Batticuore

Ricordamelo ancora, perché il sale fa male?

Adv

Salt on wooden background

Nonostante la maggior parte di noi sappia che dovremmo ridurre il sale, consumiamo in media quasi il doppio del massimo giornaliero raccomandato al giorno.

Adv

Il sale è stato usato nella conservazione degli alimenti per secoli e idiomi come “vale il tuo peso in sale” indicano quanto fosse prezioso per preservare il cibo per garantire la sopravvivenza. Il sale assorbe l’umidità dagli alimenti, limitando la crescita batterica che altrimenti rovinerebbe il cibo e causerebbe malattie gastrointestinali. Oggi il sale viene ancora aggiunto come conservante, ma migliora anche il gusto dei cibi.

Il sale è un composto chimico costituito da sodio e cloruro, e questa è la forma principale in cui lo consumiamo nella nostra dieta. Di questi due elementi, è il sodio di cui dobbiamo preoccuparci.

Quindi cosa fa il sodio nel nostro corpo?

La principale preoccupazione di consumare troppo sodio è il legame ben stabilito con l’aumento del rischio di ipertensione (o ipertensione). La pressione alta è a sua volta un fattore di rischio per malattie cardiache e ictus , una delle principali cause di gravi malattie e morte in Australia. La pressione alta è anche una causa di malattie renali .

Dolci, biscotti, pretzel e patatine dall'aspetto delizioso.
La maggior parte del sale che consumiamo proviene da alimenti trasformati. Shutterstock

I processi esatti che portano all’ipertensione dal consumo di grandi quantità di sodio non sono completamente compresi. Tuttavia, sappiamo che è dovuto ai cambiamenti fisiologici che si verificano nel corpo per controllare strettamente i livelli di liquidi e sodio del corpo. Ciò comporta cambiamenti nel modo in cui i reni, il cuore, il sistema nervoso e gli ormoni che regolano i fluidi rispondono all’aumento dei livelli di sodio nel nostro corpo.

Mantenere uno stretto controllo sui livelli di sodio è necessario perché il sodio colpisce le membrane di tutte le singole cellule del corpo. Le membrane sane consentono il movimento di:

  • nutrienti dentro e fuori le cellule
  • segnali attraverso il sistema nervoso (ad esempio, messaggi dal cervello ad altre parti del corpo).

Il sale dietetico è necessario per questi processi. Tuttavia, la maggior parte di noi consuma molto, molto più del necessario.

Quando mangiamo troppo sale, questo aumenta i livelli di sodio nel sangue. Il corpo risponde aspirando più liquido nel sangue per mantenere la concentrazione di sodio al giusto livello. Tuttavia, aumentando il volume del fluido, la pressione contro le pareti dei vasi sanguigni aumenta, causando ipertensione.

La pressione alta fa lavorare il cuore di più, il che può portare a malattie del cuore e dei vasi sanguigni, inclusi infarto e insufficienza cardiaca.

Sebbene vi siano alcune controversie sull’effetto del sale sulla pressione sanguigna, la maggior parte della letteratura indica che esiste un’associazione progressiva , il che significa che più sodio si consuma, più è probabile che si muoia prematuramente.

A cosa prestare attenzione

Alcuni gruppi di persone sono più colpiti dalle diete ricche di sale rispetto ad altri. Queste persone sono indicate come “sensibili al sale” e hanno maggiori probabilità di avere la pressione alta a causa del consumo di sale.

Le persone più a rischio includono le persone anziane, quelle che hanno già la pressione alta, le persone di origine afroamericana, quelle che hanno una malattia renale cronica, quelle con una storia di pre-eclampsia (pressione alta durante la gravidanza) e quelle che hanno avuto un basso peso alla nascita.

Sfigmomanometro che mostra 120 e 80
La pressione sanguigna ottimale è 120/80. Shutterstock

È importante essere consapevoli della pressione sanguigna, quindi la prossima volta che visiti il ??medico assicurati di farla controllare. La pressione sanguigna è data da due cifre: la più alta (sistolica) e la più bassa (diastolica). La sistolica è la pressione nell’arteria quando il cuore si contrae e spinge il sangue attraverso il tuo corpo. La pressione diastolica nell’arteria è quando il cuore si rilassa e si riempie di sangue.

 

La pressione sanguigna ottimale è inferiore a 120/80. La pressione sanguigna è considerata alta se la lettura è superiore a 140/90. Se si hanno altri fattori di rischio per malattie cardiache, diabete o malattie renali, il medico potrebbe fissare un obiettivo più basso.

Come ridurre l’assunzione di sale

Ridurre il sale nella dieta è una buona strategia per ridurre la pressione sanguigna ed evitare cibi trasformati e ultra-lavorati , da cui proviene circa il 75% della nostra assunzione giornaliera di sale, è il primo passo.

Lo chef cosparge di sale in una pentola
Cerca di usare meno sale nella tua cucina, ma i pasti preparati in casa non sono il peggior colpevole. Shutterstock

Aumentare l’assunzione di frutta e verdura ad almeno sette porzioni al giorno può anche essere efficace nel ridurre la pressione sanguigna, poiché contengono potassio, che aiuta i nostri vasi sanguigni a rilassarsi.

Aumentare l’attività fisica , smettere di fumare, mantenere un peso sano e limitare l’ assunzione di alcol aiuterà anche a mantenere una pressione sanguigna sana. Sono disponibili anche farmaci per la riduzione della pressione sanguigna se la pressione sanguigna non può essere ridotta inizialmente dai cambiamenti dello stile di vita.


This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.