Batticuore

I fumatori hanno meno probabilità di sopravvivere a un infarto

Adv

Nessuna differenza trovata negli individui ipertesi e non ipertesi

Khatib, PhD

I fumatori hanno meno possibilità di sopravvivere a un infarto rispetto ai non fumatori, secondo nuovi dati compilati dai ricercatori della Jordan University of Science and Technology di Irbid. I livelli di alfa-1 antitripsina (A1AT), una proteina nel fegato che protegge i tessuti del corpo, nei fumatori erano “significativamente inferiori” rispetto ai non fumatori, secondo lo studio. Tuttavia, nessuna differenza è stata rilevata negli individui ipertesi e non ipertesi. I ricercatori presenteranno i loro risultati di persona all’incontro annuale dell’American Physiological Society (APS) in occasione della Experimental Biology 2022 a Filadelfia.

Adv

Circa 1,5 milioni di attacchi di cuore e ictus si verificano ogni anno negli Stati Uniti, secondo la Divisione per le malattie cardiache e la prevenzione dell’ictus del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. Si ritiene che l’A1AT possa offrire protezione al tessuto cardiaco quando viene rilasciato durante un infarto.  

“Lo scopo di questo studio era confrontare i livelli plasmatici di A1AT rilasciati nei fumatori e nei non fumatori e tra individui ipertesi e non ipertesi dopo un attacco”, ha riferito Said Khatib, PhD, coautore dello studio.

Lo studio sull’uomo è stato condotto su 29 uomini adulti e 11 donne adulte attraverso campioni di sangue prelevati entro una, quattro, 24, 48 e 96 ore dalla diagnosi di infarto. I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi di fumatori e non fumatori, e ipertesi e non ipertesi.

I ricercatori ritengono che il mantenimento di livelli appropriati di A1AT nei fumatori durante un infarto migliorerà le loro possibilità di sopravvivenza.  

Categorie:Batticuore

Con tag:,