Donne e diabete

Una prugna – o sei – al giorno può tenere a bada l’infiammazione

Adv

Lo studio suggerisce che il consumo quotidiano di prugne può ridurre il rischio di osteoporosi dopo la menopausa

Janhavi Damani, MS, Pennsylvania State University
CREDITO: Janhavi Damani

Uno studio condotto su persone in postmenopausa suggerisce che mangiare ogni giorno prugne ricche di nutrienti può essere benefico per la salute delle ossa, riducendo i fattori infiammatori che contribuiscono all’osteoporosi. La ricerca sarà presentata questa settimana a Filadelfia all’incontro annuale dell’American Physiological Society (APS) in occasione della Experimental Biology 2022.

Adv

Si stima che circa 13,6 milioni di persone negli Stati Uniti di età superiore ai 50 anni svilupperanno l’osteoporosi, una perdita di forza ossea causata dalla ridotta densità minerale delle ossa, entro il 2030. L’osteoporosi aumenta il rischio di fratture, specialmente negli anziani. Le persone in menopausa hanno livelli più bassi di estrogeni, che innescano un aumento dell’infiammazione nel corpo, che può anche contribuire alla perdita di massa ossea.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che gli estratti di polifenoli, composti vegetali che agiscono come antiossidanti e riducono l’infiammazione, nelle prugne promuovono livelli più bassi di stress ossidativo e infiammazione in un tipo di cellula ossea chiamata osteoclasti. In un nuovo studio, i ricercatori del programma di fisiologia integrativa e biomedica e dei dipartimenti di scienze nutrizionali e kinesiologia della Pennsylvania State University hanno esplorato gli effetti delle prugne sulla salute delle ossa dopo la menopausa.

Le donne in postmenopausa con un punteggio di densità minerale ossea definito basso, un marker di osteoporosi, sono state divise in tre gruppi:

  • Un gruppo ha mangiato 50 grammi (g) di prugne (circa sei prugne) al giorno per 12 mesi.
  • Un secondo gruppo ha mangiato 100 g di prugne (circa 12 prugne) al giorno per 12 mesi.
  • Un gruppo di controllo non ha mangiato prugne.

Il team di ricerca ha esaminato i campioni di sangue prelevati da tutti i volontari prima e dopo lo studio e ha riscontrato riduzioni significative dei marcatori infiammatori in entrambi i gruppi che mangiavano prugne rispetto al gruppo di controllo.

“I nostri risultati suggeriscono che il consumo da sei a 12 prugne al giorno può ridurre i mediatori pro-infiammatori che possono contribuire alla perdita ossea nelle donne in postmenopausa. Pertanto, le prugne potrebbero essere un promettente intervento nutrizionale per prevenire l’aumento dei mediatori dell’infiammazione spesso osservato come parte del processo di invecchiamento”, ha affermato Janhavi Damani, SM, primo autore dello studio.

Grafico dello studio della prugna
CREDITO: Janhavi J. Damani, MS; Nicole CA Strock, PhD; Mary Jane De Souza, PhD; Connie J. Rogers, PhD, MPH