Benessere

Prevenire le morti premature dovute a malattie non trasmissibili

Adv

Risk and Strategy in Business, Image of hand stopping falling collapse wooden block dominoes effect from continuous toppled block, prevention and development to stability

La maggior parte dei paesi del mondo ha compiuto pochi progressi verso l’obiettivo adottato dalle Nazioni Unite nel 2015, che chiedeva al mondo di ridurre di un terzo la mortalità prematura per malattie non trasmissibili entro il 2030. Le malattie non trasmissibili includono condizioni comuni come le malattie cardiache , cancro, malattie respiratorie croniche e diabete. Queste condizioni stanno diventando sempre più prevalenti in tutto il mondo a causa dello sviluppo economico, dell’invecchiamento della popolazione e di altri fattori.

Adv

Oggi in un documento sulla politica sanitaria su The Lancet , i Collaboratori per il conto alla rovescia 2030 per le malattie non trasmissibili presentano un approccio per aiutare i paesi a basso e medio reddito a rimettersi in carreggiata verso il raggiungimento di questo obiettivo, chiamato Obiettivo di sviluppo sostenibile 3.4. Offrono una guida sui tipi di interventi che possono accelerare i progressi contro le malattie non trasmissibili in 123 paesi a basso e medio reddito. Delineano inoltre le risorse necessarie per rendere questi interventi più ampiamente disponibili al pubblico in generale.

Gli autori del documento affermano di ritenere che con un’azione concertata e investimenti in pochi interventi sanitari altamente convenienti, la maggior parte dei paesi potrebbe raggiungere gli obiettivi globali. Prevedono inoltre che il ritorno sugli investimenti per i governi sarebbe elevato in termini di vite salvate e guadagni economici.

“La pandemia di COVID-19 ha gettato una luce dura sulle vulnerabilità dei sistemi sanitari in tutto il mondo”, osserva il dottor David Watkins, assistente professore presso la Divisione di Medicina Interna Generale e il Dipartimento di Salute Globale presso la University of Washington School of Medicinale. È l’autore principale del documento sulla politica sanitaria.

Ha lavorato insieme ai collaboratori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Ginevra, della NCD Alliance (un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene la riduzione delle malattie non trasmissibili), dell’Imperial College di Londra e altri. L’elenco completo degli autori è disponibile sul documento pubblicato su The Lancet .

Watkins sottolinea che la pandemia ha colpito in modo sproporzionato le persone che vivono con malattie non trasmissibili come malattie cardiache , cancro e malattie polmonari croniche. La loro assistenza medica è stata gravemente interrotta dalle misure di controllo della pandemia e corrono un rischio superiore alla media di morire a causa del COVID-19.

Watkins, che ha sede presso il nuovo Hans Rosling Center for Population Health presso l’UW, ha chiesto una rinnovata azione in tutto il mondo contro questi disturbi che accorciano la vita e spesso debilitanti.

“Negli ultimi dieci anni, i leader mondiali si sono ripetutamente impegnati ad affrontare le malattie non trasmissibili, ma i progressi si sono bloccati. È tempo di un reset nell’agenda internazionale”, esorta.

Spiega che il nuovo rapporto delinea una serie pratica di investimenti che i governi nazionali possono fare per ricostruire i loro sistemi sanitari nell’area delle malattie non trasmissibili. Questi investimenti potrebbero aiutare a raggiungere, o quasi, una riduzione dei tassi di mortalità per malattie non trasmissibili di circa un terzo entro il 2030, lo stesso livello specificato nell’obiettivo delle Nazioni Unite.

Si prevede che i maggiori benefici si verificheranno nel ridurre i decessi per infarto e ictus, in particolare attraverso un migliore trattamento di fattori di rischio come l’ipertensione e il diabete.

Gli interventi, basati sui risultati del Disease Control Priorities Project ( http://dcp-3.org/ ), comprendono 15 servizi clinici e sei politiche governative relative alla tassazione e alla regolamentazione di tabacco, alcol e cibi ricchi di sodio e grassi trans.

Il mix più conveniente di strategie di intervento clinico potrebbe variare tra paesi e regioni del mondo. Ma affrontare i rischi comportamentali, come il fumo di tabacco, l’uso dannoso di alcol e l’assunzione eccessiva di sodio, sarebbe rilevante ovunque.

“Il nostro quadro è particolarmente rilevante per la politica sanitaria nei paesi a basso e medio reddito “, ha affermato, “e ha lo scopo di aiutare i governi di questi paesi a spendere saggiamente le loro limitate risorse sanitarie”.

Gli autori del documento politico stimano che il costo dell’aumento di questi interventi in tutto il mondo richiederebbe ulteriori 18 miliardi di dollari all’anno dal 2023 al 2030. Questo investimento potrebbe evitare 39 milioni di morti premature in questo lasso di tempo e generare un beneficio economico netto di 2,7 trilioni di dollari, con i vantaggi che superano i costi 19 a 1.

Il pagamento di questi interventi richiederebbe probabilmente la mobilitazione di risorse governative aggiuntive, il che potrebbe essere difficile nei paesi a basso reddito le cui carenze di bilancio sono state esacerbate dalla pandemia di COVID-19.

Il finanziamento dell’agenda sulle malattie non trasmissibili, afferma il rapporto, richiederebbe un mix di spesa interna da parte dei governi e aiuti catalitici delle agenzie di sviluppo internazionali, che storicamente sono state riluttanti a investire denaro in questo tipo di condizioni.

Ma il sostegno dei donatori per rafforzare i sistemi sanitari di base potrebbe giovare contemporaneamente sia alle malattie non trasmissibili che ai tradizionali obiettivi di aiuto allo sviluppo come l’HIV e la tubercolosi.

Gli autori si aspettano che il rapporto sia influente nella politica sanitaria globale. Il 12 aprile, il Presidente del Ghana, il Primo Ministro della Norvegia e il Direttore Generale dell’OMS ospitano un Dialogo Strategico Internazionale sulle malattie non trasmissibili.

L’incontro stabilirà un nuovo patto politico internazionale sulle? malattie non trasmissibili e richiederà ulteriori investimenti strategici da parte di paesi e donatori. Il documento di Lancet fornisce una guida concreta e un piano d’azione “costato” per i non trasmissibili che risponde direttamente alle esigenze dei decisori politici.

Un editoriale su The Lancet , intitolato “Malattie non trasmissibili: e adesso?” accompagna la pubblicazione del documento di politica sanitaria .


Maggiori informazioni: NCD Countdown 2030: percorsi efficienti e investimenti strategici per accelerare i progressi verso l’obiettivo di sviluppo sostenibile 3.4 nei paesi a basso e medio reddito, The Lancet (2022). DOI: 10.1016/S0140-6736(21)02347-3

The Lancet, Malattie non trasmissibili: e adesso?, The Lancet (2022). DOI: 10.1016/S0140-6736(22)00567-0

Categorie:Benessere

Con tag: