Ricerca

I ricercatori scoprono come i sostituti dello zucchero interrompono la disintossicazione del fegato

Adv

Negli esperimenti di laboratorio, i dolcificanti hanno alterato le proteine ??che liberano il corpo dalle tossine ed elaborano i farmaci

I dolcificanti non nutritivi (NNS) consumati nella dieta entrano nel fegato dalla circolazione sanguigna. I ricercatori hanno scoperto che nelle cellule del fegato, il trasportatore disintossicante P-glicoproteina (PGP) esporta NNS preferenzialmente a diversi composti noti del substrato. In un contesto fisiologico, ciò potrebbe lasciare altri substrati PGP come alcuni farmaci intrappolati nelle cellule, portando potenzialmente a tossicità epatica.
CREDITO: Laura Danner, Facoltà di Medicina del Wisconsin. Creato con BioRender.com

I risultati di un nuovo studio suggeriscono che due sostituti dello zucchero interrompono la funzione di una proteina che svolge un ruolo vitale nella disintossicazione del fegato e nel metabolismo di alcuni farmaci. Questi sostituti dello zucchero, noti anche come dolcificanti non nutritivi, forniscono un gusto dolce con poche o nessuna caloria.

Adv

“Con una stima del 40% degli americani che consumano regolarmente dolcificanti non nutritivi, è importante capire come influenzano il corpo”, ha affermato Laura Danner, una studentessa di dottorato presso il Medical College of Wisconsin. “In effetti, molte persone non si rendono conto che questi dolcificanti si trovano nelle versioni light o senza zucchero di yogurt e snack e persino in prodotti non alimentari come medicinali liquidi e alcuni cosmetici”.

Danner presenterà la nuova ricerca al meeting annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology durante il meeting Experimental Biology (EB) 2022 , che si terrà dal 2 al 5 aprile a Filadelfia.

Nel loro nuovo lavoro, i ricercatori hanno studiato i dolcificanti non nutritivi acesulfame potassio e sucralosio utilizzando cellule epatiche e saggi privi di cellule, che consentono lo studio di processi cellulari come il trasporto.

Hanno scoperto che l’acesulfame potassio e il sucralosio inibivano l’attività della glicoproteina P (PGP), nota anche come proteina 1 di resistenza multifarmaco (MDR1). PGP fa parte di una famiglia di trasportatori che lavorano insieme per purificare il corpo da tossine, droghe e metaboliti delle droghe.

“Abbiamo osservato che i dolcificanti hanno influenzato l’attività del PGP nelle cellule del fegato alle concentrazioni previste attraverso il consumo di cibi e bevande comuni, molto al di sotto dei limiti massimi raccomandati dalla FDA”, ha affermato Stephanie Olivier Van Stichelen, PhD, che guida il team di ricerca. “Per quanto ne sappiamo, siamo il primo gruppo a decifrare il meccanismo molecolare mediante il quale i dolcificanti non nutritivi influiscono sulla disintossicazione nel fegato”.

Gli esperimenti hanno anche mostrato che i dolcificanti stimolano l’attività di trasporto e probabilmente si legano al PGP, e quindi competono e inibiscono il trasporto di altri substrati come xenobiotici, farmaci e loro metaboliti, lipidi a catena corta e acidi biliari.

Sebbene i ricercatori avvertano che lo studio è preliminare e deve essere confermato in studi preclinici e clinici, i risultati suggeriscono che i dolcificanti non nutritivi potrebbero essere problematici per le persone che assumono farmaci che usano il PGP come trasportatore di disintossicazione primario. Questi includono alcuni antidepressivi, antibiotici e farmaci per la pressione sanguigna.

“Se studi futuri confermano che i dolcificanti non nutritivi compromettono il processo di disintossicazione del corpo, sarebbe essenziale studiare le potenziali interazioni e determinare livelli di consumo sicuri per i gruppi a rischio”, ha affermato Danner. “Potrebbe anche essere importante includere quantità specifiche di dolcificanti non nutritivi inclusi nelle etichette degli alimenti in modo che le persone possano monitorare meglio la loro assunzione”.

Sebbene la Food and Drug Administration statunitense raccomandi che i dolcificanti non nutritivi rimangano al di sotto di una quantità giornaliera accettabile – la quantità inclusa in circa 35 bibite dietetiche per acesulfame potassio o otto bibite dietetiche per sucralosio al giorno – i produttori di alimenti devono solo elencarli in gli ingredienti. Non devono indicare la quantità di dolcificante non nutritivo utilizzato nel prodotto.

Successivamente, i ricercatori intendono utilizzare modelli più complessi di trasporto dei farmaci per determinare la misura in cui l’acesulfame potassio e il sucralosio potrebbero interferire con la disintossicazione e il metabolismo dei farmaci. Stanno anche studiando miscele di questi dolcificanti, che sarebbero più rappresentative di come si trovano nei prodotti alimentari.

I ricercatori sottolineano che poiché il PGP è espresso sulle superfici di scambio in tutto il corpo e svolge un ruolo importante nel mantenimento di sistemi come la barriera emato-encefalica, sarà anche importante studiare come l’inibizione del PGP potrebbe interferire con il normale funzionamento delle cellule in altri organi .

Laura Danner presenterà questa ricerca dalle 12:30 alle 13:45 martedì 5 aprile nella sala espositiva/poster A–B, Pennsylvania Convention Center ( Poster Board Number A186 ) ( abstract ). Contatta il team dei media per ulteriori informazioni o per ottenere un pass stampa gratuito per partecipare alla riunione.

Categorie:Ricerca

Con tag:,,