre mesi. Ogni gruppo ha avuto accesso alla libera scelta del cibo durante lo studio. I ricercatori hanno monitorato e misurato l’assunzione di energia; dispendio energetico; peso corporeo; composizione corporea; distribuzione del grasso, compreso il grasso viscerale o il grasso all’interno della pancia; e biomarcatori dell’appetito circolante.

I primi quattro giorni sono stati un periodo di acclimatamento. Durante questo periodo, a tutti i partecipanti sono state concesse nove ore a letto per dormire. Per le due settimane successive, al gruppo del sonno limitato sono state concesse quattro ore di sonno e il gruppo di controllo è stato mantenuto con nove ore. Questo è stato seguito da tre giorni e tre notti di recupero con nove ore a letto per entrambi i gruppi.

I partecipanti hanno consumato più di 300 calorie in più al giorno durante la restrizione del sonno, consumando circa il 13% in più di proteine ??e il 17% in più di grassi, rispetto alla fase di acclimatazione. Tale aumento del consumo è stato più alto nei primi giorni di privazione del sonno e poi si è ridotto gradualmente ai livelli iniziali durante il periodo di recupero. La spesa energetica è rimasta per lo più la stessa per tutto il tempo.

“L’accumulo di grasso viscerale è stato rilevato solo dalla TAC e altrimenti sarebbe stato perso, soprattutto perché l’aumento di peso era piuttosto modesto, solo circa mezzo chilo”, afferma il dottor Covassin. “Le misure del peso da sole sarebbero falsamente rassicuranti in termini di conseguenze sulla salute di un sonno inadeguato. Inoltre, sono preoccupanti i potenziali effetti di periodi ripetuti di sonno inadeguato in termini di aumento progressivo e cumulativo del grasso viscerale nel corso di diversi anni”.

Il dottor Somers afferma che gli interventi comportamentali, come un maggiore esercizio fisico e scelte alimentari sane, devono essere presi in considerazione per le persone che non possono evitare facilmente l’interruzione del sonno , come i turnisti. Sono necessari ulteriori studi per determinare in che modo questi risultati nei giovani sani si relazionano con le persone a rischio più elevato, come coloro che sono già obesi o hanno la sindrome metabolica o il diabete.


Ulteriori informazioni: Naima Covassin et al, Effects of Experimental Sleep Restriction on Energy Intake, Energy Expenditure, and Visceral Obesity, Journal of the American College of Cardiology (2022). DOI: 10.1016/j.jacc.2022.01.038

Categorie:Benessere

Con tag:,