Batticuore

Basta bere acqua

Adv

Una buona idratazione può ridurre i rischi a lungo termine di insufficienza cardiaca

I livelli sierici di sodio possono aiutare a identificare gli adulti con maggiori possibilità di soffrire di malattie cardiache

Human body shape of a running man filled with blue water on blue gradient background - sport or fitness hydration, healthy lifestyle or wellness concept

Rimanere ben idratati può essere associato a un rischio ridotto di sviluppare insufficienza cardiaca , secondo i ricercatori del National Institutes of Health. I loro risultati, che appaiono sull’European Heart Journal , suggeriscono che il consumo di quantità sufficienti di liquidi per tutta la vita non solo supporta il funzionamento essenziale del corpo, ma può anche ridurre il rischio di gravi problemi cardiaci in futuro.  

Adv

L’insufficienza cardiaca, una condizione cronica che si sviluppa quando il cuore non pompa abbastanza sangue per i bisogni dell’organismo, colpisce più di 6,2 milioni di americani, poco più del 2% della popolazione. È anche più comune tra gli adulti di età pari o superiore a 65 anni. 

“Simile alla riduzione dell’assunzione di sale, bere abbastanza acqua e rimanere idratati sono modi per sostenere i nostri cuori e possono aiutare a ridurre i rischi a lungo termine per le malattie cardiache”, ha affermato Natalia Dmitrieva, Ph.D., autrice principale dello studio e ricercatrice nel Laboratorio di medicina rigenerativa cardiovascolare presso il National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI), parte del NIH.   

Dopo aver condotto ricerche precliniche che suggerivano connessioni tra disidratazione e fibrosi cardiaca, un indurimento dei muscoli cardiaci, Dmitrieva e ricercatori hanno cercato associazioni simili in studi sulla popolazione su larga scala. Per iniziare, hanno analizzato i dati di oltre 15.000 adulti, di età compresa tra 45 e 66 anni, che si sono iscritti allo studio Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) tra il 1987 e il 1989 e hanno condiviso le informazioni provenienti da visite mediche per un periodo di 25 anni. 

Nella selezione dei partecipanti per la loro revisione retrospettiva, gli scienziati si sono concentrati su coloro i cui livelli di idratazione erano entro un intervallo normale e che non avevano diabete, obesità o insufficienza cardiaca all’inizio dello studio. Circa 11.814 adulti sono stati inclusi nell’analisi finale e, di questi, i ricercatori hanno scoperto che 1.366 (11,56%) hanno successivamente sviluppato insufficienza cardiaca.

Per valutare i potenziali legami con l’idratazione, il team ha valutato lo stato di idratazione dei partecipanti utilizzando diverse misure cliniche. Osservare i livelli di sodio sierico, che aumenta al diminuire dei livelli di liquidi nel corpo, è stato particolarmente utile per aiutare a identificare i partecipanti con un aumentato rischio di sviluppare insufficienza cardiaca. Ha anche aiutato a identificare gli anziani con un rischio aumentato di sviluppare sia insufficienza cardiaca che ipertrofia ventricolare sinistra , un ingrossamento e un ispessimento del cuore.

Ad esempio, gli adulti con livelli sierici di sodio a partire da 143 milliequivalenti per litro (mEq/L) – un intervallo normale è 135-146 mEq/L – nella mezza età avevano un rischio maggiore del 39% associato di sviluppare insufficienza cardiaca rispetto agli adulti con livelli più bassi . E per ogni aumento di 1 mEq/L del sodio sierico entro l’intervallo normale di 135-146 mEq/L, la probabilità che un partecipante sviluppi insufficienza cardiaca è aumentata del 5%.

In una coorte di circa 5.000 adulti di età compresa tra 70 e 90 anni, quelli con livelli sierici di sodio di 142,5-143 mEq/L a mezza età avevano il 62% in più di probabilità di sviluppare ipertrofia ventricolare sinistra. I livelli sierici di sodio a partire da 143 mEq/L erano correlati con un rischio aumentato del 102% di ipertrofia ventricolare sinistra e un rischio aumentato del 54% di insufficienza cardiaca.

Sulla base di questi dati, gli autori concludono che livelli sierici di sodio superiori a 142 mEq/L nella mezza età sono associati a maggiori rischi di sviluppare ipertrofia ventricolare sinistra e insufficienza cardiaca più avanti nella vita.

Sarà necessario uno studio randomizzato e controllato per confermare questi risultati preliminari, hanno affermato i ricercatori. Tuttavia, queste prime associazioni suggeriscono che una buona idratazione può aiutare a prevenire o rallentare la progressione dei cambiamenti all’interno del cuore che possono portare allo scompenso cardiaco.

“Il sodio sierico e l’assunzione di liquidi possono essere facilmente valutati negli esami clinici e aiutare i medici a identificare i pazienti che possono trarre vantaggio dall’apprendimento dei modi per rimanere idratati”, ha affermato Manfred Boehm, MD, che guida il Laboratorio di Medicina Rigenerativa Cardiovascolare .

I fluidi sono essenziali per una serie di funzioni corporee, tra cui aiutare il cuore a pompare il sangue in modo efficiente, supportare la funzione dei vasi sanguigni e orchestrare la circolazione. Eppure molte persone prendono molto meno del necessario, hanno detto i ricercatori. Mentre le linee guida sui fluidi variano in base alle esigenze del corpo, i ricercatori hanno raccomandato un’assunzione giornaliera di liquidi di 6-8 tazze (1,5-2,1 litri) per le donne e 8-12 tazze (2-3 litri) per gli uomini. I Centers for Disease Control and Prevention forniscono anche suggerimenti per supportare una sana idratazione . 

Questa ricerca è stata supportata dalla Divisione di ricerca intramurale presso NHLBI. Altri coautori includono Delong Liu, Ph.D., del Laboratory of Vascular and Matrix Genetics e Colin O. Wu, Ph.D., dell’Office of Biostatistics Research . Lo studio ARIC è stato supportato da contratti di ricerca da NHLBI, NIH e dal Dipartimento della salute e dei servizi umani.

STUDIO: Dmitrieva NI, Liu D, Wu CO, Boehm M. Livelli sierici di sodio di mezza età nella parte superiore del range di normalità e rischio di insufficienza cardiaca. European Heart Journal , 2022. Doi: 10.1093/eurheartj/ehac138 . 

Categorie:Batticuore

Con tag: