Batticuore

7 aprile Giornata mondiale della salute: quattro fronti e altre battaglie

Adv

Oggi ricorre la Giornata Mondiale della Salute con quattro fronti principali da affrontare: la pandemia di Covid, la salute mentale, l’AIDS e l’obesità. La crisi climatica è anche una crisi sanitaria, avverte l’OMS. E ci sono altre battaglie da combattere come il cancro, le malattie cardiovascolari, il diabete e l’Alzheimer

Nonostante i progressi nei vaccini e nelle cure, il Covid continua ad evolversi con un alto rischio di nuove varianti e si teme che un altro virus, che potrebbe provenire dal mondo aviario, ci riporti sulla linea di partenza.

Tre organizzazioni delle Nazioni Unite , la salute (OMS), l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e la salute degli animali (OIE) hanno recentemente pubblicato un appello a tutti i paesi affinché adottino misure per ridurre il rischio di trasmissione di SARS-CoV-2 tra l’uomo e la fauna selvatica .

Per Adelaida Sarukhan, PhD in Immunologia presso l’Università di Parigi VI e redattore scientifico presso ISGlobal (Fondazione La Caixa), questa non sarà né la prima né l’ultima pandemia, ne arriveranno altre.

” Molti occhi puntano sui virus dell’influenza aviaria e se uno di essi muta abbastanza da diffondersi da uomo a uomo, siamo in grossi guai”.

Sarukhan apprezza che l’eradicazione “è impossibile, perché sono virus in grado di infettare non solo l’uomo ma anche altri animali mammiferi ed è anche difficile eliminarlo dalla popolazione, perché si è diffuso molto ed è altamente trasmissibile”.

Al momento, la pandemia ha provocato oltre sei milioni di morti e oltre 488 milioni di casi registrati fino a marzo di quest’anno, nonostante i dieci vaccini approvati a tempo di record.

Perché si può parlare di un accaparramento vergognoso , poiché degli 8.780 milioni di dosi somministrate nel mondo durante il primo anno, si stima che solo lo 0,8% sia arrivato nei paesi poveri, anche se attualmente il 65% della popolazione ne ha almeno un dose, riporta Our World in Data .

Come ultima informazione, va notato che in un solo anno, 6.361.329 sequenze genomiche di SARS-CoV-2 erano state caricate sulla piattaforma scientifica internazionale della Global Initiative on Sharing All Influenza Data (GISAID), che fornisce un idea del grande progresso e della collaborazione scientifica.

Crisi climatica

Gli esperti ci ricordano che siamo più di 7.800 milioni di esseri umani su un pianeta sempre più globalizzato, con ecosistemi fortemente alterati dalle nostre azioni e un solo grado di aumento della temperatura media globale potrebbe diffondere malattie come la dengue o la malaria.

L’OMS stima che ogni anno ci siano più di 13 milioni di decessi dovuti a cause ambientali prevenibili, ovvero la cosiddetta crisi climatica, una grave minaccia per la salute che l’umanità deve affrontare.

Un’epidemia chiamata obesità

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’obesità è triplicata dal 1975 in tutto il mondo.

Il problema è che l’ obesità funziona come una calamita per molteplici malattie. Gli studi indicano che è un fattore di rischio per lo sviluppo di più di 200 disturbi, in particolare quelli legati al sistema cardiovascolare, disturbi muscoloscheletrici e alcuni tumori.

Attualmente, più della metà della popolazione mondiale è in sovrappeso. In Europa, una persona su 5.

Aids, un problema di salute pubblica

A quarant’anni dallo scoppio dei primi casi al mondo, l’AIDS continua ad essere, ancora oggi, un grave problema di salute pubblica che ha ucciso oltre 37 milioni di persone dal 1981 (60.000 in Spagna) e che continua ad essere gravato dallo stigma e discriminazione

Sebbene la nuova generazione di farmaci abbia trasformato questo disturbo, che era mortale, in una malattia cronica, il   futuro non è in vista per  il vaccino .

La nuova strategia lanciata dall’UNAIDS si basa su diritti umani, uguaglianza di genere e dignità, libera da stigma e discriminazione per tutte le persone che vivono con e sono colpite dall’HIV.

A livello globale e secondo il  direttore esecutivo dell’UNAIDS ,  Winnie Byanyima , siamo “in un momento critico nel nostro sforzo storico per porre fine all’AIDS”.

A suo avviso, come l’HIV prima, il COVID-19 ha dimostrato che la disuguaglianza uccide e il COVID-19 “ha amplificato le disuguaglianze esistenti che bloccano i progressi nella fine dell’AIDS”.

Secondo UNAIDS, se gli obiettivi e gli impegni di questa strategia saranno raggiunti, il numero di persone che contraggono l’HIV per la prima volta diminuirà da 1,7 milioni nel 2019 a meno di 370.000 nel 2025 e il numero di persone che muoiono per malattie AIDS i decessi correlati diminuiranno da 690.000 nel 2019 a meno di 250.000 nel 2025.

Salute mentale: depressione e suicidio

La pandemia di coronavirus ha spinto i sistemi sanitari europei sull’orlo del baratro e ha avuto un impatto sproporzionato sulla salute mentale.

Il calo maggiore del benessere mentale è stato registrato nelle persone di età compresa tra i 18 e i 24 anni.

Secondo l’OMS, diversi studi mostrano anche che una parte significativa della società sembra essere stata fortemente colpita psicologicamente dagli effetti della pandemia.

L’Europa, ad esempio, ha ancora uno dei tassi di suicidio più alti al mondo.

Ci sono numerosi studi che mostrano la forte relazione tra depressione e suicidio, e c’è una parola chiave sullo sfondo: disperazione. Una sensazione che porta le persone a credere che qualunque cosa facciano non servirà a superare il dolore e la sofferenza che le travolgono e la profonda solitudine .

Questo legame fatale si verifica soprattutto tra i gruppi più vulnerabili, e soprattutto negli anziani e negli adolescenti, e quando la depressione diventa cronica.

In effetti, gli esperti affermano che il 90% delle persone che si suicidano ha un problema di salute mentale, principalmente la depressione.

In generale, e secondo le stesse fonti, la metà di tutte le malattie mentali inizia all’età di 14 anni, ma la maggior parte dei casi non viene rilevata e non viene curata.

La pandemia ha allargato il focus sulla salute mentale, perché le persone si sono sentite più vulnerabili che mai, così come la guerra in Ucraina, i cui effetti più devastanti sull’equilibrio psicologico avranno i bambini come protagonisti.

Altre battaglie: cancro, malattie cardiovascolari, diabete e Alzheimer

Secondo l’OMS, le malattie non trasmissibili, come il diabete, il cancro e le malattie cardiovascolari, sono responsabili di oltre il 70% di tutti i decessi annuali nel mondo, ovvero 41 milioni di persone. Ciò include 15 milioni di persone che muoiono prematuramente, tra i 30 e i 69 anni.

Un rapporto di questa organizzazione pubblicato nel 2019 ha anche rilevato che oltre l’85% di queste morti premature si verifica nei paesi a basso e medio reddito.

Nella sua analisi, ha sottolineato che l’aumento di queste malattie è dovuto a cinque principali fattori di rischio: fumo, inattività fisica, uso dannoso di alcol, diete scorrette e inquinamento atmosferico.

Cancro

In relazione al cancro , l’OMS indica che è una delle principali cause di morte nel mondo: nel 2020 quasi 10 milioni di decessi sono stati attribuiti a questa malattia, cioè quasi uno su sei di quelli che si registrano.

I tipi più comuni di cancro sono mammella, polmone, colon, retto e prostata.

Inoltre, le infezioni oncogeniche, comprese quelle causate da epatite umana o papillomavirus, rappresentano circa il 30% dei casi di cancro nei paesi a basso e medio reddito.

Ma molti casi possono essere curati se rilevati precocemente e trattati in modo efficace.

Diabete

Per quanto riguarda il diabete , l’organizzazione delle Nazioni Unite riferisce che il numero di persone con diabete è aumentato da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014 e che la prevalenza di questa malattia è aumentata più rapidamente nei paesi a basso reddito e reddito medio che in quelli ad alto reddito.

Il diabete è una delle principali cause di cecità, insufficienza renale, infarto del miocardio, ictus e amputazione degli arti inferiori.

Malattia cardiovascolari

Infine, e per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, questa fonte segnala che ogni anno vengono mietute 17,9 milioni di vittime.

Queste malattie costituiscono un gruppo di disturbi del cuore e dei vasi sanguigni che includono la malattia coronarica, la malattia cerebrovascolare e la cardiopatia reumatica.

Più di quattro decessi su cinque per malattie cardiovascolari sono dovuti a malattie coronariche e ictus e un terzo di questi decessi si verifica prematuramente nelle persone di età inferiore ai 70 anni.

Alzheimer

Di fronte all’Alzheimer , solo un quarto dei paesi del mondo ha una politica, una strategia o un piano nazionale per sostenere le persone con demenza e le loro famiglie.

La metà di questi paesi si trova nella regione europea dell’OMS e il resto è distribuito nelle altre regioni.

Tuttavia, anche in Europa, molti piani sono in scadenza o sono già scaduti, evidenziando la necessità di un rinnovato impegno da parte dei governi. 

Allo stesso tempo, cresce il numero di persone affette da demenza: l’OMS stima che più di 55 milioni di persone (8,1% delle donne e 5,4% degli uomini sopra i 65 anni) convivano con la demenza. Si stima che questa cifra aumenterà a 78 milioni entro il 2030 e 139 milioni entro il 2050.

La disabilità associata alla demenza è un fattore chiave dei costi relativi a questa malattia. Nel 2019, il costo globale della demenza è stato stimato in 1,3 trilioni di dollari.

Si prevede che il costo aumenterà a $ 1,7 trilioni entro il 2030, o $ 2,8 trilioni se si tiene conto dell’aumento dei costi delle cure.

Dai priorità al settore sanitario come mai prima d’ora

La risposta a molte di queste sfide risiede in sistemi sanitari solidi e altamente interconnessi, perché l’impatto della pandemia ha causato notevoli sfide per affrontare le disuguaglianze sanitarie e per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile in salute fissati dalle Nazioni Unite per il 2030.

Ma ci sono buone notizie: gli obiettivi di mortalità materna e infantile sono già stati raggiunti e si registrano evidenti progressi in altri settori, anche se la protezione finanziaria delle famiglie per quanto riguarda la salute viene presentata come una grande sfida.

In questo quadro, l’ OMS sostiene occorra dare priorità al settore sanitario “come mai prima d’ora”, con un focus “urgente” su aspetti trascurati come la salute mentale, riconoscendo la salute e gli operatori sanitari come “pilastri essenziali della ripresa socioeconomica e determinanti per prepararsi agli impatti futuri “.

 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: