Batticuore Mangiare e bere

La fibra di cereali è associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari

Non tutte le fibre alimentari sono uguali: le fibre di cereali, ma non quelle di frutta o verdura, sono legate a una minore infiammazione

 I ricercatori della Columbia University Mailman School of Public Health e colleghi hanno valutato se l’assunzione di fibre nella dieta fosse associata a una diminuzione dell’infiammazione negli anziani e se la fibra fosse inversamente correlata alle malattie cardiovascolari. I risultati hanno mostrato che la fibra totale, e più specificamente la fibra di cereali ma non la fibra di frutta o verdura, era costantemente associata a una minore infiammazione ea una minore incidenza di CVD. Finora c’erano stati dati limitati sul legame tra fibra e infiammazione tra gli anziani, che hanno livelli di infiammazione più elevati rispetto ai giovani. I risultati dello studio sono pubblicati su JAMA Network Open .

La ricerca include i dati di una coorte prospettica ampia e ben caratterizzata di individui anziani, con dati dettagliati sull’assunzione con la dieta, sull’infiammazione e sull’incidenza di CVD. La ricerca ha confermato le associazioni osservate in precedenza tra fibra alimentare e CVD e ha esteso tali indagini per includere la fonte della fibra, la relazione della fibra con più marcatori infiammatori e per verificare se l’infiammazione ha mediato la relazione tra fibra alimentare e CVD.

Dei 4125 adulti arruolati nel Cardiovascular Health Study dal 1989 al 1990, i partecipanti hanno ricevuto un questionario sulla frequenza del cibo che è stato somministrato a coloro che non avevano una CVD prevalente al momento dell’arruolamento e quindi sono stati seguiti visite per lo sviluppo di CVD (ictus, infarto del miocardio e morte cardiovascolare aterosclerotica) fino a giugno 2015. I campioni di sangue sono stati valutati per i marcatori di infiammazione.

“Una maggiore assunzione di fibre alimentari è associata a un minor rischio di CVD. Un’ipotesi comune è stata che una maggiore assunzione di fibre riduca l’infiammazione, portando successivamente a un minor rischio di CVD “

ha affermato Rupak Shivakoti, PhD, assistente professore di epidemiologia alla Columbia Mailman School. “Grazie ai risultati di questo studio, stiamo ora apprendendo che un particolare tipo di fibra alimentare, la fibra di cereali, ma non quella di frutta o verdura, era associato a una minore infiammazione. Con i risultati di questo studio ora stiamo imparando che la fibra di cereali ha il potenziale per ridurre l’infiammazione e dovrà essere testata in futuri studi interventistici”.

Sebbene ci siano dati che suggeriscono che la fibra in generale potrebbe avere effetti antinfiammatori migliorando la funzione intestinale, modificando la dieta e la sazietà (p. es., ridotto apporto di grassi ed energia totale) e migliorando il metabolismo del profilo lipidico e del glucosio, perché la fibra di cereali ma non quella vegetale o la fibra della frutta è associata a una minore infiammazione non è chiaro e richiede ulteriori indagini, ha osservato Shivakoti. Inoltre, osserva che non è chiaro se la fibra di cereali di per sé o altri nutrienti negli alimenti ricchi di fibra di cereali stiano guidando le relazioni osservate.

“Inoltre, abbiamo appreso che l’infiammazione aveva solo un ruolo modesto nel mediare l’associazione inversa osservata tra fibra di cereali e CVD”, ha osservato Shivakoti. “Ciò suggerisce che fattori diversi dall’infiammazione possono svolgere un ruolo più importante nella riduzione delle CVD associata alle fibre di cereali e dovranno essere testati in futuri interventi su popolazioni specifiche.

I coautori provengono dalla Columbia University Mailman School of Public Health; Università di Washington; Brigham e Ospedale delle donne; Scuola di medicina di Harvard; Sanità dei veterani di Boston; Larner College of Medicine presso l’Università del Vermont; San Francisco Veterans Affairs Sistema sanitario; Università della California-San Francisco; Kaiser Permanente Washington Health Research Institute; Accademia di Medicina di New York; Beth Israel Deaconess Medical Center; e la Harvard Chan School of Public Health,

La ricerca è stata supportata dal National Heart, Lung, and Blood Institute, dal National Institute of Neurological Disorders and Stroke e dall’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: