Benessere

Le persone di colore con diabete tipo 1 colpite in modo sproporzionato da chetoacidosi diabetica durante COVID

Adv

The retro wave or synth wave portrait of a young happy serious african man at studio. High Fashion male model in colorful bright neon lights posing on black background. Art design concept

Le persone di colore con diabete avevano maggiori probabilità di sviluppare casi di una complicanza pericolosa per la vita chiamata chetoacidosi diabetica durante la pandemia, anche in persone senza COVID-19, secondo un nuovo studio del TID Exchange pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism della Endocrine  Society .Le persone con diabete hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente di COVID-19 e il virus è stato collegato a nuovi casi di diabete. La pandemia ha anche messo in luce le disuguaglianze nel nostro sistema sanitario. Ricerche precedenti mostrano che le minoranze con diabete e COVID-19 hanno maggiori probabilità di essere ricoverate in ospedale con chetoacidosi diabetica, una complicanza del diabete pericolosa per la vita ma generalmente prevenibile che deriva dalla carenza di insulina ed è caratterizzata da alti livelli di acidi nel sangue.“Il nostro lavoro mostra che le disuguaglianze razziali nella cura del diabete erano presenti prima della pandemia, chiaramente visibili durante la pandemia, e continueranno a persistere dopo la pandemia, a meno che non eliminiamo sistematicamente e prendiamo di mira le disuguaglianze razziali nella cura del diabete”, ha affermato Andrew R. Lavik, MD, Ph.D., del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center di Cincinnati, Ohio.“Le minoranze continuano a essere colpite da complicazioni del diabete pericolose per la vita ma prevenibili più di altri gruppi. Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi per alleviare questo onere, sia durante la pandemia di COVID-19 che oltre”, ha aggiunto l’autrice senior Nana-Hawa Yayah Jones, MD, anche lei di Cincinnati Children’s.I ricercatori, tutti membri del T1D Exchange Quality Improvement Collaborative, hanno esaminato le tendenze della chetoacidosi diabetica tra gli individui con diabete di tipo 1 durante la pandemia di COVID-19 in sette grandi centri medici degli Stati Uniti. I ricercatori hanno scoperto che quando i casi di COVID-19 sono aumentati, anche la chetoacidosi diabetica è aumentata, specialmente nei neri con diabete. Hanno determinato che il 45% dei neri aveva chetoacidosi diabetica nel 2019 rispetto al 16% dei bianchi e questa disparità è persistita nel 2020 (49% contro 19%).“In modo allarmante, abbiamo scoperto che questa disparità nelle complicanze del diabete era presente anche prima della pandemia di COVID-19 ma non è stata adeguatamente affrontata. T1D Exchange sta lavorando attivamente con i partner per affrontare in modo collaborativo queste disuguaglianze”, ha affermato il coautore Osagie Ebekozien, MD, Chief Medical Officer del T1D Exchange di Boston, Massachusetts.Le persone con diabete che utilizzavano monitor continui della glicemia o microinfusori per insulina avevano meno probabilità di avere chetoacidosi diabetica. Tuttavia, gli studi hanno riscontrato disparità di salute nell’uso delle tecnologie per il diabete.Altri autori di questo studio includono: Sarah D. Corathers del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center; Nudrat Noor e Saketh Rompicherla del T1D Exchange; G. Todd Alonso e Sarit Polsky dell’Università del Colorado ad Aurora Colo.; Scott M. Blackman della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, Maryland; Justin Chen e Margaret Greenfield della SUNY Upstate Medical University di Syracuse, NY; Carla Demeterco-Berggren dell’Università della California San Diego a La Jolla, California; Mary Pat Gallagher dell’Hassenfeld Children’s Hospital presso la NYU Langone a New York, NY; e Ashley Garrity dell’Università del Michigan ad Ann Arbor, Michigan; e Robert Rapaport del Mount Sinai Hospital di New York, NY.Lo studio ha ricevuto finanziamenti dal Leona M. e Harry B. Helmsley Charitable Trust.Il manoscritto,  “Tendenze nella chetoacidosi diabetica di tipo 1 durante i picchi di COVID-19 nei sette centri statunitensi: il più alto onere sui pazienti neri non ispanici”,  è stato pubblicato online, prima della stampa.

Adv

Categorie:Benessere

Con tag:,