Benessere

Fattori riproduttivi e rischio di demenza

Adv

Alcuni eventi correlati a un’esposizione più breve agli estrogeni possono essere associati a un aumentato rischio di demenza

La gravidanza, il lungo periodo riproduttivo e l’età avanzata alla menopausa sono associati a un minor rischio di demenza nelle donne, secondo uno studio pubblicato il 5 aprile sulla rivista ad accesso aperto PLOS Medicine . Al contrario, l’isterectomia, l’età più giovane del primo parto e l’età più giovane o più vecchia della media al primo ciclo erano associati a un rischio maggiore di demenza. Lo studio suggerisce che fattori riproduttivi e ormonali possono essere coinvolti nel rischio di demenza, ma ha osservato un’associazione simile tra il numero di bambini e il rischio di demenza nelle donne e negli uomini, suggerendo che l’esperienza fisica della gravidanza potrebbe non spiegare la variazione del rischio.

Adv

I tassi di demenza sono in aumento in tutto il mondo, con alcuni studi che riportano un’incidenza maggiore nelle donne rispetto agli uomini, tuttavia esiste una base di prove limitate sui fattori riproduttivi e sul rischio di demenza. Jessica Gong del George Institute for Global Health, Australia, e colleghi hanno utilizzato i dati della biobanca britannica per esaminare il rischio di demenza da tutte le cause e fattori riproduttivi in ??273.240 donne, nonché il numero di bambini in quelle donne e in 228.965 uomini.

Dopo aver controllato l’età, lo stato socioeconomico, il fumo, l’indice di massa corporea (BMI) e altri elementi, alcuni eventi correlati a un’esposizione cumulativa più breve agli estrogeni prodotti internamente, come l’età superiore alla media al primo ciclo, l’età inferiore alla media alla menopausa, e avere un’isterectomia – erano associati a un rischio di demenza più elevato. La gravidanza, anche l’interruzione di gravidanza, il periodo riproduttivo più lungo, l’età avanzata alla menopausa e l’uso di pillole contraccettive erano associati a un minor rischio di demenza per tutte le cause. Sia per gli uomini che per le donne, rispetto all’avere due figli, non averne quattro o più erano apparentemente associati a un rischio maggiore di demenza. 

Lo studio presenta limitazioni, tra cui la segnalazione retrospettiva sui fattori riproduttivi che possono essere soggetti a pregiudizi e il fatto che la biobanca britannica sia una coorte relativamente sana di persone benestanti di origine britannica bianca, quindi potrebbe non essere rappresentativa di una popolazione più ampia.

Gong aggiunge: “Gli eventi riproduttivi correlati a una minore esposizione agli estrogeni endogeni nelle donne erano associati a un rischio di demenza più elevato e questi risultati evidenziano la vulnerabilità nel rischio di demenza relativo alle donne. Tuttavia, l’associazione simile tra il numero di bambini e il rischio di demenza osservato per donne e uomini indica che la variazione del rischio nelle donne potrebbe essere più correlata a fattori sociali e comportamentali nella genitorialità, piuttosto che a fattori biologici coinvolti nella gravidanza.

Fattori riproduttivi e rischio di demenza.
CREDITO: Jessica Gong (CC-BY 4.0, https://creativecommons.org/licenses/by/4.0/)