Batticuore

Cardiologi europei: pubblicati oggi consigli su come utilizzare i dispositivi digitali per rilevare e gestire le aritmie 

Adv

Monitor cardiaco nella stanza d’ospedale che mostra la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna elevata.
copyright American Heart Association

Chi dovrebbe monitorare la frequenza cardiaca e il ritmo e quale dispositivo utilizzare? Scoprilo in un documento di consenso internazionale pubblicato oggi su EP Europace, 1 una rivista della Società Europea di Cardiologia (ESC) e presentato all’EHRA 2022, 2 un congresso scientifico dell’ESC.

Adv

“Prima di utilizzare una tecnologia per monitorare la frequenza cardiaca o il ritmo, i pazienti e il pubblico dovrebbero concordare con il proprio medico quale dispositivo utilizzare, per quanto tempo e cosa fare se il dispositivo emette un avviso”, ha affermato l’autrice principale, la dott.ssa Emma Svennberg di l’Istituto Karolinska, Stoccolma, Svezia. “Le persone devono sapere come rispondere al feedback del dispositivo. Devono correre al pronto soccorso o può aspettare un appuntamento di routine? Crea confusione e incertezza se non esiste un piano di gestione in atto”.

“Questa è la prima guida pratica per i medici sull’uso dei dispositivi digitali per il monitoraggio del ritmo cardiaco e della frequenza, un’area che è aumentata in modo esponenziale con l’avvento di smartphone e dispositivi indossabili”, ha continuato. “Il documento chiarisce quali tecnologie dovrebbero essere utilizzate e quando ed è un passo verso un’assistenza sanitaria equa. Anche la nostra coautrice rappresentante dei pazienti Inga Drossart ci ha aiutato a includere la prospettiva laica”.

Il monitoraggio del ritmo cardiaco con dispositivi digitali è un modo per rilevare le aritmie asintomatiche che possono essere trattate. Ad esempio, circa un terzo dei pazienti con fibrillazione atriale non presenta sintomi e una diagnosi precoce può consentire un trattamento appropriato per ridurre il rischio di ictus.

Il documento di oggi copre tutti i nuovi dispositivi digitali, inclusi cerotti per elettrocardiogramma (ECG), dispositivi indossabili come smartwatch, fasce per avambracci, cinturini pettorali, anelli e auricolari e dispositivi portatili come smartphone con app per sensori facciali o app per polpastrelli.

Il dottor Svennberg ha osservato che i dispositivi digitali sono particolarmente utili per le persone con ritmi cardiaci irregolari che vanno e vengono, noti come aritmie parossistiche. Ha detto: “Se hai un’aritmia solo due volte all’anno, può essere piuttosto difficile da rilevare durante una visita medica. I dispositivi possono aiutare a documentare questi eventi e aiutare a fare una diagnosi”.

Gli autori raccomandano che i risultati anormali su un dispositivo digitale debbano essere valutati da un team che includa uno specialista in aritmie cardiache o un cardiologo. Inoltre, letture insolite su un dispositivo di frequenza cardiaca di consumo (ad esempio uno smartwatch) non sono sufficienti per una diagnosi e la conferma dell’ECG è obbligatoria.

Gli individui ad alto rischio di ictus ischemico possono utilizzare le tecnologie digitali per verificare la presenza di fibrillazione atriale che potrebbe quindi essere trattata per ridurre il rischio di ictus. Ciò potrebbe includere coloro che hanno più di 75 anni o più di 65 anni con caratteristiche che li predispongono all’ictus come ipertensione, malattie cardiache o precedenti ictus. “Indipendentemente dal fatto che abbiano sintomi o meno, le persone in queste categorie dovrebbero discutere lo screening per la fibrillazione atriale con il proprio medico”, ha affermato il dott. Svennberg.

D’altra parte, ha sconsigliato di acquistare un dispositivo da banco che potrebbe non avere l’approvazione normativa e di monitorare costantemente il ritmo cardiaco senza alcun imperativo medico per farlo.

Il Dr. Svennberg ha affermato: “L’applicazione dei dispositivi digitali nei disturbi del ritmo cardiaco è un campo in rapida evoluzione. Il futuro vedrà un monitoraggio più contactless, ad esempio utilizzando telecamere e altoparlanti intelligenti, che potrebbero essere particolarmente utili in situazioni di pandemia. Inoltre, metodi statistici più avanzati come l’intelligenza artificiale miglioreranno l’interpretazione dei dati a lungo termine dai dispositivi. Infine, per garantire l’adozione e l’adesione, dobbiamo arruolare i pazienti fin dall’inizio in modo che i dispositivi siano progettati in collaborazione con l’utente in mente”.


Riferimenti e note

1 Svennberg E, Tjong F, Goette A, et al . Come utilizzare i dispositivi digitali per rilevare e gestire le aritmie: una guida pratica EHRA. PE Europace . 2022. doi:10.1093/europace/euac038.

2 Il paper sarà presentato durante la sessione “Incontra gli esperti della Guida pratica EHRA sui dispositivi digitali ” il 3 aprile dalle 08:20 alle 09:20 CEST nella Sala 2.

Categorie:Batticuore

Con tag:,